blob: 44cb4a994fac19bb07e1dd6ff6825781706d6a67 [file] [log] [blame]
<?xml version="1.0" ?>
<!DOCTYPE translationbundle>
<translationbundle lang="it">
<translation id="101438888985615157">Ruota lo schermo di 180°</translation>
<translation id="1016912092715201525">Configura i controlli del browser predefinito in <ph name="PRODUCT_NAME" /> e impedisce agli utenti di modificarli.
Se attivi questa impostazione, <ph name="PRODUCT_NAME" /> verifica sempre all'avvio di essere il browser predefinito e, se possibile, si registra automaticamente.
Se l'impostazione è disattivata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> non potrà mai verificare di essere il browser predefinito e disattiva i controlli utente per rendere attiva l'opzione.
Se l'impostazione non è configurata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> consente all'utente di controllare se è impostato come browser predefinito e, in caso contrario, se devono essere mostrate le notifiche per gli utenti.
Nota per gli amministratori di <ph name="MS_WIN_NAME" />: l'attivazione di questa impostazione vale solo per i computer con Windows 7. Per le versioni di Windows a partire dalla 8, devi distribuire un file di "associazioni applicazioni predefinite" che imposti <ph name="PRODUCT_NAME" /> come gestore dei protocolli <ph name="HHTPS_PROTOCOL" /> e <ph name="HTTP_PROTOCOL" /> (ed eventualmente anche del protocollo <ph name="FTP_PROTOCOL" /> e dei formati file <ph name="HTML_EXTENSION" />, <ph name="HTM_EXTENSION" />, <ph name="PDF_EXTENSION" />, <ph name="SVG_EXTENSION" />, <ph name="WEBP_EXTENSION" /> e così via). Per ulteriori informazioni, consulta <ph name="SUPPORT_URL" />.</translation>
<translation id="1017967144265860778">Gestione dell'alimentazione nella schermata di accesso</translation>
<translation id="1019101089073227242">Imposta directory dati utente</translation>
<translation id="1022361784792428773">ID delle estensioni (oppure * per tutte le estensioni) per cui non è consentita l'installazione</translation>
<translation id="102492767056134033">Impostazione stato predefinito della tastiera sullo schermo nella schermata di accesso</translation>
<translation id="1027000705181149370">Consente di specificare se trasferire o meno al profilo dell'utente i cookie di autenticazione impostati da un IdP SAML durante l'accesso.
Se durante l'accesso un utente esegue l'autenticazione tramite un IdP SAML, i cookie impostati dall'IdP vengono scritti innanzitutto in un profilo temporaneo. Questi cookie possono essere trasferiti al profilo dell'utente per far avanzare lo stato dell'autenticazione.
Se questa norma viene impostata su true, i cookie impostati dall'IdP vengono trasferiti al profilo dell'utente ogni volta che l'utente esegue l'autenticazione tramite l'IdP SAML durante l'accesso.
Se questa norma viene impostata su false o non viene impostata, i cookie impostati dall'IdP vengono trasferiti al profilo dell'utente soltanto durante il primo accesso su un dispositivo.
. Questa norma è valida soltanto per gli utenti il cui dominio corrisponde al dominio di registrazione del dispositivo. Per tutti gli altri utenti, i cookie impostati dall'IdP vengono trasferiti al profilo dell'utente soltanto durante il primo accesso sul dispositivo.</translation>
<translation id="1030120600562044329">Questa norma consente di attivare la segnalazione anonima a Google dei dati sull'utilizzo e sugli arresti anomali di <ph name="PRODUCT_NAME" /> e di impedire agli utenti di modificare questa impostazione.
Se questa impostazione è attiva, a Google vengono inviati rapporti anonimi
di dati sull'utilizzo e sugli arresti anomali. Se l'impostazione è disattivata, queste informazioni non vengono inviate
a Google. In entrambi i casi, gli utenti non possono modificare o sostituire questa impostazione.
Se la norma non viene impostata, verrà utilizzata l'impostazione scelta dall'utente
in fase di installazione/prima esecuzione.
Questa norma è disponibile esclusivamente per le istanze di Windows che fanno parte di un dominio <ph name="MS_AD_NAME" /> così come per le istanze di Windows 10 Pro o Enterprise registrate per la gestione dei dispositivi.
Per Chrome OS, vedi DeviceMetricsReportingEnabled.</translation>
<translation id="1035385378988781231">Questa norma consente di stabilire se usare o meno l'autenticazione NTLM per la funzionalità Condivisioni file di rete di <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se questa norma viene impostata su True, verrà usata l'autenticazione NTLM per le condivisioni SMB, se necessario.
Se questa norma viene impostata su False, l'autenticazione NTLM per le condivisioni SMB viene disattivata.
Se la norma non viene impostata, per impostazione predefinita la norma viene disattivata per gli utenti gestiti dall'azienda, mentre viene attivata per gli utenti non gestiti.</translation>
<translation id="1040446814317236570">Attiva la rimozione per gli URL PAC (https://)</translation>
<translation id="1044878202534415707">Consente di segnalare statistiche relative all'hardware, ad esempio l'utilizzo di CPU/RAM.
Se la norma viene impostata su false, le statistiche non vengono segnalate.
Se viene impostata su true o non viene impostata, le statistiche vengono segnalate.</translation>
<translation id="1046484220783400299">Consente di attivare le funzioni della piattaforma web obsolete per un periodo di tempo limitato</translation>
<translation id="1047128214168693844">Non consentire ad alcun sito di monitorare la posizione fisica degli utenti</translation>
<translation id="1049138910114524876">Consente di configurare la lingua da utilizzare per la schermata di accesso di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />.
Se questa norma viene impostata, la schermata di accesso verrà sempre visualizzata nella lingua stabilita dal primo valore di questa norma (la norma viene definita come elenco per la compatibilità con le versioni successive). Se la norma non viene impostata o se viene impostato un elenco vuoto, la schermata di accesso verrà visualizzata nella lingua dell'ultima sessione utente. Se la norma viene impostata su un valore non corrispondente a una lingua valida, la schermata di accesso verrà visualizzata in una lingua di riserva (attualmente en-US).</translation>
<translation id="1062011392452772310">Attivazione dell'attestazione da remoto per il dispositivo</translation>
<translation id="1062407476771304334">Sostituisci</translation>
<translation id="1079801999187584280">Non consentire l'utilizzo degli Strumenti per sviluppatori</translation>
<translation id="1093082332347834239">Se l'impostazione viene attivata, l'host per l'assistenza remota viene eseguito in un processo con le autorizzazioni <ph name="UIACCESS_PERMISSION_NAME" />. In questo modo gli utenti remoti possono interagire con finestre con privilegi più elevati sul desktop dell'utente locale.
Se l'impostazione viene disattivata o non configurata, l'host dell'assistenza remota viene eseguito nel contesto dell'utente e gli utenti remoti non possono interagire con finestre con privilegi più elevati sul desktop.</translation>
<translation id="1096105751829466145">Provider di ricerca predefinito</translation>
<translation id="1099282607296956954">Attiva isolamento sito per ogni sito</translation>
<translation id="1100570158310952027">
Questa norma consente di specificare un elenco di origini (URL) o di schemi di nomi host (ad esempio "*.example.com") a cui non vengono applicate limitazioni di sicurezza previste per le origini non sicure.
Lo scopo è consentire alle organizzazioni di configurare le origini della whitelist per le applicazioni precedenti che non possono eseguire il deployment di TLS o configurare un server di gestione temporanea per gli sviluppi web interni, di modo che gli sviluppatori possano testare le funzioni che richiedono contesti sicuri senza dover eseguire il deployment di TLS sul server di gestione temporanea. Questa norma impedisce inoltre che l'origine venga contrassegnata come "Non sicura" nella omnibox.
L'impostazione di un elenco di URL in questa norma ha lo stesso effetto dell'impostazione del flag della riga di comando "--unsafely-treat-insecure-origin-as-secure" su un elenco separato da virgole degli stessi URL. Se viene impostata, questa norma sostituisce il flag della riga di comando.
Questa norma sostituirà UnsafelyTreatInsecureOriginAsSecure, se presente.
Per ulteriori informazioni sui contesti sicuri, visita il sito https://www.w3.org/TR/secure-contexts/.
</translation>
<translation id="1107764601871839136">Questa norma consente di specificare la durata in ore della cache dell'Oggetto Criteri di gruppo (GPO). Invece di scaricare di nuovo i GPO a ogni recupero della norma, il sistema può riutilizzare i GPO memorizzati nella cache finché la loro versione non viene modificata. Questa norma consente di specificare per quanto tempo è possibile riutilizzare i GPO memorizzati nella cache prima che vengano scaricati di nuovo. Se esegui il riavvio ed esci, la cache verrà svuotata.
Se la norma non viene impostata, i GPO memorizzati nella cache possono essere riutilizzati per un periodo massimo di 25 ore.
Se la norma è impostata su 0, la memorizzazione nella cache del GPO è disattivata. Tieni presente che in questo modo aumenterà il carico del server perché i GPO verranno scaricati nuovamente a ogni recupero della norma, anche se non sono stati modificati.</translation>
<translation id="1117535567637097036">I gestori di protocollo impostati tramite questa norma non sono utilizzati durante la gestione degli intent di Android.</translation>
<translation id="1118093128235245168">Consenti ai siti di chiedere all'utente di concedere l'accesso a un dispositivo USB collegato</translation>
<translation id="1128903365609589950">Consente di configurare la directory che <ph name="PRODUCT_NAME" /> utilizza per archiviare i file memorizzati nella cache sul disco.
Se la norma viene impostata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> utilizza la directory fornita, indipendentemente dal fatto che l'utente abbia specificato o meno il flag "--disk-cache-dir". Per evitare perdite di dati o altri errori imprevisti, la norma non deve essere impostata su una directory radice del volume o su una directory utilizzata per altri scopi, poiché <ph name="PRODUCT_NAME" /> gestisce i relativi contenuti.
Vai alla pagina https://www.chromium.org/administrators/policy-list-3/user-data-directory-variables per consultare un elenco delle variabili che possono essere utilizzate.
Se la norma non viene impostata, viene utilizzata la directory della cache predefinita e l'utente può ignorarla con il flag della riga di comando "--disk-cache-dir".</translation>
<translation id="113521240853905588">Configura le lingue che possono essere utilizzate come lingue preferite di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />.
Se questa norma viene impostata, l'utente può solo aggiungere una delle lingue elencate in questa norma all'elenco delle lingue preferite. Se questa norma non viene impostata o viene impostata su un elenco vuoto, l'utente può specificare qualsiasi lingua come preferita. Se questa norma viene impostata su un elenco con valori non validi, tutti i valori non validi verranno ignorati. Se un utente ha aggiunto in precedenza all'elenco di lingue preferite alcune lingue non consentite da questa norma, le lingue non consentite verranno rimosse. Se l'utente ha configurato <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> in precedenza per essere visualizzato in una delle lingue non consentite da questa norma, all'accesso successivo la lingua di visualizzazione passerà a una lingua di interfaccia consentita. In caso contrario, <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> passerà al primo valore valido specificato da questa norma o a un'impostazione internazionale di fallback (attualmente inglese, Stati Uniti), se questa norma contiene solo voci non valide.</translation>
<translation id="1135264353752122851">Consente di configurare i layout da tastiera consentiti per le sessioni utente di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />.
Se questa norma viene impostata, l'utente potrà scegliere soltanto uno dei metodi di immissione specificati al suo interno. Se la norma non viene impostata o viene impostato un elenco vuoto, l'utente potrà selezionare tutti i metodi di immissione supportati. Se il metodo di immissione corrente non è consentito da questa norma, verrà sostituito dal layout della tastiera hardware (se consentito) o dalla prima voce valida di questo elenco. Tutti i metodi di immissione non validi o non supportati di questo elenco verranno ignorati.</translation>
<translation id="1138294736309071213">Questa norma è attiva soltanto in modalità retail.
Consente di stabilire il periodo di tempo che deve trascorrere prima della visualizzazione dello screensaver nella schermata di accesso dei dispositivi in modalità retail.
Il valore della norma deve essere specificato in millisecondi.</translation>
<translation id="1151353063931113432">Consenti immagini su questi siti</translation>
<translation id="1152117524387175066">Consente di indicare lo stato dello switch dev del dispositivo all'avvio. Se la norma viene impostata su False, lo stato dello switch dev non viene indicato.</translation>
<translation id="1160479894929412407">Consenti protocollo QUIC</translation>
<translation id="1160939557934457296">Disattiva procedendo dalla pagina di avviso Navigazione sicura</translation>
<translation id="1189817621108632689">Questa norma consente di impostare un elenco di pattern URL che specificano i siti in cui non è consentita la visualizzazione di immagini.
Se questa norma non viene impostata, per tutti i siti verrà utilizzato il valore predefinito globale della norma "DefaultImagesSetting", se è impostata, oppure verrà utilizzata la configurazione personale dell'utente.
Tieni presente che in precedenza questa norma è stata erroneamente abilitata su Android, ma questa funzione non è mai stata completamente supportata su Android.</translation>
<translation id="1198465924256827162">Consente di stabilire la frequenza di invio, in millisecondi, dei caricamenti dello stato del dispositivo.
Se questa norma non viene impostata, la frequenza predefinita è pari a tre ore. La frequenza minima consentita è pari a 60 secondi.</translation>
<translation id="1204263402976895730">Stampanti aziendali attive</translation>
<translation id="1219695476179627719">Consente di specificare se il dispositivo deve eseguire il rollback alla versione impostata da <ph name="DEVICE_TARGET_VERSION_PREFIX_POLICY_NAME" /> nel caso in cui sia già in esecuzione una versione successiva.
L'impostazione predefinita è RollbackDisabled.</translation>
<translation id="1221359380862872747">Carica gli URL specificati all'accesso demo</translation>
<translation id="1223789468190631420">Stato attivazione Navigazione sicura per origini attendibili</translation>
<translation id="122899932962115297">Una whitelist che consente di stabilire quali modalità di sblocco rapido possono essere configurate e usate dagli utenti per sbloccare la schermata di blocco.
Il valore è un elenco di stringhe; le voci valide sono "tutte", "PIN" e "IMPRONTA". Se viene aggiunto il valore "tutte" all'elenco, sono disponibili tutte le modalità di sblocco rapido, incluse quelle implementate in futuro. In caso contrario, saranno disponibili solo le modalità indicate nell'elenco.
Ad esempio, per consentire ogni modalità di sblocco rapido, usa ["tutte"]. Per consentire solo lo sblocco tramite PIN, usa ["PIN"]. Per consentire l'uso del PIN e dell'impronta, usa ["PIN", "IMPRONTA"]. Per disattivare tutte le modalità di sblocco rapido, usa [].
Per impostazione predefinita, non ci sono modalità di sblocco rapido disponibili per i dispositivi gestiti.</translation>
<translation id="123081309365616809">Attiva la trasmissione di contenuti al dispositivo</translation>
<translation id="1231349879329465225">Consente di attivare o disattivare Fast Transition.
La scelta è valida per tutti gli utenti e per tutte le interfacce sul dispositivo.
Per poter usare Fast Transition è necessario attivare sia questa impostazione, sia la proprietà ONC per ogni rete.
Una volta impostato, Fast Transition rimane valido fino alla modifica della norma per disattivarlo.
Se la norma non è impostata o è impostata su false, Fast Transition non viene utilizzato.
Se è impostata su true, Fast Transition viene utilizzato quando il punto di accesso wireless lo supporta.</translation>
<translation id="1243570869342663665">Controlla il filtro dei contenuti per adulti di SafeSites.</translation>
<translation id="1257550411839719984">Imposta directory di download predefinita</translation>
<translation id="1265053460044691532">Limita il tempo per cui un utente autenticato tramite SAML può eseguire l'accesso offline</translation>
<translation id="1291880496936992484">Avviso. RC4 sarà rimosso completamente da <ph name="PRODUCT_NAME" /> dopo la versione 52 (nel periodo di settembre 2016), dopodiché questa norma non sarà più attiva.
Se la norma non viene impostata o se viene impostata su false, i pacchetti di crittografia RC4 in TLS non saranno attivati. In alternativa, la norma può essere impostata su true per mantenere la compatibilità con un server obsoleto. Si tratta di una soluzione temporanea ed è necessario configurare nuovamente il server.</translation>
<translation id="1297182715641689552">Utilizza uno script proxy .pac</translation>
<translation id="1304973015437969093">ID app/estensioni e URL di aggiornamento da installare automaticamente</translation>
<translation id="1307415922184340052">Invia nome utente e nome file al server delle stampanti native per ogni processo di stampa. L'impostazione predefinita non prevede l'invio.</translation>
<translation id="1307454923744766368">Origini o schemi di nomi host a cui non dovrebbero essere applicate limitazioni previste per le origini non sicure.</translation>
<translation id="1313457536529613143">Consente di specificare la percentuale di regolazione del ritardo di oscuramento dello schermo quando viene osservata l'attività dell'utente mentre lo schermo è oscurato o subito dopo lo spegnimento dello schermo.
Se questa norma viene impostata, consente di specificare la percentuale di regolazione del ritardo di oscuramento dello schermo quando viene osservata l'attività dell'utente mentre lo schermo è oscurato o subito dopo lo spegnimento dello schermo. Quando il ritardo di oscuramento viene regolato, i ritardi di spegnimento, blocco e inattività dello schermo vengono regolati per mantenere gli stessi distacchi dal ritardo di oscuramento dello schermo configurato in origine.
Se la norma non viene impostata viene utilizzato un fattore di regolazione predefinito.
Il fattore di regolazione minimo deve essere 100%.</translation>
<translation id="131353325527891113">Mostra nomi utente nella schermata di accesso</translation>
<translation id="1327466551276625742">Attivazione richiesta di configurazione della rete offline</translation>
<translation id="1330145147221172764">Attiva tastiera sullo schermo</translation>
<translation id="13356285923490863">Nome norma</translation>
<translation id="1352174694615491349">Questa norma consente la coalescenza di connessioni HTTP/2 quando sono in uso i certificati client. Per ottenere la coalescenza delle connessioni, i nomi host della nuova potenziale connessione e della connessione esistente devono corrispondere a uno o più schemi descritti da questa norma. La norma è un elenco di host che utilizzano il formato del filtro URLBlacklist: "example.com" corrispondente a "example.com" e tutti i sottodomini (ad esempio "sub.example.com"), mentre ".example.net" corrisponde esattamente a "example.net".
Le richieste di coalescenza indirizzate a diversi host tra connessioni che utilizzano certificati client possono creare problemi di privacy o di sicurezza, perché l'ambient authority viene comunicata a tutte le richieste anche se l'utente non ha dato alcuna autorizzazione esplicita. Questa norma è provvisoria e verrà rimossa in una release futura. Consulta il sito https://crbug.com/855690.
Se questa norma non viene impostata, verrà applicato il comportamento predefinito che non consente la coalescenza di connessioni HTTP/2 per le connessioni che utilizzano certificati client.</translation>
<translation id="1353966721814789986">Pagine di avvio</translation>
<translation id="1354424209129232709">Massimo:</translation>
<translation id="1359553908012294236">Se questa norma viene impostata su true o non viene configurata, in <ph name="PRODUCT_NAME" /> verranno attivati gli accessi come ospite, che sono profili <ph name="PRODUCT_NAME" /> in cui tutte le finestre sono in modalità di navigazione in incognito.
Se questa norma viene impostata su false, in <ph name="PRODUCT_NAME" /> non sarà possibile avviare profili ospite.</translation>
<translation id="1363275621236827384">Attiva le query in Quirks Server per i profili hardware</translation>
<translation id="1384459581748403878">Riferimento: <ph name="REFERENCE_URL" /></translation>
<translation id="1387596372902085462">Consente di stabilire se considerare attendibile o meno l'infrastruttura PKI precedente di Symantec Corporation</translation>
<translation id="1393485621820363363">Stampanti aziendali associate ai dispositivi attive</translation>
<translation id="1397855852561539316">URL di suggerimento del provider di ricerca predefinito</translation>
<translation id="1413936351612032792">Segnala informazioni sull'utilizzo delle app Linux</translation>
<translation id="142346659686073702">Consenti agli utenti non affiliati di usare Crostini</translation>
<translation id="1426410128494586442"></translation>
<translation id="1427655258943162134">Indirizzo o URL del server proxy</translation>
<translation id="1431272318313028342">Consente di attivare la funzione Navigazione sicura di <ph name="PRODUCT_NAME" /> e di impedire agli utenti di modificare questa impostazione.
Se attivi questa impostazione, la Navigazione sicura è sempre attiva.
Se la disattivi, la Navigazione sicura non è mai attiva.
Se attivi o disattivi l'impostazione, gli utenti non possono modificare o sostituire l'opzione "Attiva protezione contro phishing e malware" in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se questa norma non viene impostata, l'impostazione verrà attivata ma gli utenti potranno modificarla.
Visita il sito https://developers.google.com/safe-browsing per avere ulteriori informazioni sulla funzione Navigazione sicura.
Questa norma è disponibile esclusivamente per le istanze di Windows che fanno parte di un dominio <ph name="MS_AD_NAME" /> così come per le istanze di Windows 10 Pro o Enterprise registrate per la gestione dei dispositivi.</translation>
<translation id="1435659902881071157">Configurazione di rete a livello di dispositivo</translation>
<translation id="1438739959477268107">Impostazione generazione di chiavi predefinite</translation>
<translation id="1454846751303307294">Consente di impostare un elenco di pattern URL che specificano i siti in cui non è consentita l'esecuzione di JavaScript. Se questa norma non viene impostata, per tutti i siti verrà utilizzato il valore predefinito globale della norma "DefaultJavaScriptSetting", se è impostata, oppure verrà utilizzata la configurazione personale dell'utente.</translation>
<translation id="1456822151187621582">Windows (client <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />):</translation>
<translation id="1464848559468748897">Consente di controllare il comportamento degli utenti in una sessione multiprofilo su dispositivi <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />.
Se questa norma viene impostata su "MultiProfileUserBehaviorUnrestricted", l'utente può essere l'utente principale o secondario di una sessione multiprofilo.
Se questa norma viene impostata su "MultiProfileUserBehaviorMustBePrimary", l'utente può essere soltanto l'utente principale di una sessione multiprofilo.
Se questa norma viene impostata su "MultiProfileUserBehaviorNotAllowed", l'utente non può fare parte di una sessione multiprofilo.
Se questa norma viene impostata, gli utenti non possono cambiarla o sostituirla.
Se l'impostazione viene cambiata e l'utente ha eseguito l'accesso in una sessione multiprofilo, tutti gli utenti della sessione verranno confrontati con le relative impostazioni corrispondenti. La sessione viene chiusa se uno degli utenti non può più fare parte della sessione.
Se la norma non viene impostata, per gli utenti gestiti dall'azienda viene applicato il valore predefinito "MultiProfileUserBehaviorMustBePrimary", mentre per gli utenti non gestiti viene applicato il valore "MultiProfileUserBehaviorUnrestricted".</translation>
<translation id="1465619815762735808">Click to play</translation>
<translation id="1468307069016535757">Consente di impostare lo stato predefinito della funzione di accessibilità della modalità ad alto contrasto nella schermata di accesso.
Se la norma viene impostata su true, la modalità ad alto contrasto verrà attivata quando viene visualizzata la schermata di accesso.
Se la norma viene impostata su false, la modalità ad alto contrasto verrà disattivata quando viene visualizzata la schermata di accesso.
Se la norma viene impostata, gli utenti possono ignorarla temporaneamente attivando o disattivando la modalità ad alto contrasto. La scelta dell'utente non è però permanente e viene ripristinato il valore predefinito quando viene visualizzata di nuovo la schermata di accesso o quando l'utente rimane inattivo nella schermata di accesso per un minuto.
Se la norma non viene impostata, la modalità ad alto contrasto viene disattivata alla prima visualizzazione della schermata di accesso. Gli utenti possono attivare o disattivare la modalità ad alto contrasto in qualsiasi momento e il relativo stato nella schermata di accesso persiste per tutti gli utenti.</translation>
<translation id="1468707346106619889">Se le norme sono impostate su "true", la modalità Desktop unificato è consentita e
attivata per impostazione predefinita, il che significa che le applicazioni includono diverse visualizzazioni.
L'utente può disattivare la modalità Desktop unificato per le singole visualizzazioni deselezionandola
nelle impostazioni di visualizzazione.
Se le norme sono impostate su "false" o non sono impostate, la modalità Desktop unificato
sarà disattivata. In questo caso, l'utente non potrà attivare la funzione.</translation>
<translation id="1474273443907024088">Disattiva TLS False Start</translation>
<translation id="1477934438414550161">TLS 1.2</translation>
<translation id="1484146587843605071"><ph name="PRODUCT_NAME" /> ignorerà i proxy relativi all'elenco di host specificato qui.
Questa norma viene applicata solo se sono state selezionate le impostazioni proxy manuali in "Scegli come specificare le impostazioni del server proxy".
Se hai selezionato un'altra modalità per l'impostazione delle norme relative al proxy, non devi impostare questa norma.
Per esempi più dettagliati, visita il seguente indirizzo:
<ph name="PROXY_HELP_URL" />.</translation>
<translation id="1502843533062797703">Attiva blocco inserimento da software di terze parti</translation>
<translation id="1504431521196476721">Attestazione da remoto</translation>
<translation id="1507957856411744193">Se questa norma è impostata su True, <ph name="PRODUCT_NAME" /> si connetterà ai dispositivi di trasmissione su tutti gli indirizzi IP, non soltanto su indirizzi privati RFC1918/RFC4913.
Se questa norma è impostata su False, <ph name="PRODUCT_NAME" /> si connetterà ai dispositivi di trasmissione soltanto su indirizzi privati RFC1918/RFC4913.
Se questa norma non è impostata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> si connetterà ai dispositivi di trasmissione soltanto su indirizzi privati RFC1918/RFC4913, a meno che non sia attiva la funzione CastAllowAllIPs.
Se la norma "EnableMediaRouter" è impostata su False, allora il valore di questa norma non produrrà alcun effetto.</translation>
<translation id="1509692106376861764">Questa norma non è più supportata a partire dalla versione 29 di <ph name="PRODUCT_NAME" />.</translation>
<translation id="1514888685242892912">Attiva <ph name="PRODUCT_NAME" /></translation>
<translation id="1522425503138261032">Consenti ai siti di monitorare la posizione fisica degli utenti</translation>
<translation id="1523774894176285446">Browser alternativo da aprire per i siti web configurati.</translation>
<translation id="152657506688053119">Elenco di URL alternativi per il fornitore del servizio di ricerca predefinito</translation>
<translation id="1530812829012954197">Visualizza sempre i seguenti schemi URL nel browser host</translation>
<translation id="1541170838458414064">Limita le dimensioni delle pagine di stampa</translation>
<translation id="1553684822621013552">Quando questo criterio è impostato su true, ARC è attivato (soggetto ad altri controlli delle impostazioni dei criteri - ARC continuerà a essere disattivato se nella sessione utente corrente è attivata la modalità temporanea o l'accesso simultaneo).
Se l'impostazione è disattivata o non è stata configurata, gli utenti aziendali non potranno utilizzare ARC.</translation>
<translation id="1559980755219453326">Questa norma consente di stabilire se segnalare o meno i dati delle estensioni e dei plug-in.
Se questa norma non viene impostata o viene impostata su True, i dati delle estensioni e dei plug-in vengono raccolti.
Se questa norma viene impostata su False, i dati delle estensioni e dei plug-in non vengono raccolti.
Questa norma viene applicata soltanto se viene attivata l'estensione <ph name="CHROME_REPORTING_EXTENSION_NAME" /> e il computer viene registrato con la norma <ph name="MACHINE_LEVEL_USER_CLOUD_POLICY_ENROLLMENT_TOKEN_POLICY_NAME" />.</translation>
<translation id="1561424797596341174">La norma sostituisce le build di debug dell'host di accesso remoto</translation>
<translation id="1561967320164410511">U2F più estensioni per singola attestazione</translation>
<translation id="1574554504290354326">Questa impostazione è obsoleta. Utilizza invece SafeBrowsingExtendedReportingEnabled. L'attivazione o la disattivazione di SafeBrowsingExtendedReportingEnabled equivale a impostare SafeBrowsingExtendedReportingOptInAllowed su False.
L'impostazione di questa norma su False impedisce agli utenti di decidere di inviare ai server di Google alcune informazioni di sistema e i contenuti della pagina. Se questa impostazione viene configurata su True o non viene configurata, gli utenti potranno inviare alcune informazioni di sistema e i contenuti della pagina a Navigazione sicura per contribuire a rilevare app e siti pericolosi.
Visita il sito https://developers.google.com/safe-browsing per avere ulteriori informazioni sulla funzione Navigazione sicura.</translation>
<translation id="1583248206450240930">Utilizza <ph name="PRODUCT_FRAME_NAME" /> per impostazione predefinita</translation>
<translation id="1599424828227887013">Attiva isolamento dei siti per origini specificate su dispositivi Android</translation>
<translation id="1608755754295374538">URL a cui verrà concesso l'accesso ai dispositivi di acquisizione audio senza richieste</translation>
<translation id="1615221548356595305">Consenti la coalescenza di connessioni HTTP/2 per questi host anche quando sono in uso i certificati client</translation>
<translation id="1617235075406854669">Attiva eliminazione cronologia del browser e dei download</translation>
<translation id="163200210584085447">I pattern di questo elenco verranno confrontati con l'origine di sicurezza dell'URL richiedente. Se viene trovata una corrispondenza, l'accesso ai dispositivi di acquisizione video verrà concesso sulle pagine di accesso SAML. In caso contrario, l'accesso verrà automaticamente negato. Non sono consentite sequenze con caratteri jolly.</translation>
<translation id="1634989431648355062">Consenti il plug-in <ph name="FLASH_PLUGIN_NAME" /> su questi siti</translation>
<translation id="1655229863189977773">Imposta le dimensioni della cache su disco in byte</translation>
<translation id="166427968280387991">Server proxy</translation>
<translation id="1668836044817793277">Consente o meno all'app kiosk avviata automaticamente senza ritardo di controllare la versione di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />.
Questa norma consente o meno all'app kiosk avviata automaticamente senza ritardo di controllare la versione di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />, dichiarando il valore required_platform_version nel relativo file manifest e utilizzandolo come prefisso per la versione target relativa agli aggiornamenti automatici.
Se la norma viene impostata su true, il valore della chiave manifest required_platform_version dell'app kiosk avviata automaticamente senza ritardo viene utilizzato come prefisso per la versione target relativa agli aggiornamenti automatici.
Se la norma non viene configurata o viene impostata su false, la chiave manifest required_platform_version viene ignorata e l'aggiornamento automatico prosegue normalmente.
Avviso. Non è consigliato delegare il controllo della versione di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> a un'app kiosk, poiché potrebbe impedire al dispositivo di ricevere aggiornamenti software e correzioni di sicurezza fondamentali. Delegare il controllo della versione di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> potrebbe mettere a rischio gli utenti.</translation>
<translation id="1675002386741412210">Supportato su:</translation>
<translation id="1689963000958717134">Consente di forzare l'applicazione della configurazione di rete per tutti gli utenti di un dispositivo <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />. La configurazione di rete è una stringa in formato JSON definita secondo il formato Open Network Configuration descritto all'indirizzo <ph name="ONC_SPEC_URL" />.</translation>
<translation id="1708496595873025510">Imposta la limitazione sul recupero del numero di inizializzazione delle varianti</translation>
<translation id="1717817358640580294">Se questa norma non viene impostata, nel caso in cui Chrome Software Cleaner dovesse rilevare software indesiderato, a Google potrebbero essere segnalati metadati relativi alla scansione in base alla norma stabilita da SafeBrowsingExtendedReportingEnabled. Chrome Software Cleaner chiederà poi all'utente se vuole ripulire il software indesiderato. L'utente può scegliere se condividere i risultati della pulizia con Google per facilitare l'identificazione di software indesiderato in futuro. Questi risultati contengono metadati di file, estensioni installate automaticamente e chiavi del registro di sistema, come spiegato nel Whitepaper sulla privacy di Chrome.
Se la norma viene disattivata, nel caso in cui Chrome Software Cleaner dovesse rilevare software indesiderato, a Google non verranno segnalati metadati relativi alla scansione, ignorando qualsiasi norma stabilita da SafeBrowsingExtendedReportingEnabled. Chrome Software Cleaner chiederà all'utente se vuole ripulire il software indesiderato. I risultati della pulizia non verranno segnalati a Google e l'utente non avrà la possibilità di segnalarli.
Se questa norma viene attivata, nel caso in cui Chrome Software Cleaner dovesse rilevare software indesiderato, a Google potrebbero essere segnalati metadati relativi alla scansione in base alla norma stabilita da SafeBrowsingExtendedReportingEnabled. Chrome Software Cleaner chiederà all'utente se vuole ripulire il software indesiderato. I risultati della pulizia verranno segnalati a Google e l'utente non avrà la possibilità di impedire la segnalazione.
Questa norma è disponibile esclusivamente per le istanze di Windows che fanno parte di un dominio <ph name="MS_AD_NAME" /> così come per le istanze di Windows 10 Pro o Enterprise registrate per la gestione dei dispositivi.</translation>
<translation id="172374442286684480">Consenti a tutti i siti di impostare i dati locali</translation>
<translation id="1734716591049455502">Configura le opzioni di accesso remoto</translation>
<translation id="1736269219679256369">Consenti di proseguire dalla pagina di avviso SSL</translation>
<translation id="1745780278307622857">Questa norma determina se <ph name="PRODUCT_NAME" /> può consentire il download senza che Navigazione sicura effettui controlli nel caso in cui la fonte sia attendibile.
Se la norma è impostata su false, i file scaricati da una fonte sicura non verranno inviati a Navigazione sicura per l'analisi.
Se la norma non viene impostata o è impostata su true, i file scaricati vengono inviati a Navigazione sicura per l'analisi anche se la fonte è attendibile.
Tieni presente che tali limitazioni vengono applicate ai download attivati dai contenuti delle pagine web, nonché all'opzione del menu contestuale "Scarica link...". Tali limitazioni non vengono applicate al salvataggio o al download della pagina visualizzata né all'opzione di stampa relativa al salvataggio in PDF.
Questa norma è disponibile esclusivamente per le istanze di Windows che fanno parte di un dominio <ph name="MS_AD_NAME" /> così come per le istanze di Windows 10 Pro o Enterprise registrate per la gestione dei dispositivi.</translation>
<translation id="1749815929501097806">Consente di impostare i Termini di servizio che l'utente deve accettare per poter avviare una sessione con l'account locale del dispositivo.
Se questa norma viene impostata, <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> scaricherà i Termini di servizio e li presenterà all'utente all'avvio di una sessione con l'account locale del dispositivo. L'utente potrà avviare la sessione soltanto dopo avere accettato i Termini di servizio.
Se questa norma non viene impostata, i Termini di servizio non verranno visualizzati.
Per la norma dovrebbe essere impostato un URL da cui <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> possa scaricare i Termini di servizio. I Termini di servizio devono essere in testo normale e pubblicati come testo di tipo MIME/semplice. Il markup non è consentito.</translation>
<translation id="1750315445671978749">Blocca tutti i download</translation>
<translation id="1781356041596378058">Questa norma controlla anche l'accesso alle Opzioni sviluppatore di Android. Se la norma viene impostata su true, gli utenti non possono accedere alle Opzioni sviluppatore. Se la norma viene impostata su false o non viene impostata, gli utenti possono accedere alle Opzioni sviluppatore toccando sette volte il numero di build nell'app Impostazioni di Android.</translation>
<translation id="1797233582739332495">Mostra un messaggio ricorrente all'utente in cui indica che è necessario un riavvio</translation>
<translation id="1798559516913615713">Durata della cache del GPO</translation>
<translation id="1803646570632580723">Elenco di applicazioni bloccate da visualizzare in Avvio applicazioni</translation>
<translation id="1808715480127969042">Blocca cookie su questi siti</translation>
<translation id="1810261428246410396">Consenti l'uso del tethering istantaneo.</translation>
<translation id="1817685358399181673">Questa norma consente di specificare l'immagine <ph name="PLUGIN_VM_NAME" /> per un utente. Per impostare la norma, è necessario specificare l'URL da cui scaricare l'immagine e specificare l'hash SHA-256 utilizzato per verificare l'integrità del download.
La norma deve essere specificata sotto forma di stringa contenente l'URL e l'hash in formato JSON.</translation>
<translation id="1827523283178827583">Utilizza server proxy definiti</translation>
<translation id="1831495419375964631">Questa norma è un URL che rimanda a un file XML nello stesso formato della norma <ph name="IEEM_SITELIST_POLICY" /> di Internet Explorer. Se viene impostata, le regole vengono caricate da un file XML senza essere condivise con Internet Explorer.
Se non viene impostata o non è impostata su un URL valido, <ph name="PRODUCT_NAME" /> non utilizza tale URL come fonte di regole per il cambio di browser.
Se è impostata su un URL valido, <ph name="PRODUCT_NAME" /> scarica l'elenco dei siti da tale URL e applica le regole come se fossero state configurate con la norma <ph name="SITELIST_POLICY_NAME" />.
Per ulteriori informazioni sulla norma <ph name="IEEM_SITELIST_POLICY" /> di Internet Explorer: https://docs.microsoft.com/internet-explorer/ie11-deploy-guide/what-is-enterprise-mode</translation>
<translation id="1839060937202387559">Consente di segnalare statistiche hardware e identificatori relativi ai dispositivi di archiviazione.
Se la norma viene impostata su false, le statistiche non vengono segnalate.
Se viene impostata su true o non viene impostata, le statistiche vengono segnalate.</translation>
<translation id="1843117931376765605">Frequenza di aggiornamento per norma utente</translation>
<translation id="1844620919405873871">Consente di configurare le norme relative allo sblocco rapido.</translation>
<translation id="1847960418907100918">Consente di specificare i parametri utilizzati durante la ricerca istantanea con POST. Si tratta di coppie di nome/valore separate da virgole. Se un valore è il parametro di un modello, come {searchTerms} nell'esempio precedente, verrà sostituito con i dati dei termini di ricerca reali.
Questa norma è facoltativa. Se non viene impostata, la richiesta di ricerca istantanea verrà inviata utilizzando il metodo GET.
Questa norma viene rispettata soltanto se la norma "DefaultSearchProviderEnabled" è attiva.</translation>
<translation id="1852294065645015766">Consenti la riproduzione automatica dei contenuti multimediali</translation>
<translation id="1859859319036806634">Avviso. Il fallback della versione TLS sarà rimosso da <ph name="PRODUCT_NAME" /> dopo la versione 52 (nel periodo settembre 2016), dopodiché questa norma non sarà più attiva.
Se lo handshake TLS non riesce, <ph name="PRODUCT_NAME" /> proverà a stabilire una connessione con una versione precedente di TLS per risolvere i bug nei server HTTPS. Con questa impostazione viene configurata la versione in cui si interrompe il processo di fallback. Se un server esegue correttamente la negoziazione della versione (cioè senza interrompere la connessione), questa impostazione non viene applicata. In ogni caso, la connessione risultante deve essere conforme a SSLVersionMin.
Se questa norma non è configurata o se viene impostata su "tls1.2", <ph name="PRODUCT_NAME" /> non eseguirà più il fallback. Il supporto per le versioni precedenti di TLS non viene disattivato, solo se <ph name="PRODUCT_NAME" /> eviterà i server che presentano errori e che non sono in grado di trattare correttamente le versioni.
In caso contrario, se è necessario mantenere la compatibilità con un server con errori, è possibile impostare la norma su "tls1.1". Si tratta di una misura temporanea ed è necessario correggere rapidamente il server.</translation>
<translation id="1864269674877167562">Se questa norma non viene configurata o se viene impostata una stringa vuota, non verrà mostrata un'opzione di completamento automatico durante il flusso di accesso dell'utente in <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />.
Se per questa norma viene impostata una stringa che rappresenta un nome di dominio, durante l'accesso dell'utente in <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> verrà mostrata un'opzione di completamento automatico che consentirà all'utente di digitare soltanto il nome utente senza l'estensione del nome di dominio. L'utente potrà sovrascrivere l'estensione del nome di dominio.</translation>
<translation id="1864382791685519617">Consente la previsione della rete in <ph name="PRODUCT_NAME" /> e impedisce agli utenti di modificare questa impostazione.
Controlla il precaricamento DNS, la preconnessione TCP ed SSL e il prerendering delle pagine web.
Se imposti questa norma, gli utenti non potranno modificare né sostituire questa impostazione in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se questa norma non viene impostata, la previsione di rete verrà attivata ma l'utente potrà modificarla.</translation>
<translation id="1865417998205858223">Autorizzazioni chiave</translation>
<translation id="186719019195685253">Azione da compiere quando il ritardo di inattività viene raggiunto durante l'utilizzo della corrente CA</translation>
<translation id="187819629719252111">Consente di accedere ai file locali presenti sul computer, permettendo a <ph name="PRODUCT_NAME" /> di visualizzare le finestre di dialogo di selezione dei file. Se attivi questa impostazione, gli utenti potranno aprire le finestre di dialogo di selezione dei file come di consueto. Se disattivi questa impostazione, ogni volta che l'utente eseguirà un'azione che apre una finestra di dialogo di selezione file (ad esempio importazione di Preferiti, caricamento di file, salvataggio di link e così via), verrà visualizzato un messaggio e il sistema presupporrà che l'utente abbia fatto clic sul pulsante Annulla della finestra di dialogo stessa. Se questa impostazione non viene impostata, gli utenti potranno aprire le finestre di dialogo di selezione file come di consueto.</translation>
<translation id="1885782360784839335">Attiva la visualizzazione di contenuti promozionali a scheda intera</translation>
<translation id="1888871729456797026">Il token di registrazione della norma relativa alla cloud su desktop</translation>
<translation id="1897365952389968758">Consenti l'esecuzione di JavaScript in tutti i siti</translation>
<translation id="1906888171268104594">Consente di stabilire se riferire o meno le metriche sull'utilizzo e i dati diagnostici, inclusi i rapporti sugli arresti anomali, a Google.
Se la norma viene impostata su true, <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> riferirà le metriche sull'utilizzo e i dati diagnostici.
Se viene impostata su false, i rapporti sulle metriche e sui dati diagnostici verranno disattivati.
Se non viene configurata, i rapporti sulle metriche e sui dati diagnostici verranno disattivati sui dispositivi non gestiti e attivati sui dispositivi gestiti.</translation>
<translation id="1907431809333268751">Consente di configurare l'elenco di URL di accesso aziendale (solo schemi HTTP e HTTPS). L'impronta digitale della password sarà acquisita su questi URL e utilizzata successivamente per il rilevamento del riutilizzo della password.
Affinché <ph name="PRODUCT_NAME" /> possa acquisire correttamente le impronte digitali delle password, assicurati che le pagine di accesso rispettino le linee guida all'indirizzo https://www.chromium.org/developers/design-documents/create-amazing-password-forms.
Se questa impostazione è attiva, il servizio di protezione tramite password acquisisce l'impronta della password su questi URL ai fini del rilevamento del riutilizzo della password.
Se questa impostazione è disattivata o non configurata, il servizio di protezione tramite password acquisirà l'impronta della password solo all'indirizzo https://accounts.google.com.
Questa norma è disponibile esclusivamente per le istanze di Windows che fanno parte di un dominio <ph name="MS_AD_NAME" /> così come per le istanze di Windows 10 Pro o Enterprise registrate per la gestione dei dispositivi.</translation>
<translation id="1920046221095339924">Consenti la sessione gestita sul dispositivo</translation>
<translation id="1929709556673267855">Consente di specificare le configurazioni delle stampanti aziendali associate ai dispositivi.
Questa norma ti consente di specificare le configurazioni delle stampanti per i dispositivi <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />. Il formato corrisponde a quello del dizionario NativePrinters, con un campo "id" o "guid" aggiuntivo obbligatorio per ciascuna stampante ai fini dell'autorizzazione o della negazione della stessa.
Le dimensioni del file non devono superare 5 MB e il file deve essere codificato in JSON. È stato stimato che un file contenente circa 21.000 stampanti viene codificato come file di 5 MB. L'hash crittografico viene usato per verificare l'integrità del download.
Il file viene scaricato e memorizzato nella cache. Verrà scaricato di nuovo ogni volta che cambierà l'URL o l'hash.
Se questa norma viene impostata, <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> scaricherà il file per le configurazioni delle stampanti e renderà disponibili le stampanti in base alle norme <ph name="DEVICE_PRINTERS_ACCESS_MODE" />, <ph name="DEVICE_PRINTERS_WHITELIST" /> e <ph name="DEVICE_PRINTERS_BLACKLIST" />.
Questa norma non influisce sulla capacità degli utenti di configurare le stampanti su singoli dispositivi. È supplementare alla configurazione di stampanti da parte dei singoli utenti.
Si tratta di una norma aggiuntiva alla norma <ph name="BULK_PRINTERS_POLICY" />.
Se questa norma non viene impostata, non ci saranno stampanti per i dispositivi e le altre norme <ph name="DEVICE_PRINTERS_POLICY_PATTERN" /> verranno ignorate.
</translation>
<translation id="193259052151668190">Whitelist di dispositivi USB scollegabili</translation>
<translation id="1933378685401357864">Immagine di sfondo</translation>
<translation id="1956493342242507974">Questa norma consente di configurare la gestione dell'alimentazione in relazione alla schermata di accesso di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />.
Questa norma consente di configurare il comportamento di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> quando non c'è attività dell'utente per un periodo di tempo mentre è visualizzata la schermata di accesso. La norma consente di controllare diverse impostazioni. Per conoscere la semantica e gli intervalli di valori di ogni impostazione, leggi le norme corrispondenti che consentono di controllare la gestione dell'alimentazione all'interno di una sessione. Le uniche differenze rispetto a queste norme sono:
* Le azioni da compiere in caso di inattività o chiusura del coperchio non possono essere l'interruzione della sessione.
* L'azione predefinita compiuta in caso di inattività durante l'alimentazione con corrente alternata è lo spegnimento.
Se un'impostazione non viene specificata, viene utilizzato un valore predefinito.
Se questa norma non viene impostata, vengono utilizzati i valori predefiniti per tutte le impostazioni.</translation>
<translation id="1958138414749279167">Consente di attivare la funzione Compilazione automatica di <ph name="PRODUCT_NAME" /> e permette agli utenti di eseguire il completamento automatico dell'indirizzo nei moduli web utilizzando informazioni memorizzate in precedenza.
Se questa impostazione è disattivata, la funzione Compilazione automatica non suggerirà o non inserirà mai i dati relativi all'indirizzo, né salverà altre informazioni relative ad altri indirizzi che l'utente potrebbe inviare durante la navigazione sul Web.
Se questa impostazione è attivata o non è impostata su alcun valore, l'utente potrà gestire la funzione Compilazione automatica per gli indirizzi nell'interfaccia utente.</translation>
<translation id="1960840544413786116">Consente di stabilire se consentire i certificati privi dell'estensione subjectAlternativeName emessi dai trust anchor locali</translation>
<translation id="1962273523772270623">Consenti la raccolta di log eventi WebRTC dai servizi Google</translation>
<translation id="1964634611280150550">Modalità di navigazione in incognito non attiva</translation>
<translation id="1964802606569741174">Questa norma non ha effetto sull'app YouTube per Android. Se è necessario applicare la modalità di protezione di YouTube, l'installazione dell'app YouTube per Android non deve essere consentita.</translation>
<translation id="1969212217917526199">Sostituisce le build di debug dell'host di accesso remoto.
Il valore viene analizzato come un dizionario JSON di associazioni tra nomi e valori di norme.</translation>
<translation id="1969808853498848952">Esegue sempre i plug-in che richiedono l'autorizzazione (ritirata)</translation>
<translation id="1988371335297483117">I payload di aggiornamento automatico su <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> possono essere scaricati tramite HTTP anziché tramite HTTPS. Ciò consente la memorizzazione nella cache HTTP trasparente dei download HTTP.
Se questa norma viene impostata su true, <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> tenterà di scaricare payload di aggiornamento automatico tramite HTTP. Se la norma viene impostata su false o non viene impostata, per il download di payload di aggiornamento automatico verrà utilizzato HTTPS.</translation>
<translation id="199764499252435679">Consenti gli aggiornamenti dei componenti in <ph name="PRODUCT_NAME" /></translation>
<translation id="2006530844219044261">Gestione dell'alimentazione</translation>
<translation id="201557587962247231">Frequenza dei caricamenti del rapporto sullo stato del dispositivo</translation>
<translation id="2017301949684549118">URL per abb web da installare automaticamente.</translation>
<translation id="2018836497795982119">Consente di specificare in millisecondi il periodo di tempo per cui vengono richieste informazioni sulle norme relative agli utenti al servizio di gestione del dispositivo.
Se questa norma viene impostata, il valore predefinito di tre ore viene ignorato. L'intervallo dei valori validi per questa norma è compreso tra 1800000 (30 minuti) e 86400000 (un giorno). I valori non compresi in questo intervallo verranno bloccati al relativo limite. Se la piattaforma supporta le notifiche relative alle norme, il ritardo dell'aggiornamento verrà impostato su 24 ore perché è previsto che le notifiche relative alle norme forzino l'aggiornamento automatico quando cambiano le norme.
Se questa norma non viene impostata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> utilizzerà il valore predefinito di tre ore.
Se la piattaforma supporta le notifiche relative alle norme, il ritardo dell'aggiornamento verrà impostato su 24 ore (vengono ignorati tutti i valori predefiniti e il valore di questa norma) perché è previsto che le notifiche relative alle norme forzino l'aggiornamento automatico quando cambiano le norme, rendendo superflui aggiornamenti più frequenti.</translation>
<translation id="2024476116966025075">Configura il nome di dominio richiesto per i client di accesso remoto</translation>
<translation id="2030905906517501646">Parola chiave del provider di ricerca predefinito</translation>
<translation id="203096360153626918">Questa norma non ha effetto sulle app Android, che saranno in grado di entrare in modalità a schermo intero anche se la norma viene impostata su <ph name="FALSE" />.</translation>
<translation id="2043770014371753404">Stampanti aziendali disattivate</translation>
<translation id="2057317273526988987">Consenti l'accesso a un elenco di URL</translation>
<translation id="206623763829450685">Consente di specificare gli schemi di autenticazione HTTP supportati da <ph name="PRODUCT_NAME" />.
I valori possibili sono "basic", "digest", "ntlm" e "negotiate". Separa i valori con la virgola.
Se questa norma non viene impostata, vengono utilizzati tutti e quattro gli schemi.</translation>
<translation id="2067011586099792101">Blocca l'accesso ai siti non presenti nei pacchetti di contenuti</translation>
<translation id="2073552873076775140">Consenti di eseguire l'accesso a <ph name="PRODUCT_NAME" /></translation>
<translation id="2077129598763517140">Usa accelerazione hardware quando disponibile</translation>
<translation id="2077273864382355561">Ritardo disattivazione schermo in caso di utilizzo della batteria</translation>
<translation id="2082205219176343977">Configura la versione minima di Chrome consentita per il dispositivo.</translation>
<translation id="209586405398070749">Canale stabile</translation>
<translation id="2098658257603918882">Attiva rapporti sull'utilizzo e sui dati relativi agli arresti anomali</translation>
<translation id="2104418465060359056">Segnala i dati delle estensioni e dei plug-in</translation>
<translation id="2107601598727098402">
La norma è obsoleta in M72. Utilizza invece CloudManagementEnrollmentToken.
</translation>
<translation id="2111016292707172233">Consente di attivare la disponibilità della funzione Tocca per cercare nella visualizzazione contenuti di <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se attivi questa impostazione, la funzione Tocca per cercare sarà a disposizione degli utenti, che potranno scegliere se attivarla o disattivarla.
Se disattivi questa impostazione, la funzione Tocca per cercare verrà disattivata completamente.
Non impostare questa norma equivale ad attivarla; leggi la descrizione precedente.</translation>
<translation id="2113068765175018713">Limita il tempo di attività del dispositivo riavviandolo automaticamente</translation>
<translation id="2116790137063002724">Questa norma consente di stabilire se segnalare o meno informazioni che possono essere usate per identificare gli utenti, ad esempio i dati di accesso al sistema operativo, i dati di accesso del profilo <ph name="PRODUCT_NAME" />, il nome del profilo <ph name="PRODUCT_NAME" />, il percorso del profilo <ph name="PRODUCT_NAME" /> e il percorso eseguibile di <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se questa norma non viene impostata o viene impostata su True, vengono raccolte le informazioni che possono essere usate per identificare gli utenti.
Se questa norma viene impostata su False, non vengono raccolte le informazioni che possono essere usate per identificare gli utenti.
Questa norma viene applicata soltanto se viene attivata l'estensione <ph name="CHROME_REPORTING_EXTENSION_NAME" /> e il computer viene registrato con la norma <ph name="MACHINE_LEVEL_USER_CLOUD_POLICY_ENROLLMENT_TOKEN_POLICY_NAME" />.</translation>
<translation id="2127599828444728326">Consenti notifiche su questi siti</translation>
<translation id="2131902621292742709">Ritardo oscuramento schermo in caso di utilizzo della batteria</translation>
<translation id="2132732175597591362">Consente di definire la whitelist di pattern URL su cui la riproduzione automatica sarà sempre attiva.
Se viene attivata la riproduzione automatica, i video possono essere riprodotti automaticamente (senza il consenso dell'utente) con i contenuti audio in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Il formato dei pattern URL deve essere quello indicato all'indirizzo https://www.chromium.org/administrators/url-blacklist-filter-format.
Se il criterio AutoplayAllowed viene impostato su True, questo criterio non avrà effetto.
Se il criterio AutoplayAllowed viene impostato su False, sarà consentita la riproduzione dei pattern URL definiti in questo criterio.
Tieni presente che se questo criterio viene cambiato mentre <ph name="PRODUCT_NAME" /> è in esecuzione, il criterio viene applicato soltanto alle nuove schede aperte. Di conseguenza alcune schede potrebbero mantenere il comportamento precedente.</translation>
<translation id="2134437727173969994">Consenti blocco dello schermo</translation>
<translation id="2137064848866899664">Se la norma viene impostata, ogni schermo viene ruotato secondo l'orientamento specificato, a ogni riavvio e la prima volta che viene collegato in seguito alla modifica della norma. Dopo aver eseguito l'accesso, gli utenti possono modificare la rotazione dello schermo tramite la pagina delle impostazioni ma, al successivo riavvio, la loro impostazione viene sostituita dal valore della norma.
La norma si applica allo schermo principale e a tutti gli schermi secondari.
Se la norma non viene impostata, il valore predefinito è 0° e l'utente può modificarlo liberamente. In questo caso, il valore predefinito non viene applicato nuovamente al riavvio.</translation>
<translation id="214901426630414675">Limita la modalità di stampa fronte/retro</translation>
<translation id="2149330464730004005">Attiva la stampa a colori</translation>
<translation id="2156132677421487971">Consente di configurare le norme per <ph name="PRODUCT_NAME" />, una funzione che permette agli utenti di inviare i contenuti di schede, siti o del desktop dal browser a schermi remoti e sistemi audio.</translation>
<translation id="2166472654199325139">Non filtrare i siti di contenuti per adulti</translation>
<translation id="2168397434410358693">Ritardo inattività in caso di utilizzo di CA</translation>
<translation id="2170233653554726857">Attiva ottimizzazione WPAD</translation>
<translation id="2176565653304920879">Se questa norma viene impostata, il flusso di rilevamento automatico del fuso orario sarà uno dei seguenti, a seconda del valore dell'impostazione:
Se la norma viene impostata su TimezoneAutomaticDetectionUsersDecide, gli utenti potranno controllare il rilevamento automatico del fuso orario tramite i normali controlli alla pagina chrome://settings.
Se la norma viene impostata su TimezoneAutomaticDetectionDisabled, i controlli per il rilevamento automatico del fuso orario alla pagina chrome://settings saranno disattivati. Il rilevamento automatico del fuso orario sarà sempre disattivato.
Se la norma viene impostata su TimezoneAutomaticDetectionIPOnly, i controlli per il rilevamento automatico del fuso orario alla pagina chrome://settings saranno disattivati. Il rilevamento automatico del fuso orario sarà sempre attivo. La funzione di rilevamento del fuso orario utilizzerà il metodo Solo IP per stabilire la posizione.
Se la norma viene impostata su TimezoneAutomaticDetectionSendWiFiAccessPoints, i controlli per il rilevamento automatico del fuso orario alla pagina chrome://settings saranno disattivati. Il rilevamento automatico del fuso orario sarà sempre attivo. L'elenco dei punti di accesso Wi-Fi visibili sarà sempre inviato al server dell'API di geolocalizzazione per rilevare il fuso orario con precisione.
Se la norma viene impostata su TimezoneAutomaticDetectionSendAllLocationInfo, i controlli per il rilevamento automatico del fuso orario alla pagina chrome://settings saranno disattivati. Il rilevamento automatico del fuso orario sarà sempre attivo. Le informazioni sulla posizione (ad esempio, punti di accesso Wi-Fi, torri radio raggiungibili, GPS) saranno inviate a un server per rilevare il fuso orario con precisione.
Se la norma non viene impostata, verrà gestita come se fosse impostata su TimezoneAutomaticDetectionUsersDecide.
Se la norma SystemTimezone è impostata, sostituisce questa norma. In questo caso il rilevamento automatico del fuso orario viene completamente disattivato.</translation>
<translation id="2178899310296064282">Imponi almeno il Livello medio della Modalità con restrizioni su YouTube</translation>
<translation id="2182291258410176649">L'utente decide se abilitare il backup e il ripristino</translation>
<translation id="2183294522275408937">Questa impostazione consente di stabilire la frequenza della richiesta di inserimento della password nella schermata di blocco per poter continuare a utilizzare lo sblocco rapido. Se il periodo di tempo trascorso dall'ultima volta che è stata inserita la password è superiore alla frequenza impostata, lo sblocco rapido non sarà disponibile quando si accede alla schermata di blocco. Se l'utente rimane nella schermata di blocco per un periodo superiore a quello impostato, verrà richiesta la password la volta successiva che l'utente inserirà il codice sbagliato o accederà di nuovo alla schermata di blocco.
Se questa impostazione viene configurata, gli utenti che usano lo sblocco rapido devono inserire le proprie password nella schermata di blocco in base a questa impostazione.
Se questa impostazione non viene configurata, gli utenti che usano lo sblocco rapido devono inserire ogni giorno la propria password nella schermata di blocco.</translation>
<translation id="2194470398825717446">Questa norma è stata ritirata in M61. Usa la norma EcryptfsMigrationStrategy.
Consente di specificare come deve comportarsi un dispositivo con ecryptfs e come deve passare alla crittografia ext4.
Se questa norma viene impostata su "DisallowArc", le app Android verranno disattivate per tutti gli utenti configurati sul dispositivo (inclusi quelli che hanno già la crittografia ext4) e gli utenti non avranno la possibilità di eseguire la migrazione da ecryptfs alla crittografia ext4.
Se questa norma viene impostata su "AllowMigration", gli utenti con directory principali ecryptfs avranno la possibilità di eseguire la migrazione di queste directory alla crittografia ext4, se necessario (attualmente quando Android N diventa disponibile sul dispositivo).
Questa norma non viene applicata alle app kiosk, di cui viene eseguita la migrazione automatica. Se questa norma non viene impostata, il dispositivo si comporterà come se fosse stata scelta l'opzione "DisallowArc".</translation>
<translation id="2195032660890227692">Questa norma è stata rimossa in <ph name="PRODUCT_NAME" /> 68 e sostituita da <ph name="ARC_BR_POLICY_NAME" />.</translation>
<translation id="2201555246697292490">Configura whitelist messaggi nativi</translation>
<translation id="2204753382813641270">Controlla la visualizzazione automatica dello shelf</translation>
<translation id="2208976000652006649">Parametri per l'URL di ricerca che utilizza POST</translation>
<translation id="2214880135980649323">Se questa norma viene attivata, le estensioni installate in base alle norme aziendali possono usare l'API Enterprise Hardware Platform.
Se questa norma viene disattivata e non viene impostata, nessuna estensione può usare l'API Enterprise Hardware Platform.
Questa norma si applica anche a estensioni di componenti come l'estensione Hangout Services.</translation>
<translation id="2223598546285729819">Impostazione di notifica predefinita</translation>
<translation id="2231817271680715693">Importa cronologia di navigazione dal browser predefinito alla prima esecuzione</translation>
<translation id="2236488539271255289">Non consentire ai siti di impostare i dati locali</translation>
<translation id="2240879329269430151">Permette di stabilire se consentire o meno la visualizzazione dei popup nei siti web. La visualizzazione dei popup può essere consentita o negata per tutti i siti web. Se questa norma non viene impostata, verrà utilizzato il valore "BlockPopups", che potrà essere modificato dagli utenti.</translation>
<translation id="2269319728625047531">Abilita la visualizzazione del consenso alla sincronizzazione durante l'accesso</translation>
<translation id="2274864612594831715">Questa norma consente di configurare l'attivazione della tastiera virtuale come dispositivo di immissione su Chrome OS. Gli utenti non possono sostituire questa norma.
Se la norma viene impostata su true, la tastiera virtuale sullo schermo sarà sempre attiva.
Se viene impostata su false, la tastiera virtuale sullo schermo sarà sempre disattivata.
Se imposti questa norma, gli utenti non possono cambiarla o sostituirla. Potranno, però, attivare/disattivare una tastiera sullo schermo di accessibilità che ha la precedenza sulla tastiera virtuale controllata da questa norma. Leggi la norma |VirtualKeyboardEnabled| per il controllo della tastiera sullo schermo di accessibilità.
Se questa norma non viene impostata, la tastiera sullo schermo viene inizialmente disattivata ma può essere attivata dall'utente in qualsiasi momento. Potrebbero anche essere utilizzate regole euristiche per stabilire quando visualizzare la tastiera.</translation>
<translation id="228659285074633994">Consente di specificare il periodo di tempo senza immissioni da parte dell'utente dopo il quale viene mostrata una finestra di dialogo di avviso quando il computer è collegato a una presa di corrente.
Quando è impostata, questa norma specifica per quanto tempo l'utente deve rimanere inattivo prima che <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> mostri una finestra di dialogo di avviso in cui comunica all'utente che sta per essere intrapresa l'azione richiesta in caso di inattività.
Quando questa norma non è impostata, non viene visualizzata alcuna finestra di dialogo di avviso.
Il valore della norma deve essere specificato in millisecondi. I valori sono fissati in modo da essere minori o uguali al ritardo di inattività.</translation>
<translation id="2292084646366244343"><ph name="PRODUCT_NAME" /> può utilizzare un servizio web Google per correggere gli errori di ortografia. Se questa impostazione è abilitata, il servizio viene sempre utilizzato. Se questa impostazione è disabilitata, il servizio non viene mai utilizzato.
Il controllo ortografico può essere comunque effettuato utilizzando un dizionario scaricato; questa norma controlla soltanto l'utilizzo del servizio online.
Se questa impostazione non è configurata, gli utenti possono scegliere se utilizzare o meno il servizio di controllo ortografico.</translation>
<translation id="2294382669900758280">Il video riprodotto nelle app Android non viene considerato, anche se la norma viene impostata su <ph name="TRUE" />.</translation>
<translation id="2298647742290373702">Configura la pagina predefinita Nuova scheda in <ph name="PRODUCT_NAME" />.</translation>
<translation id="2299220924812062390">Consente di specificare un elenco dei plug-in attivati</translation>
<translation id="2303795211377219696">Attiva la Compilazione automatica per le carte di credito</translation>
<translation id="2309390639296060546">Impostazione di geolocalizzazione predefinita</translation>
<translation id="2312134445771258233">Consente di configurare le pagine che vengono caricate all'avvio. I contenuti dell'elenco "Pagine da aprire all'avvio" vengono ignorati a meno che non selezioni "Apri un elenco di URL" in "Azione all'avvio".</translation>
<translation id="2327252517317514801">Definisci i domini autorizzati ad accedere a G Suite</translation>
<translation id="237494535617297575">Consente di impostare un elenco di pattern URL che specificano i siti autorizzati a visualizzare notifiche. Se questa norma non viene impostata, per tutti i siti verrà utilizzato il valore predefinito globale della norma "DefaultNotificationsSetting", se è impostata, oppure verrà utilizzata la configurazione personale dell'utente.</translation>
<translation id="2386362615870139244">Consenti Wakelock dello schermo</translation>
<translation id="2411817661175306360">L'avviso di protezione tramite password non è attivo</translation>
<translation id="2411919772666155530">Blocca le notifiche su questi siti</translation>
<translation id="2418507228189425036">Consente di disattivare il salvataggio della cronologia del browser in <ph name="PRODUCT_NAME" /> e di impedire agli utenti di modificare questa impostazione.
Se questa impostazione è attivata, la cronologia di navigazione non viene salvata. Con questa impostazione viene disattivata anche la sincronizzazione delle schede.
Se questa impostazione è disattivata o non viene impostata, la cronologia di navigazione viene salvata.</translation>
<translation id="2426782419955104525">Consente di attivare la funzione Instant di <ph name="PRODUCT_NAME" /> e di impedire agli utenti di modificare l'impostazione.
Se l'impostazione viene attivata, la funzione Instant di <ph name="PRODUCT_NAME" /> viene attivata.
Se l'impostazione viene disattivata, la funzione Instant di <ph name="PRODUCT_NAME" /> viene disattivata.
Se l'impostazione viene attivata o disattivata, gli utenti non potranno modificarla o ignorarla.
Se l'impostazione non viene impostata, l'utente può decidere se utilizzare o meno la funzione.
L'impostazione è stata rimossa da <ph name="PRODUCT_NAME" /> 29 e versioni successive.</translation>
<translation id="2433412232489478893">Questa norma controlla se per un utente è consentita o meno la funzione Condivisioni file di rete per <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Quando questa norma non è configurata o è impostata su True, gli utenti possono utilizzare la funzione Condivisioni file di rete.
Quando questa norma è impostata su False, gli utenti non possono utilizzare la funzione Condivisioni file di rete.</translation>
<translation id="2438609638493026652">Attiva la segnalazione di eventi chiave durante l'installazione di app Android a Google. Gli eventi vengono acquisiti solo per le app la cui installazione è stata lanciata tramite norma.
Se la norma viene impostata su True, gli eventi saranno registrati.
Se la norma viene impostata su False o non viene impostata, gli eventi non saranno registrati.</translation>
<translation id="244317009688098048">Attiva scorciatoia da tastiera bailout per accesso automatico.
Se questa norma non è impostata o è impostata su True e un account dispositivo locale è configurato per l'accesso automatico senza ritardo, <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> rispetterà la scorciatoia da tastiera Ctrl+Alt+S per bypassare l'accesso automatico e la visualizzazione della schermata di accesso.
Se questa norma è impostata su False, l'accesso automatico senza ritardo (se configurato) non può essere bypassato.</translation>
<translation id="2463365186486772703">Lingua dell'applicazione</translation>
<translation id="2466131534462628618">L'autenticazione tramite captive portal ignora il proxy</translation>
<translation id="2482676533225429905">Messaggi nativi</translation>
<translation id="2483146640187052324">Prevedi le azioni di rete su qualsiasi connessione di rete</translation>
<translation id="2484208301968418871">Questa norma consente di gestire l'applicazione del filtro di URL di SafeSites.
Questo filtro usa l'API Google SafeSearch per classificare gli URL come pornografici o meno.
Se questa norma non viene configurata o viene impostata su "Non filtrare i siti di contenuti per adulti", i siti non verranno filtrati.
Se questa norma viene impostata su "Filtra i siti di contenuti per adulti di primo livello", i siti classificati come pornografici verranno filtrati.</translation>
<translation id="2486371469462493753">Disattiva l'imposizione dei requisiti di Certificate Transparency per gli URL elencati.
Questa norma consente ai certificati per i nomi host negli URL specificati di non essere resi pubblici tramite Certificate Transparency. Consente ai certificati che altimenti sarebbero considerati inattendibili, in quanto non appropriatamente resi pubblici, di continuare a essere utilizzati. Tuttavia, la norma rende più difficile il rilevamento di certificati emessi in modo scorretto per questi host.
Un pattern URL è nel formato indicato all'indirizzo https://www.chromium.org/administrators/url-blacklist-filter-format. Tuttavia, siccome i certificati sono validi per un determinato nome host indipendente dallo schema, dalla porta o dal percorso, viene considerata solo la parte del nome host dell'URL. Gli host jolly non sono supportati.
Se questa norma non viene impostata, i certificati che devono essere resi pubblici tramite Certificate Transparency verranno considerati come inaffidabili in quanto non sono sono resi pubblici come previsto dalle norme di Certificate Transparency.</translation>
<translation id="2488010520405124654">Consente di attivare la richiesta di configurazione della rete in modalità offline.
Se questa norma non viene impostata o viene impostata su True, se un account locale sul dispositivo è configurato per l'accesso automatico senza ritardo e il dispositivo non ha accesso a Internet, in <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> viene visualizzata una richiesta di configurazione della rete.
Se questa norma viene impostata su False, verrà visualizzato un messaggio di errore anziché la richiesta di configurazione della rete.</translation>
<translation id="2498238926436517902">Nascondi sempre automaticamente lo shelf</translation>
<translation id="2514328368635166290">Consente di specificare l'URL dell'icona preferita del provider di ricerca predefinito. Questa norma è facoltativa. Se non viene impostata, per il provider di ricerca non verrà visualizzata alcuna icona. Questa norma viene rispettata soltanto se è attiva la norma "DefaultSearchProviderEnabled".</translation>
<translation id="2516600974234263142">Consente di attivare la stampa in <ph name="PRODUCT_NAME" /> e impedisce agli utenti di modificare questa impostazione.
Se l'impostazione è attivata o non è configurata, gli utenti possono stampare.
Se l'impostazione è disattivata, gli utenti non possono stampare da <ph name="PRODUCT_NAME" />. La stampa è disattivata nel menu Strumenti, nelle estensioni, nelle app JavaScript e così via. È possibile stampare da plug-in che ignorano <ph name="PRODUCT_NAME" /> durante la stampa. Ad esempio, alcune app Flash presentano l'opzione di stampa nel loro menu contestuale, che non è analizzato in questo criterio.</translation>
<translation id="2518231489509538392">Consenti riproduzione audio</translation>
<translation id="2521581787935130926">Mostra la scorciatoia per le app nella barra dei Preferiti</translation>
<translation id="2529659024053332711">Consente di specificare il comportamento all'avvio.
Se viene selezionata l'opzione "Apri la pagina Nuova scheda", all'avvio di <ph name="PRODUCT_NAME" /> verrà sempre aperta la pagina Nuova scheda.
Se viene selezionata l'opzione "Ripristina l'ultima sessione", verranno riaperti gli URL che erano aperti l'ultima volta che è stato chiuso <ph name="PRODUCT_NAME" /> e la sessione di navigazione verrà ripristinata così com'era.
La selezione di questa opzione comporta la disattivazione di alcune impostazioni basate sulle sessioni o che compiono azioni all'uscita, ad esempio la cancellazione dei dati di navigazione alla chiusura o dei cookie della sessione.
Se selezioni "Apri un elenco di URL", quando un utente avvia <ph name="PRODUCT_NAME" /> viene aperto l'elenco di "URL da aprire all'avvio".
Se attivi questa impostazione, gli utenti non potranno modificarla o ignorarla in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Disattivare questa impostazione equivale a non configurarla. Gli utenti potranno ancora modificarla in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Questa norma è disponibile esclusivamente per le istanze di Windows che fanno parte di un dominio <ph name="MS_AD_NAME" />così come per le istanze di Windows 10 Pro o Enterprise registrate per la gestione dei dispositivi.</translation>
<translation id="2529880111512635313">Configura l'elenco di estensioni e app con installazione imposta</translation>
<translation id="253135976343875019">Ritardo avviso inattività in caso di utilizzo di CA</translation>
<translation id="2536525645274582300">L'utente decide se abilitare i servizi di geolocalizzazione di Google</translation>
<translation id="254653220329944566">Consente di attivare il reporting su cloud di <ph name="PRODUCT_NAME" /></translation>
<translation id="2548572254685798999">Segnala dati di Navigazione sicura</translation>
<translation id="2550593661567988768">Solo stampa su un lato</translation>
<translation id="2552966063069741410">Fuso orario</translation>
<translation id="2562339630163277285">Consente di specificare l'URL del motore di ricerca utilizzato per fornire risultati immediati. L'URL deve contenere la stringa <ph name="SEARCH_TERM_MARKER" />, che verrà sostituita in fase di query dal testo inserito dall'utente fino a quel momento.
Questa norma è facoltativa. Se non viene impostata, non verranno restituiti risultati di ricerca immediati.
L'URL per i risultati immediati di Google può essere specificato come segue: <ph name="GOOGLE_INSTANT_SEARCH_URL" />.
Questa norma viene rispettata soltanto se è attiva la norma "DefaultSearchProviderEnabled".</translation>
<translation id="2569647487017692047">Se questa norma viene impostata su false, il Bluetooth verrà disattivato in <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> e l'utente non potrà riattivarlo.
Se questa norma viene impostata su true o non viene impostata, l'utente potrà attivare o disattivare il Bluetooth come preferisce.
Se questa norma viene impostata, l'utente non potrà modificarla o eseguirne l'override.
Dopo avere attivato il Bluetooth, l'utente deve uscire e accedere di nuovo per applicare le modifiche (questa operazione non è necessaria se il Bluetooth viene disattivato).</translation>
<translation id="2571066091915960923">Consente di attivare o disattivare il proxy di compressione dei dati e di impedire agli utenti di cambiare questa impostazione.
Se attivi o disattivi questa impostazione, gli utenti non potranno cambiarla o ignorarla.
Se questa norma non viene impostata, l'utente potrà scegliere se utilizzare o meno la funzione proxy di compressione dei dati.</translation>
<translation id="2587719089023392205">Imposta <ph name="PRODUCT_NAME" /> come browser predefinito</translation>
<translation id="2592091433672667839">Durata inattività prima della visualizzazione dello screensaver nella schermata di accesso in modalità retail</translation>
<translation id="2596260130957832043">Consente di stabilire se attivare o meno l'autenticazione NTLMv2.
Tutte le versioni recenti dei server Samba e Windows supportano l'autenticazione NTLMv2, che deve essere disattivata solo per garantire la compatibilità con le versioni precedenti, in quanto riduce la sicurezza dell'autenticazione.
Se questa norma non viene impostata, l'impostazione predefinita è true e l'autenticazione NTLMv2 è attivata.</translation>
<translation id="2604182581880595781">Configura le norme relative alla funzione Condivisioni file di rete</translation>
<translation id="2623014935069176671">Attesa dell'attività iniziale dell'utente</translation>
<translation id="262740370354162807">Attiva l'invio di documenti a <ph name="CLOUD_PRINT_NAME" /></translation>
<translation id="2627554163382448569">Consente di specificare le configurazioni delle stampanti aziendali.
Questa norma ti consente di specificare le configurazioni delle stampanti per i dispositivi <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />. Il formato corrisponde a quello del dizionario NativePrinters, con un campo "id" o "guid" aggiuntivo obbligatorio per ciascuna stampante ai fini dell'autorizzazione o della negazione della stessa.
Le dimensioni del file non devono superare 5 MB e il file deve essere codificato in JSON. È stato stimato che un file contenente circa 21.000 stampanti viene codificato come file di 5 MB. L'hash crittografico viene usato per verificare l'integrità del download.
Il file viene scaricato e memorizzato nella cache. Verrà scaricato di nuovo ogni volta che cambierà l'URL o l'hash.
Se questa norma viene impostata, <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> scaricherà il file per le configurazioni delle stampanti e renderà disponibili le stampanti in base alle norme <ph name="BULK_PRINTERS_ACCESS_MODE" />, <ph name="BULK_PRINTERS_WHITELIST" /> e <ph name="BULK_PRINTERS_BLACKLIST" />.
Se imposti questa norma, gli utenti non possono modificarla o ignorarla.
Questa norma non influisce sulla capacità degli utenti di configurare le stampanti su singoli dispositivi. È supplementare alla configurazione di stampanti da parte dei singoli utenti.
</translation>
<translation id="2633084400146331575">Attiva la funzione di lettura vocale</translation>
<translation id="2646290749315461919">Permette di stabilire se consentire o meno il monitoraggio della posizione fisica degli utenti da parte dei siti web. Il monitoraggio della posizione fisica degli utenti può essere consentito o negato per impostazione predefinita oppure l'utente può ricevere una richiesta ogni volta che un sito web desidera conoscere la posizione fisica. Se questa norma non viene impostata, verrà utilizzato il valore "AskGeolocation", che potrà essere modificato dagli utenti.</translation>
<translation id="2647069081229792812">Attiva o disattiva la funzione di modifica dei preferiti</translation>
<translation id="2650049181907741121">Azione da compiere quando l'utente chiude il coperchio</translation>
<translation id="2655233147335439767">Consente di specificare l'URL del motore di ricerca utilizzato per eseguire una ricerca per impostazione predefinita. L'URL deve contenere la stringa "<ph name="SEARCH_TERM_MARKER" />", che verrà sostituita in fase di query dai termini di ricerca inseriti dall'utente.
L'URL per la ricerca di Google può essere specificato come segue: <ph name="GOOGLE_SEARCH_URL" />.
Questa opzione deve essere impostata quando la norma "DefaultSearchProviderEnabled" è attiva e verrà rispettata soltanto in questo caso.</translation>
<translation id="2659019163577049044">Se questa impostazione viene attivata, gli utenti potranno configurare il proprio dispositivo in modo da sincronizzare i messaggi SMS tra i telefoni e i Chromebooks. Tieni presente che se questa norma viene consentita, gli utenti devono attivare in modo esplicito questa funzione tramite il completamento del flusso di configurazione. Una volta completato il flusso di configurazione, gli utenti potranno inviare e ricevere messaggi SMS sui loro Chromebook.
Se questa impostazione è disattivata, gli utenti non potranno configurare la sincronizzazione degli SMS.
Se questa norma non viene impostata, per impostazione predefinita non sarà disponibile per gli utenti gestiti, mentre lo sarà invece per gli utenti non gestiti.</translation>
<translation id="2660846099862559570">Non utilizzare mai un proxy</translation>
<translation id="2663739737868438950">
Questa norma si applica alla schermata di accesso. Vedi anche la norma <ph name="SITE_PER_PROCESS_POLICY_NAME" /> che viene applicata alla sessione utente. È consigliabile impostare lo stesso valore per entrambe le norme. Se i valori non corrispondono, può verificarsi un ritardo quando si accede a una sessione utente mentre viene applicato il valore specificato dalla norma relativa agli utenti.
Potresti considerare l'impostazione della norma IsolateOrigins per ottenere sia l'isolamento sia un impatto limitato per gli utenti. Usa IsolateOrigins con un elenco dei siti che vuoi isolare. Questa impostazione, SitePerProcess, isola tutti i siti.
Se la norma è attivata, ciascun sito verrà eseguito nel proprio processo.
Se la norma è disattivata, le funzionalità IsolateOrigins e SitePerProcess saranno entrambe disattivate. Gli utenti potranno ancora attivare SitePerProcess manualmente, tramite flag da riga di comando.
Se la norma non è configurata, l'utente potrà modificare questa impostazione.
</translation>
<translation id="2672012807430078509">Controlla l'attivazione del protocollo di autenticazione NTLM per i montaggi SMB</translation>
<translation id="267596348720209223">Consente di specificare le codifiche dei caratteri supportate dal provider di ricerca. Le codifiche sono nomi di pagine codificati come UTF-8, GB2312 e ISO-8859-1. Vengono provate nell'ordine indicato. Questa norma è facoltativa. Se non viene impostata viene utilizzato il valore predefinito UTF-8. Questa norma viene rispettata soltanto se è attiva la norma "DefaultSearchProviderEnabled".</translation>
<translation id="268577405881275241">Attiva la funzione proxy di compressione dei dati</translation>
<translation id="2693108589792503178">Configura l'URL di modifica della password.</translation>
<translation id="2731627323327011390">Disattiva l'utilizzo dei certificati <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> per le app ARC</translation>
<translation id="2742843273354638707">Consente di nascondere l'app Chrome Web Store e il link nel piè di pagina nella pagina Nuova scheda e in Avvio applicazioni di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />.
Quando questa norma è impostata su true, le icone sono nascoste.
Quando questa norma è impostata su false o non è configurata, le icone sono visibili.</translation>
<translation id="2744751866269053547">Registra gestori protocolli</translation>
<translation id="2746016768603629042">Questa norma è obsoleta; utilizza invece DefaultJavaScriptSetting.
Può essere utilizzata per disattivare JavaScript in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se questa impostazione viene disattivata, le pagine web non potranno utilizzare JavaScript e l'utente non potrà modificare tale impostazione.
Se questa impostazione viene attivata o non è impostata, le pagine web potranno utilizzare JavaScript ma l'utente potrà modificare tale impostazione.</translation>
<translation id="2753637905605932878">Limita l'intervallo di porte UDP locali utilizzato da WebRTC</translation>
<translation id="2755385841634849932">Questa norma consente di controllare la disponibilità di backup e ripristino di Android.
Quando questa norma non è configurata o è impostata su <ph name="BR_DISABLED" />, il backup e ripristino di Android è disabilitato e non può essere abilitato dall'utente.
Quando questa norma è impostata su <ph name="BR_UNDER_USER_CONTROL" />, all'utente viene chiesto di scegliere se utilizzare il backup e ripristino di Android. Se l'utente abilita il backup e ripristino, i dati delle app Android vengono caricati sui server di backup di Android e ripristinati dai server per le app compatibili durante la fase di reinstallazione.</translation>
<translation id="2757054304033424106">Tipi di estensioni/app che possono essere installati</translation>
<translation id="2759224876420453487">Controlla il comportamento dell'utente in una sessione profilo multiplo</translation>
<translation id="2761483219396643566">Ritardo avviso inattività in caso di utilizzo della batteria</translation>
<translation id="2762164719979766599">Specifica l'elenco di account del dispositivo da visualizzare nella schermata di accesso.
Ogni voce in elenco specifica un identificatore che viene utilizzato internamente per distinguere i vari account del dispositivo.</translation>
<translation id="2769952903507981510">Configura il nome di dominio richiesto per gli host di accesso remoto</translation>
<translation id="2787173078141616821">Segnala informazioni sullo stato di Android</translation>
<translation id="2799297758492717491">Consenti la riproduzione automatica dei contenuti multimediali per una whitelist di pattern URL</translation>
<translation id="2801230735743888564">Consente di attivare il gioco del dinosauro quando il dispositivo è offline.
Se questa norma viene impostata su False, gli utenti non potranno giocare al gioco del dinosauro quando il dispositivo è offline. Se viene impostata su True, gli utenti potranno giocare. Se la norma non viene impostata, gli utenti non potranno giocare al gioco del dinosauro su sistemi Chrome OS registrati, ma potranno giocarvi in altre circostanze.</translation>
<translation id="2802085784857530815">Ti consente di stabilire se permettere o meno agli utenti di accedere a stampanti non aziendali
Se la norma viene impostata su True o non viene impostata, gli utenti potranno aggiungere, configurare e usare le proprie stampanti native.
Se la norma viene impostata su False, gli utenti non potranno aggiungere e configurare le proprie stampanti native. Non potranno neanche stampare con eventuali stampanti native configurate in precedenza.
</translation>
<translation id="2805707493867224476">Consenti la visualizzazione di popup in tutti i siti</translation>
<translation id="2808013382476173118">Consente di attivare l'utilizzo di server STUN quando i client remoti tentano di stabilire una connessione con questo computer.
Se questa impostazione viene attivata, i client remoti possono rilevare questo computer e collegarsi a esso anche se sono separati da un firewall.
Se questa impostazione viene disattivata e le connessioni UDP in uscita vengono filtrate dal firewall, questo computer consentirà soltanto connessioni da computer client all'interno della rete locale.
Se questa norma non viene impostata l'impostazione verrà attivata.</translation>
<translation id="2813281962735757923">Questa norma consente di regolare gli intervalli di tempo durante i quali al dispositivo <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> non è consentito verificare automaticamente la disponibilità di aggiornamenti.
Quando questa norma è impostata su un elenco valido di intervalli di tempo:
Ai dispositivi non sarà consentito verificare automaticamente la disponibilità di aggiornamenti durante gli intervalli di tempo specificati. A causa di possibili problemi di sicurezza, questa norma non avrà conseguenze sui dispositivi che richiedono il rollback o dispongono di una versione inferiore alla versione minima di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />. Inoltre, questa norma non impedirà le verifiche degli aggiornamenti richieste dagli utenti o dagli amministratori.
Quando la norma non viene impostata o non contiene intervalli di tempo:
Le verifiche automatiche degli aggiornamenti non verranno bloccate da questa norma, ma potrebbero essere bloccate da altre norme. Questa funzionalità è attiva solo sui dispositivi Chrome configurati come kiosk ad avvio automatico. Gli altri dispositivi non risulteranno limitati da questa norma.</translation>
<translation id="2823870601012066791">Posizione del Registro di sistema di Windows per client <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />:</translation>
<translation id="2824715612115726353">Attiva modalità di navigazione in incognito</translation>
<translation id="2838830882081735096">Non consentire migrazione dei dati e ARC</translation>
<translation id="2839294585867804686">Impostazioni di Condivisioni file di rete</translation>
<translation id="2840269525054388612">Consente di specificare le stampanti utilizzabili dagli utenti.
Questa norma viene usata soltanto se viene selezionata l'opzione <ph name="PRINTERS_WHITELIST" /> per la norma <ph name="DEVICE_PRINTERS_ACCESS_MODE" />.
Se viene usata questa norma, solo le stampanti con ID corrispondenti ai valori della norma saranno disponibili per gli utenti. Gli ID devono corrispondere ai campi "id" o "guid" del file specificato nella norma <ph name="DEVICE_PRINTERS_POLICY" />.
</translation>
<translation id="285480231336205327">Attiva modalità ad alto contrasto</translation>
<translation id="2854919890879212089">Consente di impostare in <ph name="PRODUCT_NAME" /> l'uso della stampante predefinita del sistema, anziché della stampante usata più di recente, come opzione predefinita della finestra Anteprima di stampa.
Se disattivi o non configuri questa impostazione, in Anteprima di stampa viene indicata la stampante utilizzata più di recente come destinazione predefinita.
Se attivi questa impostazione, in Anteprima di stampa viene usata la stampante predefinita del sistema operativo come destinazione predefinita.</translation>
<translation id="2856674246949497058">Esegui il rollback e rimani nella versione target se la versione del sistema operativo è più recente di quella target. Esegui un powerwash durante la procedura.</translation>
<translation id="2872961005593481000">Spegni</translation>
<translation id="2873651257716068683">Consente di eseguire l'override delle dimensioni predefinite delle pagine di stampa. Se le dimensioni della pagina non sono disponibili, questa norma viene ignorata.</translation>
<translation id="2874209944580848064">Nota per i dispositivi <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> che supportano le app Android:</translation>
<translation id="2877225735001246144">Disabilita ricerca CNAME durante la negoziazione con Kerberos</translation>
<translation id="2890645751406497668">Concede automaticamente a questi siti l'autorizzazione a connettersi a dispositivi USB usando gli ID fornitore e prodotto forniti.</translation>
<translation id="2892414556511568464">Consente di limitare la modalità di stampa fronte/retro. Se la norma non viene impostata o viene lasciata vuota non vengono applicate limitazioni.</translation>
<translation id="2893546967669465276">Consente di inviare log di sistema al server di gestione</translation>
<translation id="2899002520262095963">Le app Android possono utilizzare le configurazioni di rete e i certificati CA impostati tramite questa norma ma non hanno accesso ad alcune opzioni di configurazione.</translation>
<translation id="290002216614278247">Questa norma consente di bloccare la sessione dell'utente in base al tempo del client o alla quota di utilizzo del giorno.
|time_window_limit| consente di specificare un periodo giornaliero in cui la sessione dell'utente deve essere bloccata. Supportiamo solo una regola per ogni giorno della settimana, quindi la matrice |entries| potrebbe variare da 0 a 7. |starts_at| e |ends_at| corrispondono all'inizio e alla fine del limite del periodo. Quando |ends_at| è inferiore a |starts_at| significa che il periodo |time_limit_window| termina il giorno successivo. |last_updated_millis| è il timestamp UTC relativo all'ultimo aggiornamento della voce in questione, che viene inviato sotto forma di stringa perché non si adatta a un numero intero.
|time_usage_limit| consente di specificare una quota giornaliera di utilizzo dello schermo che, una volta raggiunta, blocca la sessione dell'utente. Esiste una proprietà per ogni giorno della settimana, che dovrebbe essere impostata solo se esiste una quota attiva per il giorno in questione. |usage_quota_mins| indica per quanto tempo è possibile usare il dispositivo gestito nell'arco di una giornata, mentre |reset_at| indica il momento in cui viene rinnovata la quota di utilizzo. Il valore predefinito di |reset_at| è mezzanotte ({'hour': 0, 'minute': 0}). |last_updated_millis| è il timestamp UTC relativo all'ultimo aggiornamento della voce in questione, che viene inviato sotto forma di stringa perché non si adatta a un numero intero.
Il valore |overrides| viene fornito per invalidare temporaneamente una o più regole precedenti.
* Se non sono attivi né time_window_limit né time_usage_limit, è possibile usare |LOCK| per bloccare il dispositivo.
* |LOCK| consente di bloccare temporaneamente una sessione utente fino all'inizio dei valori time_window_limit o time_usage_limit successivi.
* |UNLOCK| consente di sbloccare la sessione di un utente bloccata in base a time_window_limit o time_usage_limit.
|created_time_millis| è il timestamp UTC per la creazione dell'override che viene inviato sotto forma di stringa perché non si adatta a un numero intero. Viene usato per stabilire se applicare ancora l'override o meno. Se la funzione del limite di tempo attivo corrente (limite di tempo di utilizzo o limite della finestra temporale) è iniziata dopo la creazione dell'override, non dovrebbe essere applicata. Inoltre, se l'override è stato creato prima dell'ultima modifica dei valori time_window_limit o time_usage_window attivi, non dovrebbe essere applicato.
È possibile inviare più override; viene applicata la voce valida più recente.</translation>
<translation id="2905984450136807296">Durata dei dati di autenticazione nella cache</translation>
<translation id="2906874737073861391">Elenco di estensioni AppPack</translation>
<translation id="2907992746861405243">Consente di stabilire quali stampanti della norma <ph name="BULK_PRINTERS_POLICY" /> mettere a disposizione degli utenti.
Determina quale norma di accesso usare per la configurazione collettiva delle stampanti. Se viene selezionata l'opzione <ph name="PRINTERS_ALLOW_ALL" />, vengono mostrate tutte le stampanti. Se viene selezionata l'opzione <ph name="PRINTERS_BLACKLIST" />, viene usata la norma <ph name="BULK_PRINTERS_BLACKLIST" /> per limitare l'accesso a stampanti specifiche. Se viene selezionata l'opzione <ph name="PRINTERS_WHITELIST" />, la norma <ph name="BULK_PRINTERS_WHITELIST" /> stabilisce soltanto le stampanti selezionabili.
Se questa norma non viene impostata, viene usata l'opzione <ph name="PRINTERS_ALLOW_ALL" />.
</translation>
<translation id="2908277604670530363">Numero massimo di connessioni simultanee al server proxy</translation>
<translation id="2952347049958405264">Limitazioni:</translation>
<translation id="2956777931324644324">Questa norma è stata ritirata a partire dalla versione 36 di <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Consente di specificare se attivare o meno l'estensione di certificati associati al dominio TLS.
Questa impostazione viene utilizzata per attivare l'estensione di certificati associati al dominio TLS per l'esecuzione di test. Questa impostazione sperimentale verrà rimossa in futuro.</translation>
<translation id="2957506574938329824">Non consentire ad alcun sito di richiedere l'accesso ai dispositivi Bluetooth tramite l'API Web Bluetooth</translation>
<translation id="2957513448235202597">Tipo di account per l'autenticazione <ph name="HTTP_NEGOTIATE" /></translation>
<translation id="2959898425599642200">Regole di bypass proxy</translation>
<translation id="2960128438010718932">Il programma di gestione temporanea per l'applicazione di nuovi aggiornamenti</translation>
<translation id="2960691910306063964">Consente di attivare o disattivare l'autenticazione senza PIN per gli host di accesso remoto</translation>
<translation id="2976002782221275500">Consente di specificare il periodo di tempo senza input dell'utente trascorso il quale lo schermo viene oscurato quando viene utilizzata la batteria.
Se questa norma viene impostata su un valore maggiore di zero, consente di specificare il periodo di tempo per cui l'utente deve rimanere inattivo prima che <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> oscuri lo schermo.
Se questa norma viene impostata su zero, <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> non oscura lo schermo quando l'utente diventa inattivo.
Se questa norma non viene impostata, viene utilizzato un periodo di tempo predefinito.
Il valore della norma deve essere specificato in millisecondi. I valori devono essere inferiori o uguali al ritardo di disattivazione dello schermo (se impostato) e al ritardo di inattività.</translation>
<translation id="2987155890997901449">Attiva ARC</translation>
<translation id="2987227569419001736">Controlla l'utilizzo dell'API Web Bluetooth</translation>
<translation id="3016255526521614822">Autorizza l'uso di app per scrivere note nella schermata di blocco di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /></translation>
<translation id="3021562480854470924">Numero di obiettivi consentiti per il rollback</translation>
<translation id="3023572080620427845">URL di un file XML che contiene gli URL da caricare su un browser alternativo.</translation>
<translation id="3030000825273123558">Attiva rapporti sulle metriche</translation>
<translation id="3034580675120919256">Permette di stabilire se consentire o meno l'esecuzione di JavaScript nei siti web. L'esecuzione di JavaScript può essere consentita o negata per tutti i siti web. Se questa norma non viene impostata, verrà utilizzato il valore "AllowJavaScript", che potrà essere modificato dagli utenti.</translation>
<translation id="3038323923255997294">Continua a eseguire applicazioni in background dopo la chiusura di <ph name="PRODUCT_NAME" /></translation>
<translation id="3046192273793919231">Invia pacchetti di rete al server di gestione per monitorare lo stato online</translation>
<translation id="3047732214002457234">Consente di stabilire la modalità di segnalazione dei dati di Chrome Software Cleaner a Google</translation>
<translation id="304775240152542058">Questa norma consente di stabilire i parametri della riga di comando da inviare al browser alternativo.
Se questa norma non viene impostata, solo l'URL viene passato come parametro della riga di comando.
Se questa norma viene impostata su un elenco di stringhe, ogni stringa viene passata al browser alternativo come parametro distinto della riga di comando. Su Windows, i parametri vengono uniti mediante spazi. Su Mac OS X e Linux, un parametro può contenere spazi e venire comunque considerato come un singolo parametro.
Se un elemento contiene ${url}, viene sostituito con l'URL della pagina da aprire.
Se nessun elemento contiene ${url}, l'URL viene aggiunto alla fine della riga di comando.
Le variabili d'ambiente vengono espanse. Su Windows, la variabile %ABC% viene sostituita con il valore della variabile d'ambiente ABC. Su Mac OS X e Linux, la variabile ${ABC} viene sostituita con il valore della variabile d'ambiente ABC.</translation>
<translation id="3048744057455266684">Se questa norma viene impostata e un URL di ricerca suggerito dalla omnibox contiene questo parametro nella stringa di ricerca o nell'identificatore del frammento, il suggerimento visualizzerà i termini di ricerca e il fornitore del servizio di ricerca anziché l'URL di ricerca non elaborato.
Questa norma è facoltativa. Se non viene impostata, non verrà effettuata alcuna sostituzione dei termini di ricerca.
Questa norma viene rispettata soltanto se viene attivata la norma "DefaultSearchProviderEnabled".</translation>
<translation id="306887062252197004">Questa norma consente agli utenti della funzione WebDriver di eseguire l'override delle norme che possono interferire con il relativo funzionamento.
Al momento questa norma disattiva le norme SitePerProcess e IsolateOrigins.
Se la norma viene attivata, WebDriver potrà eseguire l'override delle norme non compatibili.
Se la norma viene disattivata o non viene configurata, WebDriver non potrà eseguire l'override delle norme non compatibili.</translation>
<translation id="3069958900488014740">Consente di disattivare l'ottimizzazione WPAD (Web Proxy Auto-Discovery) in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se questa norma è impostata su false, l'ottimizzazione WPAD viene disattivata, aumentando così i tempi di attesa da parte di <ph name="PRODUCT_NAME" /> dei server WPAD basati su DNS. Se questa norma non è impostata oppure se è attiva, l'ottimizzazione WPAD è abilitata.
Indipendentemente da se o come questa norma è impostata, l'utente non può modificare l'impostazione di ottimizzazione di WPAD.</translation>
<translation id="3072045631333522102">Screensaver da utilizzare nella schermata di accesso in modalità retail</translation>
<translation id="3072847235228302527">Imposta i Termini di servizio di un account locale del dispositivo</translation>
<translation id="3077183141551274418">Abilita o disabilita i cicli di vita delle schede</translation>
<translation id="3086995894968271156">Consente di configurare Cast Receiver in <ph name="PRODUCT_NAME" />.</translation>
<translation id="3088796212846734853">Questa norma consente di impostare un elenco di pattern URL che specificano i siti in cui è consentita la visualizzazione di immagini.
Se questa norma non viene impostata, per tutti i siti verrà utilizzato il valore predefinito globale della norma "DefaultImagesSetting", se è impostata, oppure verrà utilizzata la configurazione personale dell'utente.
Tieni presente che in precedenza questa norma è stata erroneamente abilitata su Android, ma questa funzione non è mai stata completamente supportata su Android.</translation>
<translation id="3096595567015595053">Elenco dei plug-in attivati</translation>
<translation id="3101501961102569744">Scegli come specificare le impostazioni del server proxy</translation>
<translation id="3101709781009526431">Data e ora</translation>
<translation id="3117676313396757089">Avviso. DHE sarà rimosso completamente da <ph name="PRODUCT_NAME" /> dopo la versione 57 (nel periodo di marzo 2017), dopodiché questa norma non sarà più attiva.
Se la norma non viene impostata o se viene impostata su false, i pacchetti di crittografia DHE in TLS non saranno attivati. In alternativa, la norma può essere impostata su true per attivare i pacchetti di crittografia DHE e per mantenere la compatibilità con un server obsoleto. Si tratta di una soluzione temporanea ed è necessario configurare nuovamente il server.
Si consiglia di effettuare la migrazione dei server ai pacchetti di crittografia ECDHE. Se non sono disponibili, assicurati che siano attivati i pacchetti di crittografia con l'utilizzo dello scambio delle chiavi RSA.</translation>
<translation id="3117706142826400449">Se questa norma viene disattivata, Chrome Software Cleaner non potrà eseguire la scansione del sistema per individuare eventuale software indesiderato e ripulire il sistema. L'attivazione manuale di Chrome Software Cleaner da chrome://settings/cleanup viene disattivata.
Se la norma viene attivata o non viene impostata, Chrome Software Cleaner eseguirà periodicamente la scansione del sistema per individuare eventuale software indesiderato e, qualora fosse presente, chiederà all'utente se vuole rimuoverlo. L'attivazione manuale di Chrome Software Cleaner da chrome://settings viene attivata.
Questa norma è disponibile esclusivamente per le istanze di Windows che fanno parte di un dominio <ph name="MS_AD_NAME" /> così come per le istanze di Windows 10 Pro o Enterprise registrate per la gestione dei dispositivi.</translation>
<translation id="3165808775394012744">Queste norme sono incluse qui in modo che sia più facile rimuoverle.</translation>
<translation id="316778957754360075">Questa impostazione non è più supportata a partire dalla versione 29 di <ph name="PRODUCT_NAME" />. Il metodo consigliato per la configurazione di raccolte di estensioni/app ospitate dall'organizzazione consiste nell'includere il sito che ospita i pacchetti CRX in ExtensionInstallSources e inserire link di download diretti per i pacchetti in una pagina web. È possibile creare una funzione Avvio applicazioni per la pagina web utilizzando la norma ExtensionInstallForcelist.</translation>
<translation id="3171369832001535378">Modello del nome host della rete del dispositivo</translation>
<translation id="3185009703220253572">a partire dalla versione <ph name="SINCE_VERSION" /></translation>
<translation id="3187220842205194486">Le app Android non possono accedere alle chiavi aziendali. Questa norma non influisce su di esse.</translation>
<translation id="3201273385265130876">Consente di specificare il server proxy utilizzato da <ph name="PRODUCT_NAME" /> e impedisce agli utenti di modificare le impostazioni proxy.
Se l'utente sceglie di non utilizzare mai un server proxy e connettersi sempre direttamente, tutte le altre opzioni vengono ignorate.
Se l'utente sceglie di utilizzare le impostazioni proxy del sistema, tutte le altre opzioni vengono ignorate.
Se l'utente sceglie di rilevare automaticamente il server proxy, tutte le altre opzioni vengono ignorate.
Se l'utente sceglie di utilizzare la modalità server proxy definito, può specificare ulteriori opzioni in "Indirizzo o URL del server proxy" ed "Elenco separato da virgole delle regole di bypass proxy". Per le app ARC è disponibile solo il server proxy HTTP con la priorità più elevata.
Se l'utente sceglie di utilizzare uno script proxy .pac, deve specificare l'URL per lo script in "URL di un file proxy .pac".
Per esempi dettagliati, visita il seguente indirizzo:
<ph name="PROXY_HELP_URL" />.
Se questa impostazione viene attivata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> e le app ARC ignorano tutte le opzioni relative al proxy specificate dalla riga di comando.
Se la norma non viene impostata, gli utenti possono scegliere autonomamente le impostazioni proxy.</translation>
<translation id="3205825995289802549">Ingrandisci la prima finestra del browser alla prima esecuzione</translation>
<translation id="3211426942294667684">Impostazioni di accesso al browser</translation>
<translation id="3214164532079860003">Se è attiva, questa norma impone l'importazione della pagina iniziale dal browser predefinito corrente. Se non è attiva, la pagina iniziale non viene importata. Se non viene impostata, all'utente potrebbe essere chiesto se desidera effettuare l'importazione, oppure l'importazione potrebbe avvenire automaticamente.</translation>
<translation id="3219421230122020860">Modalità di navigazione in incognito disponibile</translation>
<translation id="3220624000494482595">Se l'app kiosk è un'app Android, non avrà controllo sulla versione di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />, anche se la norma viene impostata su <ph name="TRUE" />.</translation>
<translation id="3236046242843493070">Pattern URL per consentire installazioni di estensioni, applicazioni e script utente da</translation>
<translation id="3240609035816615922">Norma di accesso alla configurazione delle stampanti.</translation>
<translation id="3243309373265599239">Consente di specificare il periodo di tempo senza input dell'utente trascorso il quale lo schermo viene oscurato quando viene utilizzata la corrente alternata.
Se questa norma viene impostata su un valore maggiore di zero, consente di specificare il periodo di tempo per cui l'utente deve rimanere inattivo prima che <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> oscuri lo schermo.
Se questa norma viene impostata su zero, <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> non oscura lo schermo quando l'utente diventa inattivo.
Se questa norma non viene impostata, viene utilizzato un periodo di tempo predefinito.
Il valore della norma deve essere specificato in millisecondi. I valori devono essere inferiori o uguali al ritardo di disattivazione dello schermo (se impostato) e al ritardo di inattività.</translation>
<translation id="3251500716404598358">Configura le norme per passare da un browser all'altro.
I siti web configurati verranno aperti automaticamente in un browser diverso da <ph name="PRODUCT_NAME" />.</translation>
<translation id="3264793472749429012">Codifiche del provider di ricerca predefinito</translation>
<translation id="3273221114520206906">Impostazione JavaScript predefinita</translation>
<translation id="3284094172359247914">Controlla l'utilizzo dell'API WebUSB</translation>
<translation id="3288595667065905535">Canale di rilascio</translation>
<translation id="3292147213643666827">Consente a <ph name="PRODUCT_NAME" /> di fungere da proxy tra <ph name="CLOUD_PRINT_NAME" /> e le stampanti preesistenti collegate al computer.
Se l'impostazione è attivata o non è configurata, gli utenti possono attivare il proxy Cloud Print attraverso l'autenticazione con il proprio account Google.
Se l'impostazione è disattivata, gli utenti non possono attivare il proxy e il computer non può condividere le stampanti con <ph name="CLOUD_PRINT_NAME" />.</translation>
<translation id="3307746730474515290">Controlla quali tipi di app/estensioni possono essere installati e limita l'accesso in fase di esecuzione.
Questa impostazione autorizza i tipi consentiti di estensioni/app che possono essere installate in <ph name="PRODUCT_NAME" /> e gli host con cui possono interagire. Il valore è un elenco di stringhe, ognuna delle quali deve corrispondere a una delle seguenti: "extension", "theme", "user_script", "hosted_app", "legacy_packaged_app", "platform_app". Per ulteriori informazioni su questi tipi, consulta la documentazione sulle estensioni di <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Tieni presente che questo criterio riguarda anche le estensioni e le app con installazione forzata tramite ExtensionInstallForcelist.
Se l'impostazione è configurata, le estensioni/app con un tipo che non è in elenco non verranno installate.
Se l'impostazione non è configurata, non vengono imposte restrizioni sui tipi di estensioni/app accettabili.</translation>
<translation id="3322771899429619102">Consente di impostare un elenco di pattern URL che specificano i siti in cui è consentito l'utilizzo della generazione di chiavi. Se un pattern URL è indicato nella norma "KeygenBlockedForUrls", quest'ultima ha la precedenza su queste eccezioni.
Se questa norma non viene impostata, per tutti i siti verrà utilizzato il valore predefinito globale della norma "DefaultKeygenSetting", se è impostata, oppure verrà utilizzata la configurazione personale dell'utente.</translation>
<translation id="332771718998993005">Consente di stabilire il nome pubblicizzato come destinazione di <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se questa norma viene impostata su una stringa non vuota, tale stringa verrà usata come nome della destinazione di <ph name="PRODUCT_NAME" />. In caso contrario, il nome della destinazione sarà quello del dispositivo. Se questa norma non viene impostata, il nome della destinazione sarà il nome del dispositivo, che il proprietario (o un utente del dominio che gestisce il dispositivo) potrà cambiare. Il nome può essere formato da massimo 24 caratteri.</translation>
<translation id="3335468714959531450">Questa norma consente di impostare un elenco di pattern URL che specificano i siti autorizzati a impostare cookie.
Se questa norma non viene impostata, per tutti i siti verrà utilizzato il valore predefinito globale della norma "DefaultCookiesSetting", se è impostata, oppure verrà utilizzata la configurazione personale dell'utente.
Vedi anche le norme "CookiesBlockedForUrls" e "CookiesSessionOnlyForUrls". Tieni presente che non ci deve essere conflitto di pattern URL tra queste tre norme. Non viene specificato quale norma debba avere la precedenza.</translation>
<translation id="3373364525435227558">Consente di selezionare una o più impostazioni internazionali per una sessione gestita, consentendo agli utenti di sceglierne facilmente una.
L'utente può scegliere un'impostazione internazionale e un layout tastiera prima di iniziare una sessione gestita. Per impostazione predefinita, tutte le impostazioni internazionali supportate da <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> sono elencate in ordine alfabetico. È possibile utilizzare questa norma per spostare un set di impostazioni internazionali consigliate nella parte superiore dell'elenco.
Se questa norma non viene impostata, viene preselezionata l'impostazione internazionale corrente per l'interfaccia utente.
Se questa norma viene impostata, le impostazioni internazionali consigliate verranno spostate nella parte superiore dell'elenco e verranno separate visivamente dalle altre impostazioni internazionali. Le impostazioni internazionali consigliate saranno elencate nell'ordine in cui sono indicate nella norma. Viene preselezionata la prima impostazione internazionale consigliata.
Se sono presenti più impostazioni internazionali consigliate, si presuppone che gli utenti ne vogliano selezionare una. La selezione dell'impostazione internazionale e del layout tastiera verrà offerta in una posizione più visibile all'avvio di una sessione gestita. In caso contrario, si presuppone che la maggior parte degli utenti vuole utilizzare l'impostazione internazionale preselezionata. La selezione dell'impostazione internazionale e del layout tastiera verrà offerta in una posizione meno visibile all'avvio di una sessione gestita.
Quando questa norma è impostata ed è abilitato l'accesso automatico (vedere le norme |DeviceLocalAccountAutoLoginId| e |DeviceLocalAccountAutoLoginDelay|), la sessione gestita avviata automaticamente utilizzerà la prima impostazione internazionale consigliata e il layout tastiera più popolare corrispondente a questa impostazione internazionale.
Il layout tastiera preselezionato sarà sempre il layout più popolare corrispondente all'impostazione internazionale preselezionata.
Questa norma può essere impostata solo come consigliata. È possibile utilizzare questa norma per spostare un set di impostazioni internazionali consigliate nella parte superiore, ma gli utenti possono sempre scegliere una qualsiasi impostazione internazionale supportata da <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> per la sessione.
</translation>
<translation id="3381968327636295719">Utilizza il browser host per impostazione predefinita</translation>
<translation id="3388153794103186066">Consente di impostare un elenco di URL che specifica a quali siti verrà concessa automaticamente l'autorizzazione per accedere a un dispositivo USB con gli ID prodotto e vendor definiti. Perché la norma sia valida, ogni elemento dell'elenco deve contenere sia dispositivi sia URL. Ogni elemento nei dispositivi può contenere un campo ID vendor e un campo ID prodotto. Gli eventuali ID omessi verranno considerati caratteri jolly con l'eccezione che non è possibile specificare un ID prodotto senza aver specificato un ID vendor. In caso contrario, la norma non sarà valida e verrà ignorata.
Il modello di autorizzazione USB utilizza l'URL del sito richiedente ("URL richiedente") e l'URL del sito frame di livello principale ("URL di incorporamento") per concedere l'autorizzazione all'URL richiedente di accedere al dispositivo USB. L'URL richiedente può essere diverso dall'URL di incorporamento quando il sito richiedente viene caricato in un iframe. Di conseguenza il campo "urls" può contenere fino a due stringhe URL delimitate da virgola per specificare rispettivamente l'URL richiedente e l'URL di incorporamento. Se è specificato un solo URL, l'accesso ai dispositivi USB corrispondenti viene concesso quando l'URL del sito richiedente corrisponde all'URL, a prescindere dallo stato di incorporamento. Gli URL in "urls" devono essere validi, altrimenti la norma viene ignorata.
Se questa norma non viene impostata, per tutti i siti viene usato il valore predefinito globale dalla norma "DefaultWebUsbGuardSetting" (se impostata) o dalla configurazione personale dell'utente (se non impostata).
I pattern URL di questa norma non devono essere in conflitto con quelli configurati tramite WebUsbBlockedForUrls. In caso di conflitto, questa norma ha la precedenza su WebUsbBlockedForUrls e WebUsbAskForUrls.</translation>
<translation id="3414260318408232239">Se questa norma non viene configurata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> utilizza una versione minima predefinita, ossia TLS 1.0.
In caso contrario, la norma potrebbe essere impostata su uno dei seguenti valori: "tls1", "tls1.1" o "tls1.2". Se questa norma viene impostata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> non utilizzerà versioni SSL/TLS precedenti alla versione specificata. I valori non riconosciuti verranno ignorati.</translation>
<translation id="3417418267404583991">Se questa norma viene impostata su true o non viene configurata, in <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> verranno attivati gli accessi come ospite. Gli accessi come ospite sono sessioni utente anonime che non richiedono password.
Se questa norma viene impostata su false, in <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> non sarà possibile avviare sessioni Ospite.</translation>
<translation id="3418871497193485241">Consente di imporre su YouTube un livello minimo della Modalità con restrizioni e di impedire agli utenti di scegliere un livello inferiore.
Se questa impostazione viene impostata su Livello massimo, su YouTube sarà sempre attivo questo livello della Modalità con restrizioni.
Se questa impostazione viene impostata su Livello medio, l'utente può scegliere il Livello medio o massimo della Modalità con restrizioni su YouTube, ma non può disattivare la modalità.
Se questa impostazione viene disattivata o non viene impostato alcun valore, la Modalità con restrizioni di YouTube non viene imposta da <ph name="PRODUCT_NAME" />. La Modalità con restrizioni potrebbe essere comunque imposta da norme esterne, ad esempio dalle norme di YouTube.</translation>
<translation id="3428247105888806363">Attiva previsione di rete</translation>
<translation id="3437924696598384725">Consente all'utente di gestire le connessioni VPN</translation>
<translation id="3449886121729668969">Consente di configurare le impostazioni proxy per <ph name="PRODUCT_NAME" />. Le impostazioni proxy saranno disponibili anche per le app ARC.
Questa norma non è ancora pronta per essere utilizzata, pertanto invitiamo a non utilizzarla.</translation>
<translation id="3459509316159669723">Stampa</translation>
<translation id="3460784402832014830">Consente di specificare l'URL utilizzato da un motore di ricerca per fornire una pagina Nuova scheda.
Questa norma è facoltativa. Se non viene impostata non verrà fornita una pagina Nuova scheda.
Questa norma viene rispettata soltanto se viene attivata la norma "DefaultSearchProviderEnabled".</translation>
<translation id="3461279434465463233">Segnala lo stato dell'alimentazione</translation>
<translation id="346731943813722404">Consente di specificare se i ritardi di gestione dell'alimentazione e il limite di durata delle sessioni devono iniziare soltanto dopo il rilevamento dell'attività del primo utente in una sessione.
Se questa norma viene impostata su True, i ritardi di gestione dell'alimentazione e il limite di durata delle sessioni non iniziano fino al termine del rilevamento dell'attività del primo utente in una sessione.
Se questa norma viene impostata su False o non viene impostata, i ritardi di gestione dell'alimentazione e il limite di durata delle sessioni iniziano immediatamente all'avvio della sessione.</translation>
<translation id="3478024346823118645">Cancella dati utente all'uscita</translation>
<translation id="348495353354674884">Attiva tastiera virtuale</translation>
<translation id="3487623755010328395">
Se è impostata questa norma, <ph name="PRODUCT_NAME" /> proverà a registrarsi e ad applicare a tutti i profili la norma relativa alla cloud associata.
Il valore di questa norma è un token di registrazione che è possibile recuperare dalla Console amministrazione Google.</translation>
<translation id="3496296378755072552">Gestione password</translation>
<translation id="3500732098526756068">Ti consente di controllare l'attivazione dell'avviso di protezione tramite password. La protezione tramite password avvisa gli utenti quando riutilizzano le proprie password protette su siti potenzialmente sospetti.
Puoi utilizzare le norme "PasswordProtectionLoginURLs" e "PasswordProtectionChangePasswordURL" per configurare la password da proteggere.
Se questa norma viene impostata su "PasswordProtectionWarningOff", non apparirà alcun avviso di protezione tramite password.
Se questa norma viene impostata su "PasswordProtectionWarningOnPasswordReuse", l'avviso di protezione tramite password apparirà quando l'utente riutilizza la propria password protetta su un sito non autorizzato.
Se questa norma viene impostata su "PasswordProtectionWarningOnPhishingReuse", l'avviso di protezione tramite password apparirà quando l'utente riutilizza la propria password protetta su un sito di phishing.
Se questa norma viene lasciata non impostata, il servizio di protezione tramite password proteggerà esclusivamente le password Google, ma l'utente sarà in grado di modificare questa impostazione.</translation>
<translation id="3502555714327823858">Consenti tutte le modalità fronte/retro</translation>
<translation id="350443680860256679">Configura ARC</translation>
<translation id="3504791027627803580">Consente di specificare l'URL del motore di ricerca utilizzato per la ricerca di immagini. Le richieste di ricerca verranno inviate con il metodo GET. Se viene impostata la norma DefaultSearchProviderImageURLPostParams, per le richieste di ricerca di immagini viene utilizzato il metodo POST.
Questa norma è facoltativa. Se non viene impostata, non verrà utilizzata la ricerca di immagini.
Questa norma viene rispettata soltanto se viene attivata la norma "DefaultSearchProviderEnabled".</translation>
<translation id="350797926066071931">Abilita traduzione</translation>
<translation id="3512226956150568738">Se il modello del dispositivo client supportava già ARC prima che fosse necessaria la migrazione a ext4 per eseguire ARC e se la norma ArcEnabled è impostata su true, questa opzione si comporterà come AskUser (valore 3). In tutti gli altri casi (se il modello del dispositivo non supportava ARC in precedenza o se la norma ArcEnabled è impostata su false), questo valore equivale a DisallowArc (valore 0).</translation>
<translation id="3524204464536655762">Non consentire ai siti di richiedere l'accesso ai dispositivi USB tramite l'API WebUSB</translation>
<translation id="3526752951628474302">Solo stampa monocromatica</translation>
<translation id="3528000905991875314">Attiva pagine di errore sostitutive</translation>
<translation id="3545457887306538845">Ti consente di stabilire dove è possibile usare gli Strumenti per sviluppatori.
Se questa norma viene impostata su "DeveloperToolsDisallowedForForceInstalledExtensions" (valore 0, ossia il valore predefinito), in genere è possibile accedere agli Strumenti per sviluppatori e alla console JavaScript, ma non è possibile accedervi nel contesto delle estensioni installate in base a norme aziendali.
Se questa norma viene impostata su "DeveloperToolsAllowed" (valore 1), gli Strumenti per sviluppatori e la console JavaScript saranno accessibili e utilizzabili in tutti i contesti, incluso il contesto delle estensioni installate in base a norme aziendali.
Se questa norma viene impostata su "DeveloperToolsDisallowed" (valore 2), gli Strumenti per sviluppatori non saranno accessibili e non sarà più possibile esaminare gli elementi del sito web. Le eventuali scorciatoie da tastiera e le voci dei menu contestuali o di altri menu che consentono di aprire gli Strumenti per sviluppatori o la console JavaScript verranno disattivate.</translation>
<translation id="3547954654003013442">Impostazioni proxy</translation>
<translation id="355118380775352753">Siti web da aprire in un browser alternativo</translation>
<translation id="3577251398714997599">Impostazione annunci per i siti con annunci invasivi</translation>
<translation id="3591527072193107424">Attiva la funzionalità Supporto dei browser precedenti.</translation>
<translation id="3591584750136265240">Configura il comportamento di autenticazione dell'accesso</translation>
<translation id="3624171042292187668">
Potresti considerare l'impostazione della norma IsolateOrigins per ottenere sia l'isolamento sia un impatto limitato per gli utenti. Usa IsolateOrigins con un elenco dei siti che vuoi isolare. Questa impostazione, SitePerProcess, isola tutti i siti.
Se la norma è attivata, ciascun sito verrà eseguito nel proprio processo.
Se la norma è disattivata, le funzionalità IsolateOrigins e SitePerProcess saranno entrambe disattivate. Gli utenti potranno ancora attivare SitePerProcess manualmente, tramite flag da riga di comando.
Se la norma non è configurata, l'utente potrà modificare questa impostazione.
In <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />, si consiglia di impostare anche la norma <ph name="DEVICE_LOGIN_SCREEN_SITE_PER_PROCESS_POLICY_NAME" /> relativa ai dispositivi sullo stesso valore. Se i valori specificati dalle due norme non corrispondono, può verificarsi un ritardo durante l'accesso a una sessione utente mentre viene applicato il valore specificato dalla norma relativa agli utenti.
NOTA: questa norma non viene applicata su Android. Per attivare SitePerProcess su Android, utilizza l'impostazione della norma SitePerProcessAndroid.
</translation>
<translation id="3627678165642179114">Attiva o disattiva il servizio web di controllo ortografico</translation>
<translation id="3628480121685794414">Attiva stampa su un lato</translation>
<translation id="3646859102161347133">Impostazione tipo di ingrandimento dello schermo</translation>
<translation id="3653237928288822292">Icona del provider di ricerca predefinito</translation>
<translation id="3660510274595679517">
Se questo criterio viene impostato su true, la registrazione alla gestione della cloud è obbligatoria e blocca il processo di avvio di Chrome, qualora l'esito fosse negativo.
Se questo criterio non viene impostato o viene impostato su false, la registrazione alla gestione della cloud è facoltativa e non blocca il processo di avvio di Chrome, anche qualora l'esito fosse negativo.
Questo criterio viene utilizzato su desktop dalla registrazione con criteri cloud in ambito macchina e può essere impostato tramite il file di criteri registry o GPO su Windows, plist su Mac e JSON su Linux.</translation>
<translation id="3660562134618097814">Trasferisci i cookie dell'IdP SAML durante l'accesso</translation>
<translation id="3702647575225525306"><ph name="POLICY_NAME" /> (Il campo a una sola riga è obsoleto e sarà rimosso a breve. Inizia a usare la casella di testo multiriga qui sotto).</translation>
<translation id="3709266154059827597">Configura blacklist per l'installazione delle estensioni</translation>
<translation id="3711895659073496551">Sospensione</translation>
<translation id="3715569262675717862">Autenticazione basata su certificati client</translation>
<translation id="3736879847913515635">Attiva la funzione Aggiungi persona in Gestione utenti</translation>
<translation id="3738723882663496016">Questa norma specifica il codice licenza <ph name="PLUGIN_VM_NAME" /> di questo dispositivo.</translation>
<translation id="3748900290998155147">Consente di specificare se consentire o meno i wakelock. I wakelock possono essere richiesti dalle estensioni tramite l'API dell'estensione di gestione dell'alimentazione e dalle app ARC.
Se questa norma viene impostata su true o non viene impostata, i wakelock verranno rispettati per la gestione dell'alimentazione.
Se questa norma viene impostata su false, le richieste di wakelock verranno ignorate.</translation>
<translation id="3750220015372671395">Blocca la generazione di chiavi su questi siti</translation>
<translation id="3756011779061588474">Blocca modalità sviluppatore</translation>
<translation id="3758089716224084329">Consente di specificare il server proxy utilizzato da <ph name="PRODUCT_NAME" /> e impedisce agli utenti di modificare le impostazioni proxy.
Se l'utente sceglie di non utilizzare mai un server proxy e di connettersi sempre direttamente, tutte le altre opzioni vengono ignorate.
Se l'utente sceglie di rilevare automaticamente il server proxy, tutte le altre opzioni vengono ignorate.
Per esempi dettagliati, visita il seguente indirizzo:
<ph name="PROXY_HELP_URL" />.
Se questa impostazione viene attivata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> e le app ARC ignorano tutte le opzioni relative al proxy specificate dalla riga di comando.
Se queste norme non vengono impostate, gli utenti possono scegliere autonomamente le impostazioni del proxy.</translation>
<translation id="3758249152301468420">Disabilita Strumenti per sviluppatori</translation>
<translation id="3764248359515129699">Disattiva l'applicazione dei requisiti di Certificate Transparency per un elenco di autorità di certificazione precedenti.
Questa norma consente di disattivare i requisiti di divulgazione di Certificate Transparency per le catene di certificati che contengono certificati con uno degli hash subjectPublicKeyInfo specificati. Fa sì che i certificati che altrimenti sarebbero considerati non attendibili, in quanto non adeguatamente resi pubblici, continuino a essere utilizzati per gli host aziendali.
Per disattivare l'applicazione dei requisiti di Certificate Transparency quando viene impostata questa norma, l'hash deve far parte di un subjectPublicKeyInfo che compare in un certificato CA riconosciuto come autorità di certificazione (CA) precedente. Una CA precedente è una CA che, per impostazione predefinita, è stata considerata attendibile pubblicamente da uno o più sistemi operativi supportati da <ph name="PRODUCT_NAME" />, ma che non è considerata attendibile da Android Open Source Project o da <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />.
Per specificare un hash subjectPublicKeyInfo è necessario concatenare il nome dell'algoritmo hash, il carattere "/" e la codifica Base64 dell'algoritmo hash applicato al subjectPublicKeyInfo con codifica DER del certificato specificato. La codifica Base64 è nello stesso formato di un'impronta SPKI, come stabilito nella Sezione 2.4 dell'RFC 7469. Gli algoritmi hash non riconosciuti vengono ignorati. Attualmente l'unico algoritmo hash supportato è "sha256".
Se questa norma non viene impostata, i certificati che devono essere resi pubblici tramite Certificate Transparency verranno considerati non attendibili nel caso in cui non vengano resi pubblici secondo quanto previsto dalle norme di Certificate Transparency.</translation>
<translation id="3765260570442823273">Durata del messaggio di avviso di uscita per inattività</translation>
<translation id="377044054160169374">Applicazione dell'intervento in caso di esperienza intrusiva</translation>
<translation id="3780152581321609624">Includi porta non standard in Kerberos SPN</translation>
<translation id="3780319008680229708">Se il criterio è impostato su true, l'icona Cast della barra degli strumenti sarà sempre visibile nella barra degli strumenti o nel menu extra e gli utenti non potranno rimuoverla.
Se il criterio è impostato su false o non viene impostato, gli utenti potranno bloccare o rimuovere l'icona tramite il relativo menu contestuale.
Se il criterio "EnableMediaRouter" è impostato su false, il valore del criterio non avrà effetto e l'icona della barra degli strumenti non sarà mostrata.</translation>
<translation id="3788662722837364290">Impostazioni di gestione dell'alimentazione quando l'utente diventa inattivo</translation>
<translation id="3790085888761753785">Se questa impostazione viene attivata, gli utenti potranno accedere ai propri account con Smart Lock. Questa impostazione è più permissiva rispetto al normale comportamento di Smart Lock che consente agli utenti soltanto di sbloccare lo schermo.
Se questa impostazione viene disattivata, gli utenti non potranno usare l'accesso tramite Smart Lock.
Se questa norma non viene impostata, per impostazione predefinita la funzione non è consentita per gli utenti gestiti dall'azienda ed è consentita per gli utenti non gestiti.</translation>
<translation id="379602782757302612">Consente di specificare le estensioni che gli utenti NON possono installare. Se presenti nella lista nera, le estensioni precedentemente installate verranno rimosse, senza che l'utente possa attivarle. Quando un'estensione viene tolta dalla lista nera, viene riattivata automaticamente.
Un valore di * riportato nella lista nera indica che tutte le estensioni sono state inserite nella lista nera, a meno che non siano esplicitamente elencate nella whitelist.
Se questa norma non viene impostata, gli utenti potranno installare qualsiasi estensione in <ph name="PRODUCT_NAME" />.</translation>
<translation id="3800626789999016379">Consente di configurare la directory che <ph name="PRODUCT_NAME" /> utilizza per il download dei file.
Se la norma viene impostata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> utilizza la directory fornita, indipendentemente dal fatto che l'utente ne abbia specificata una o abbia attivato il flag da attivare ogni volta per il percorso di download.
Visita il sito https://www.chromium.org/administrators/policy-list-3/user-data-directory-variables per consultare un elenco di variabili utilizzabili.
Se la norma non viene impostata, viene utilizzata la directory di download predefinita e l'utente può modificarla.</translation>
<translation id="3805659594028420438">Attiva estensione di certificati associati al dominio TLS (obsoleta)</translation>
<translation id="3808945828600697669">Specifica un elenco dei plug-in disattivati</translation>
<translation id="3811562426301733860">Consenti annunci su tutti i siti</translation>
<translation id="3816312845600780067">Attivazione scorciatoia da tastiera bailout per accesso automatico</translation>
<translation id="3820526221169548563">Attiva la funzione di accessibilità della tastiera sullo schermo.
Se questa norma viene impostata su true, la tastiera sullo schermo sarà sempre attivata.
Se questa norma viene impostata su false, la tastiera sullo schermo sarà sempre disattivata.
Se questa norma viene viene impostata, gli utenti non potranno modificarla o sostituirla.
Se questa norma non viene impostata, inizialmente la tastiera sullo schermo è disattivata, ma l'utente la può attivare in qualsiasi momento.</translation>
<translation id="382476126209906314">Configura il prefisso TalkGadget per gli host di accesso remoto</translation>
<translation id="3831376478177535007">Se questa impostazione viene attivata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> consente di ritenere attendibili i certificati emessi dal team addetto alle operazioni dell'infrastruttura PKI precedente di Symantec Corporation se sono correttamente convalidati e collegati a un certificato CA riconosciuto.
Tieni presente che questa norma dipende dal riconoscimento da parte del sistema operativo dei certificati dell'infrastruttura precedente di Symantec. Se un aggiornamento del sistema operativo cambia la modalità di gestione di tali certificati da parte del sistema, questa norma non viene più applicata. Inoltre, questa norma è intesa come soluzione alternativa temporanea per dare alle aziende più tempo per ritirare i certificati Symantec precedenti. Questa norma verrà rimossa il 1° gennaio 2019 o in una data successiva.
Se questa norma non viene impostata o viene impostata su false, <ph name="PRODUCT_NAME" /> segue il piano di ritiro pubblico.
Visita la pagina https://g.co/chrome/symantecpkicerts per avere ulteriori informazioni sul ritiro.</translation>
<translation id="383466854578875212">Consente di specificare gli host di messaggi nativi da escludere dalla lista nera.
Il valore della lista nera * indica che tutti gli host di messaggi nativi non sono autorizzati e che verranno caricati soltanto gli host di messaggi nativi elencati nella whitelist.
Per impostazione predefinita sono autorizzati tutti gli host di messaggi nativi ma, se tutti gli host sono stati aggiunti alla lista nera secondo la norma, è possibile utilizzare la whitelist per ignorare la norma.</translation>
<translation id="384743459174066962">Consente di impostare un elenco di pattern URL che specificano i siti in cui non è consentita l'apertura dei popup. Se questa norma non viene impostata, per tutti i siti verrà utilizzato il valore predefinito globale della norma "DefaultPopupsSetting", se è impostata, oppure verrà utilizzata la configurazione personale dell'utente.</translation>
<translation id="3851039766298741586">Consente di segnalare informazioni sulla sessione kiosk attiva, ad esempio l'ID e la versione dell'applicazione.
Se la norma viene impostata su false, le informazioni relative alla sessione kiosk non verranno segnalate. Se viene impostata su true o non viene impostata, tali informazioni verranno segnalate.</translation>
<translation id="3858658082795336534">Modalità di stampa fronte/retro predefinita</translation>
<translation id="3859780406608282662">Consente di aggiungere un parametro al recupero del numero di inizializzazione delle varianti in <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />.
Se la norma è specificata, verrà aggiunto un parametro query chiamato "restrict" all'URL utilizzato per recuperare il numero di inizializzazione delle varianti. Il valore del parametro sarà il valore specificato in questa norma.
Se la norma non è specificata, l'URL di recupero del numero di inizializzazione delle varianti non verrà modificato.</translation>
<translation id="3863409707075047163">Versione SSL minima attivata</translation>
<translation id="3864020628639910082">Consente di specificare l'URL del motore di ricerca utilizzato per fornire suggerimenti di ricerca. L'URL deve contenere la stringa "<ph name="SEARCH_TERM_MARKER" />", che verrà sostituita in fase di query dal testo inserito fino a quel momento dall'utente.
Questa norma è facoltativa. Se non viene impostata, non verranno utilizzati URL di suggerimento.
L'URL per i suggerimenti di Google può essere specificato come segue: <ph name="GOOGLE_SUGGEST_SEARCH_URL" />.
Questa norma viene rispettata soltanto se la norma "DefaultSearchProviderEnabled" è attiva.</translation>
<translation id="3864129983143201415">Configura le lingue consentite in una sessione utente</translation>
<translation id="3866249974567520381">Descrizione</translation>
<translation id="3868347814555911633">Questa norma è attiva soltanto in modalità retail.
Consente di elencare le estensioni che vengono installate automaticamente per gli utenti Demo di dispositivi in modalità retail. Queste estensioni vengono salvate sul dispositivo e possono essere installate offline, dopo l'installazione.
Ogni voce dell'elenco contiene un dizionario che deve includere l'ID dell'estensione nel campo "extension-id" e il relativo URL di aggiornamento nel campo "update-url".</translation>
<translation id="3874773863217952418">Attiva Tocca per cercare</translation>
<translation id="3877517141460819966">Modalità di autenticazione a due fattori integrata</translation>
<translation id="3879208481373875102">Configura l'elenco delle app web con installazione forzata</translation>
<translation id="388237772682176890">Questa norma è stata ritirata in M53 e rimossa in M54 perché è stato rimosso il supporto di SPDY/3.1.
Consente di disattivare l'utilizzo del protocollo SPDY in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se questa norma viene attivata, il protocollo SPDY non sarà disponibile in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se la norma viene disattivata sarà possibile utilizzare il protocollo.
Se la norma non viene impostata, il protocollo SPDY sarà disponibile.</translation>
<translation id="3890999316834333174">Norme relative allo sblocco rapido</translation>
<translation id="3891357445869647828">Abilita JavaScript</translation>
<translation id="3895557476567727016">Consente di configurare la directory predefinita da usare in <ph name="PRODUCT_NAME" /> per il download dei file.
Se questa norma viene impostata, verrà cambiata la directory predefinita in cui vengono scaricati i file in <ph name="PRODUCT_NAME" />. Questa norma non è obbligatoria, pertanto l'utente potrà cambiare la directory.
Se questa norma non viene impostata, verrà usata la normale directory predefinita (specifica della piattaforma) di <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Visita il sito https://www.chromium.org/administrators/policy-list-3/user-data-directory-variables per consultare un elenco di variabili utilizzabili.</translation>
<translation id="3904459740090265495">Questa norma consente di stabilire il comportamento di accesso del browser. Ti consente di specificare se l'utente può accedere a <ph name="PRODUCT_NAME" /> con il proprio account e usare i servizi correlati all'account come Sincronizzazione Chrome.
Se la norma viene impostata su "Disattiva accesso al browser", l'utente non potrà accedere al browser e usare i servizi basati sull'account. In questo caso, le funzionalità a livello di browser come la Sincronizzazione Chrome non potranno essere usate e non saranno disponibili. Se la norma viene impostata su "Disattivata" dopo che l'utente ha eseguito l'accesso, l'utente verrà scollegato alla successiva esecuzione di Chrome, ma i dati locali del profilo, come preferiti, password ecc., verranno mantenuti. L'utente potrà comunque accedere e usare i servizi web di Google come Gmail.
Se la norma viene impostata su "Attiva accesso al browser", l'utente potrà accedere al browser e verrà collegato automaticamente al browser se accederà a servizi web di Google come Gmail. Se viene eseguito l'accesso al browser, i dati dell'account dell'utente vengono memorizzati dal browser, ma la funzione Sincronizzazione Chrome non viene attivata per impostazione predefinita; per poter utilizzare questa funzione, l'utente deve attivarla separatamente. Se attivi questa norma, l'utente non potrà disattivare l'impostazione che consente l'accesso al browser. Per gestire la disponibilità della funzione Sincronizzazione Chrome, usa la norma "SyncDisabled".
Se la norma viene impostata su "Forza accesso al browser", all'utente verrà mostrata una finestra di dialogo di selezione dell'account, da cui dovrà scegliere un account a cui accedere per usare il browser. Questa misura garantisce l'applicazione, nell'ambito degli account gestiti, delle norme associate all'account. La funzione Sincronizzazione Chrome viene attivata per impostazione predefinita per l'account, ad eccezione del caso in cui la sincronizzazione sia stata disattivata dall'amministratore di dominio o tramite la norma "SyncDisabled". Il valore predefinito della norma BrowserGuestModeEnabled sarà false. Tieni presente che i profili esistenti a cui non viene eseguito l'accesso saranno bloccati e inaccessibili dopo l'attivazione di questa norma. Per ulteriori informazioni, leggi il seguente articolo del Centro assistenza: https://support.google.com/chrome/a/answer/7572556.
Se questa norma non è impostata, l'utente potrà decidere se attivare o meno l'opzione di accesso al browser e di usarla in base alle necessità.</translation>
<translation id="3911737181201537215">Questa norma non influisce sulla registrazione effettuata da Android.</translation>
<translation id="391531815696899618">Consente di disattivare la sincronizzazione di Google Drive nell'app File di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> quando è impostata su True. In tal caso, non vengono caricati dati in Google Drive.
Se questa norma non viene impostata o è impostata su False, gli utenti potranno trasferire file in Google Drive.</translation>
<translation id="3915395663995367577">URL di un file proxy .pac</translation>
<translation id="3925377537407648234">Imposta fattore di scala e risoluzione del display</translation>
<translation id="3939893074578116847">Invia pacchetti di rete al server di gestione per monitorare lo stato online, per consentire
al server di rilevare se il dispositivo è offline.
Se la norma è impostata su true, i pacchetti di rete di monitoraggio (chiamati <ph name="HEARTBEATS_TERM" />) verranno inviati.
Se la norma è impostata su false, i pacchetti non verranno inviati.</translation>
<translation id="3950239119790560549">Limitazioni relative alla data/ora di aggiornamento</translation>
<translation id="3956686688560604829">Utilizza la norma SiteList di Internet Explorer per il Supporto dei browser precedenti.</translation>
<translation id="3958586912393694012">Consenti l'utilizzo di Smart Lock</translation>
<translation id="3963602271515417124">Se la norma viene impostata su true, l'attestazione da remoto viene consentita per il dispositivo e viene generato automaticamente un certificato che viene caricato sul Server di gestione del dispositivo.
Se la norma viene impostata su false o non viene impostata, non verrà generato alcun certificato e le chiamate all'API di estensione enterprise.platformKeys non andranno a buon fine.</translation>
<translation id="3965339130942650562">Timeout fino a esecuzione uscita utente non attivo</translation>
<translation id="3973371701361892765">Non nascondere mai automaticamente lo shelf</translation>
<translation id="3984028218719007910">Consente di stabilire se tenere o meno memorizzati in <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> i dati degli account locali dopo l'uscita. Se la norma viene impostata su true, in <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> non verranno conservati gli account persistenti e tutti i dati della sessione utente verranno eliminati dopo l'uscita. Se la norma viene impostata su false o non viene configurata, il dispositivo potrebbe conservare i dati utente locali (criptati).</translation>
<translation id="398475542699441679">Questa norma consente di stabilire se attivare il Supporto dei browser precedenti.
Se questa norma non viene impostata o viene impostata su false, Chrome non proverà ad avviare gli URL stabiliti in un browser alternativo.
Quando questa norma è impostata su true, Chrome prova ad avviare alcuni URL in un browser alternativo (ad esempio, Internet Explorer). Questa funzionalità viene configurata con le norme nel gruppo <ph name="LEGACY_BROWSER_SUPPORT_POLICY_GROUP" />.
Questa funzionalità sostituisce l'estensione <ph name="LEGACY_BROWSER_SUPPORT_EXTENSION_NAME" />. La configurazione dell'estensione viene riportata in questa funzionalità, ma consigliamo vivamente di utilizzare invece le norme di Chrome. Infatti, ciò garantisce una maggiore compatibilità in futuro.</translation>
<translation id="3997519162482760140">URL a cui verrà concesso l'accesso ai dispositivi di acquisizione video su pagine di accesso SAML</translation>
<translation id="4001275826058808087">Gli amministratori IT di dispositivi aziendali possono utilizzare questo flag per stabilire se consentire agli utenti di utilizzare le offerte tramite la registrazione a Chrome OS.
Se questa norma viene impostata su true o non viene impostata, gli utenti potranno utilizzare le offerte tramite la registrazione a Chrome OS.
Se questa norma viene impostata su false, gli utenti non potranno utilizzare le offerte.</translation>
<translation id="4008507541867797979">Se questa norma viene impostata su True o non viene configurata, nella schermata di accesso di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> verranno visualizzati gli utenti esistenti tra cui sarà possibile selezionare un utente.
Se la norma è impostata su False, nella schermata di accesso di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> non verranno visualizzati gli utenti esistenti. Verrà visualizzata la normale schermata di accesso (richiesta di email utente e password o telefono) o la schermata interstiziale SAML (se attivata tramite la norma <ph name="LOGIN_AUTHENTICATION_BEHAVIOR_POLICY_NAME" />), a meno che non sia stata configurata una sessione gestita. Quando viene configurata una sessione gestita, verranno visualizzati solo gli account della sessione gestita, consentendo di selezionarne uno.
Tieni presente che questa norma non influisce sull'eliminazione o meno dei dati utenti locali sul dispositivo.</translation>
<translation id="4010738624545340900">Consenti richiamo di finestre di dialogo di selezione file</translation>
<translation id="4012737788880122133">Se questa norma viene impostata su True, gli aggiornamenti automatici vengono disattivati.
Se questa norma non viene configurata o viene impostata su False, i dispositivi <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> controllano automaticamente la disponibilità di aggiornamenti.
Avviso. È consigliabile mantenere attivati gli aggiornamenti automatici per consentire agli utenti di ricevere gli aggiornamenti software e le correzioni di sicurezza fondamentali. Disattivare gli aggiornamenti automatici potrebbe mettere a rischio gli utenti.</translation>
<translation id="4020682745012723568">Le app Android non possono accedere ai cookie trasferiti al profilo dell'utente.</translation>
<translation id="402759845255257575">Non consentire ad alcun sito di eseguire JavaScript</translation>
<translation id="4027608872760987929">Attiva il provider di ricerca predefinito</translation>
<translation id="4039085364173654945">Consente di stabilire se per i contenuti secondari di terze parti presenti in una pagina è consentita la visualizzazione di una finestra di dialogo Autorizzazione di base HTTP. Generalmente questa norma non è attiva per tutela dal phishing. Se questa norma non viene impostata, l'impostazione verrà disattivata e per i contenuti secondari di terze parti non potrà essere visualizzata una finestra di dialogo Autorizzazione di base HTTP.</translation>
<translation id="4056910949759281379">Disabilita protocollo SPDY</translation>
<translation id="4059515172917655545">Questa norma consente di controllare la disponibilità dei servizi di geolocalizzazione di Google.
Quando questa norma non è configurata o è impostata su <ph name="GLS_DISABLED" />, i servizi di geolocalizzazione sono disabilitati e non possono essere abilitati dall'utente.
Quando questa norma è impostata su <ph name="GLS_UNDER_USER_CONTROL" />, all'utente viene chiesto di scegliere se utilizzare i servizi di geolocalizzazione di Google che consentono alle app di Android di recuperare la posizione del dispositivo e inoltre di inviare a Google i dati anonimi sulla posizione.
Tieni presente che questa norma viene ignorata e i servizi di geolocalizzazione di Google sono sempre disabilitati quando la norma <ph name="DEFAULT_GEOLOCATION_SETTING_POLICY_NAME" /> è impostata su <ph name="BLOCK_GEOLOCATION_SETTING" />.</translation>
<translation id="408029843066770167">Consenti query a un servizio orario di Google</translation>
<translation id="408076456549153854">Attiva accesso al browser</translation>
<translation id="4088589230932595924">Modalità di navigazione in incognito forzata</translation>
<translation id="4088983553732356374">Consente di stabilire se consentire o meno ai siti web di impostare dati locali. L'impostazione dei dati locali può essere consentita o vietata per tutti i siti web.
Se questa norma viene impostata su "Conserva cookie per tutta la durata della sessione", i cookie vengono cancellati alla chiusura della sessione. Quando <ph name="PRODUCT_NAME" /> è in esecuzione in "modalità background", è possibile che la sessione non si chiuda quando viene chiusa l'ultima finestra. Leggere la norma "BackgroundModeEnabled" per avere ulteriori informazioni sulla configurazione di questo comportamento.
Se questa norma non viene impostata, verrà utilizzata la norma "AllowCookies", che potrà essere modificata dall'utente.</translation>
<translation id="4103289232974211388">Reindirizza a IdP SAML dopo la conferma dell'utente</translation>
<translation id="410478022164847452">Consente di specificare il periodo di tempo senza input dell'utente trascorso il quale viene compiuta l'azione stabilita per l'inattività quando viene utilizzata la corrente alternata.
Se questa norma viene impostata, consente di specificare il periodo di tempo per cui l'utente deve rimanere inattivo prima che <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> compia l'azione di inattività, che può essere configurata separatamente.
Se questa norma non viene impostata, viene utilizzato un periodo di tempo predefinito.
Il valore della norma deve essere specificato in millisecondi.</translation>
<translation id="4105989332710272578">Disattiva l'imposizione di Certificate Transparency per un elenco di URL</translation>
<translation id="4121350739760194865">Impedisci la visualizzazione delle promozioni di applicazioni nella pagina Nuova scheda</translation>
<translation id="412697421478384751">Consenti agli utenti di impostare PIN non sicuri per la schermata di blocco</translation>
<translation id="4138655880188755661">Limite di tempo</translation>
<translation id="4150201353443180367">Display</translation>
<translation id="4157003184375321727">Indica versione sistema operativo e firmware</translation>
<translation id="4157594634940419685">Consenti l'accesso a stampanti CUPS native</translation>
<translation id="4183229833636799228">Impostazione predefinita per il plug-in <ph name="FLASH_PLUGIN_NAME" /></translation>
<translation id="4192388905594723944">URL per la convalida del token di autenticazione del client di accesso remoto</translation>
<translation id="4203389617541558220">Consente di limitare il tempo di attività del dispositivo programmando riavvii automatici.
Se questa norma viene impostata consente di specificare il periodo di tempo di attività del dispositivo trascorso il quale è programmato un riavvio automatico.
Se la norma non viene impostata il tempo di attività del dispositivo non è limitato.
Se la norma viene impostata gli utenti non potranno modificarla o ignorarla.
Il riavvio automatico è programmato all'ora selezionata ma potrebbe essere ritardato sul dispositivo di massimo 24 ore se un utente sta utilizzando il dispositivo.
Nota. Attualmente i riavvii automatici vengono attivati soltanto durante la visualizzazione della schermata di accesso o durante una sessione di un'app kiosk. Questo comportamento cambierà in futuro e la norma sarà sempre valida, a prescindere dal fatto che sia in corso o meno una sessione di tipo specifico.
Il valore della norma dovrebbe essere specificato in secondi. Il valore minimo deve essere 3600 (un'ora).</translation>
<translation id="4203879074082863035">Agli utenti vengono mostrate soltanto le stampanti indicate nella whitelist</translation>
<translation id="420512303455129789">Un dizionario che mappa gli URL su un flag booleano che specifica se l'accesso all'host deve essere consentito (true) o bloccato (false).
Questa norma è per uso interno di <ph name="PRODUCT_NAME" />.</translation>
<translation id="4224610387358583899">Ritardi del blocco schermo</translation>
<translation id="423797045246308574">Consente di impostare un elenco di pattern URL che specificano i siti in cui non è consentito l'utilizzo della generazione di chiavi. Se un pattern URL è indicato nella norma "KeygenAllowedForUrls", quest'ultima ha la precedenza su queste eccezioni.
Se questa norma non viene impostata, per tutti i siti verrà utilizzato il valore predefinito globale della norma "DefaultKeygenSetting", se è impostata, oppure verrà utilizzata la configurazione personale dell'utente.</translation>
<translation id="4239720644496144453">La cache non viene utilizzata per le app Android. Se più utenti installano la stessa app Android, questa viene scaricata per ogni utente.</translation>
<translation id="4243336580717651045">Consente di attivare la raccolta di dati anonimizzati con chiave URL in <ph name="PRODUCT_NAME" /> e di impedire agli utenti di modificare questa impostazione.
La raccolta di dati anonimizzati con chiave URL invia a Google gli URL delle pagine visitate dall'utente al fine di migliorare la ricerca e la navigazione.
Se questa norma viene attivata, la raccolta di dati anonimizzati con chiave URL è sempre attiva.
Se questa norma viene disattivata, la raccolta di dati anonimizzati con chiave URL non è mai attiva.
Se questa norma non viene impostata, la raccolta di dati anonimizzati con chiave URL verrà attivata, ma l'utente potrà modificare l'impostazione.</translation>
<translation id="4250680216510889253">No</translation>
<translation id="4261820385751181068">Lingua della schermata di accesso del dispositivo</translation>
<translation id="427220754384423013">Consente di specificare le stampanti utilizzabili dagli utenti.
Questa norma viene usata soltanto se viene selezionata l'opzione <ph name="PRINTERS_WHITELIST" /> per la norma <ph name="BULK_PRINTERS_ACCESS_MODE" />.
Se viene usata questa norma, solo le stampanti con ID corrispondenti ai valori della norma saranno disponibili per gli utenti. Gli ID devono corrispondere ai campi "id" o "guid" del file specificato nella norma <ph name="BULK_PRINTERS_POLICY" />.
</translation>
<translation id="427632463972968153">Consente di specificare i parametri utilizzati durante la ricerca di immagini con POST. Si tratta di coppie di nome/valore separate da virgole. Se un valore è il parametro di un modello, come {imageThumbnail} nell'esempio precedente, verrà sostituito con i dati delle miniature di immagini reali.
Questa norma è facoltativa. Se non viene impostata, la richiesta di ricerca di immagini verrà inviata utilizzando il metodo GET.
Questa norma viene rispettata soltanto se la norma "DefaultSearchProviderEnabled" è attiva.</translation>
<translation id="4285674129118156176">Consenti agli utenti non affiliati di usare ARC</translation>
<translation id="4298509794364745131">Consente di specificare l'elenco di app che è possibile attivare come app per scrivere note nella schermata di blocco di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />.
Se nella schermata di blocco viene attivata l'app per scrivere note preferita, nella schermata sarà presente l'elemento dell'interfaccia utente per avviare tale app.
Quando viene avviata, l'app può creare una finestra sopra la schermata di blocco e creare dati (note) nel contesto della schermata di blocco. L'app può importare note create nella sessione utente principale, quando la sessione è sbloccata. Attualmente, nella schermata di blocco sono supportate soltanto le app per scrivere note di Chrome.
Se la norma viene impostata, l'utente potrà attivare un'app nella schermata di blocco soltanto se l'ID estensione dell'app è presente come valore nell'elenco della norma.
Di conseguenza, se l'elenco di questa norma viene lasciato vuoto, non sarà consentito scrivere note nella schermata di blocco.
Tieni presente che l'esistenza dell'ID di un'app nella norma non implica necessariamente che l'utente potrà attivare l'app in questione come app per scrivere note nella schermata di blocco. Ad esempio, su Chrome 61, il gruppo di app disponibili è limitato ulteriormente dalla piattaforma.
Se la norma non viene impostata, non ci saranno limitazioni relative al gruppo di app che l'utente potrà attivare nella schermata di blocco.</translation>
<translation id="4309640770189628899">Attiva o meno i pacchetti di crittografia DHE in TLS</translation>
<translation id="4322842393287974810">Consenti all'app kiosk avviata automaticamente senza ritardo di controllare la versione di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /></translation>
<translation id="4325690621216251241">Aggiungi un pulsante di uscita all'area di notifica</translation>
<translation id="4332177773549877617">Registra eventi per le installazioni di app Android</translation>
<translation id="4346674324214534449">Consente di stabilire se bloccare o meno gli annunci su siti con annunci invasivi.
Se questa norma viene impostata su 2, gli annunci verranno bloccati sui siti con annunci invasivi.
Questo comportamento non verrà però attivato se la norma SafeBrowsingEnabled viene impostata su False.
Se questa norma viene impostata su 1, gli annunci non verranno bloccati sui siti con annunci invasivi.
Se questa norma non viene impostata, verrà usato il valore 2.</translation>
<translation id="4347908978527632940">Se la norma viene impostata su true e l'utente è supervisionato, le altre app Android possono chiedere le restrizioni web dell'utente tramite un provider di contenuti.
Se la norma è impostata su false o non è impostata, il provider di contenuti non restituisce informazioni.</translation>
<translation id="435461861920493948">Contiene un elenco di pattern utilizzati per stabilire la visibilità degli account in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Ogni account Google sul dispositivo viene confrontato con i pattern memorizzati in questa norma per stabilirne la visibilità in <ph name="PRODUCT_NAME" />. L'account sarà visibile se il nome coincide con qualsiasi pattern nell'elenco. In caso contrario l'account sarà nascosto.
Il carattere jolly "*" rappresenta zero o più caratteri arbitrari. Il carattere di escape è "\", quindi per trovare una corrispondenza con il significato letterale dei caratteri "*" o "\", falli precedere da "\".
Se questa norma non viene impostata, tutti gli account Google sul dispositivo saranno visibili in <ph name="PRODUCT_NAME" />.</translation>
<translation id="436581050240847513">Riporta interfacce di rete del dispositivo</translation>
<translation id="4372704773119750918">Non permettere all'utente aziendale di far parte del profilo multiplo (principale o secondario)</translation>
<translation id="4377599627073874279">Consenti la visualizzazione di tutte le immagini in tutti i siti</translation>
<translation id="437791893267799639">Norma non impostata. Non consentire migrazione dei dati e ARC</translation>
<translation id="4389091865841123886">Configura l'attestazione da remoto con meccanismo TPM.</translation>
<translation id="4408428864159735559">Elenco di condivisioni di file di rete preconfigurate.</translation>
<translation id="4410236409016356088">Attiva la limitazione della larghezza di banda della rete</translation>
<translation id="441217499641439905">Disattiva Google Drive su reti cellulari nell'app File di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /></translation>
<translation id="4418726081189202489">Se questa norma viene impostata su false, <ph name="PRODUCT_NAME" /> non può più inviare query occasionali a un server di Google per recuperare un timestamp preciso. Queste query vengono attivate se questa norma viene impostata su True o non viene configurata.</translation>
<translation id="4423597592074154136">Specifica manualmente le impostazioni proxy</translation>
<translation id="4429220551923452215">Attiva o disattiva la scorciatoia per le app nella barra dei Preferiti. Se questa norma non è impostata, l'utente può scegliere di mostrare o nascondere la scorciatoia per le app dal menu contestuale della barra dei Preferiti. Se la norma è configurata, l'utente non può modificarla e la scorciatoia per le app viene mostrata sempre oppure non viene mostrata mai.</translation>
<translation id="4432762137771104529">Attiva rapporti estesi su Navigazione sicura</translation>
<translation id="443454694385851356">Precedente (non sicuro)</translation>
<translation id="443665821428652897">Cancella i dati del sito alla chiusura del browser (obsoleta)</translation>
<translation id="4439132805807595336">Consente al dispositivo di eseguire PluginVm.
Se la norma viene impostata su false o non viene impostata, <ph name="PLUGIN_VM_NAME" /> non viene attivato per il dispositivo. Se viene impostata su true, <ph name="PLUGIN_VM_NAME" /> viene attivato per il dispositivo, a condizione che anche le altre impostazioni lo permettano. La norma <ph name="PLUGIN_VM_ALLOWED_POLICY_NAME" /> deve essere impostata su true, mentre le norme <ph name="PLUGIN_VM_LICENSE_KEY_POLICY_NAME" /> e <ph name="PLUGIN_VM_IMAGE_POLICY_NAME" /> devono essere impostate per consentire l'esecuzione di <ph name="PLUGIN_VM_NAME" />.</translation>
<translation id="4439336120285389675">Consente di specificare un elenco di funzioni ritirate della piattaforma web da riattivare temporaneamente.
Questa norma consente agli amministratori di riattivare funzioni ritirate della piattaforma web per un periodo di tempo limitato. Le funzioni sono identificate da un tag string e le funzioni corrispondenti ai tag inclusi nell'elenco specificato tramite questa norma verranno riattivate.
Se questa norma non viene impostata, se l'elenco è vuoto o non corrisponde a uno dei tag string supportati, rimarranno disattivate tutte le funzioni ritirate della piattaforma web.
La norma stessa è supportata sulle piattaforme precedenti, ma la funzione attivata dalla norma potrebbe essere disponibile su meno piattaforme. Non è possibile riattivare tutte le funzioni ritirate della piattaforma web, ma soltanto quelle elencate esplicitamente di seguito e soltanto per un periodo di tempo limitato, che è diverso per ogni funzione. Il formato generico del tag string sarà [NomeFunzioneRitirata]_EffectiveUntil[aaaammgg]. È possibile conoscere lo scopo delle modifiche alle funzioni della piattaforma web all'indirizzo https://bit.ly/blinkintents.
</translation>
<translation id="4442582539341804154">Attiva il blocco quando lo stato del dispositivo diventa inattivo o sospeso</translation>
<translation id="4449545651113180484">Ruota lo schermo in senso orario di 270°</translation>
<translation id="4454820008017317557">Mostra l'icona della barra degli strumenti di <ph name="PRODUCT_NAME" /></translation>
<translation id="4467952432486360968">Blocca cookie di terze parti</translation>
<translation id="4474167089968829729">Attiva il salvataggio delle password in Gestione password</translation>
<translation id="4476769083125004742">Se la norma viene impostata su <ph name="BLOCK_GEOLOCATION_SETTING" />, le app Android non possono accedere ai dati sulla posizione. Se la norma viene impostata su qualsiasi altro valore o non viene impostata, all'utente viene chiesta l'autorizzazione quando un'app Android vuole accedere ai dati sulla posizione.</translation>
<translation id="4480694116501920047">Forza SafeSearch</translation>
<translation id="4482640907922304445">Consente di visualizzare il pulsante Pagina iniziale sulla barra degli strumenti di <ph name="PRODUCT_NAME" />. Se attivi questa impostazione il pulsante Pagina iniziale verrà sempre visualizzato, in caso contrario non verrà mai visualizzato. Se questa impostazione viene attivata o disattivata, gli utenti non potranno modificarla o sostituirla in <ph name="PRODUCT_NAME" />. Se non imposti questa norma gli utenti potranno scegliere se visualizzare o meno il pulsante Pagina iniziale.</translation>
<translation id="4483649828988077221">Disattiva l'aggiornamento automatico</translation>
<translation id="4485425108474077672">Configura l'URL per la pagina Nuova scheda</translation>
<translation id="4492287494009043413">Disabilita l'acquisizione di screenshot</translation>
<translation id="449423975179525290">Imposta le norme relative a <ph name="PLUGIN_VM_NAME" />.</translation>
<translation id="450537894712826981">Consente di configurare le dimensioni della cache che verranno utilizzate da <ph name="PRODUCT_NAME" /> per archiviare sul disco i file multimediali memorizzati nella cache.
Se questa norma viene impostata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> utilizzerà le dimensioni della cache indicate a prescindere dalla specifica o meno da parte dell'utente del flag "--media-cache-size". Il valore specificato in questa norma non è un limite rigido ma un suggerimento per il sistema di memorizzazione nella cache. I valori inferiori ad alcuni megabyte sono troppo piccoli e verranno arrotondati a un valore minimo ragionevole.
Se il valore di questa norma è 0, verranno utilizzate le dimensioni della cache predefinite, che l'utente non potrà modificare.
Se questa norma non viene impostata, verranno utilizzate le dimensioni predefinite, che l'utente potrà sostituire con il flag --media-cache-size.</translation>
<translation id="4508686775017063528">Se questa norma viene impostata su true o non viene impostata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> sarà attivato e gli utenti potranno avviarlo dal menu dell'app, dai menu contestuali nelle pagine, dai controlli multimediali nei siti web compatibili con Google Cast e (se presente) dall'icona Cast della barra degli strumenti.
Se questa norma viene impostata su false, <ph name="PRODUCT_NAME" /> sarà disattivato.</translation>
<translation id="4515404363392014383">Attiva Navigazione sicura per le origini attendibili</translation>
<translation id="4518251772179446575">Chiedi ogni volta che un sito desidera monitorare la posizione fisica degli utenti</translation>
<translation id="4519046672992331730">Consente di attivare i suggerimenti di ricerca nella omnibox di <ph name="PRODUCT_NAME" /> e di impedire agli utenti di modificare l'impostazione.
Se questa impostazione viene attivata, i suggerimenti di ricerca verranno utilizzati, in caso contrario non verranno mai utilizzati.
Se questa impostazione viene attivata o disattivata, gli utenti non potranno modificarla o sostituirla in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se questa norma non viene impostata, l'impostazione verrà attivata ma gli utenti potranno modificarla.</translation>
<translation id="4531706050939927436">L'installazione di app Android può essere imposta dalla Console d'amministrazione Google tramite Google Play. Questa norma non viene utilizzata.</translation>
<translation id="4534500438517478692">Nome della limitazione di Android:</translation>
<translation id="4541530620466526913">Account del dispositivo</translation>
<translation id="4544079461524242527">Configura le impostazioni di gestione delle estensioni per <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Questa norma controlla più impostazioni, tra cui quelle controllate da norme correlate alle estensioni già presenti. Questa norma sostituisce tutte le norme precedenti se vengono impostate entrambe.
Questa norma consente di mappare un ID estensione o un URL di aggiornamento alla relativa configurazione. Con un ID estensione, la configurazione viene applicata solo all'estensione specificata. È possibile impostare una configurazione predefinita per l'ID speciale <ph name="DEFAULT_SCOPE" />, che verrà applicato a tutte le estensioni per cui non è impostata una configurazione personalizzata in questa norma. Con un URL di aggiornamento, la configurazione verrà applicata a tutte le estensioni con l'esatto URL di aggiornamento indicato nel file manifest dell'estensione, come descritto all'indirizzo <ph name="LINK_TO_EXTENSION_DOC1" />.
Per una descrizione completa delle possibili impostazioni e della struttura di questa norma, visita la pagina https://www.chromium.org/administrators/policy-list-3/extension-settings-full
</translation>
<translation id="4554651132977135445">Modalità di elaborazione loopback delle norme relative agli utenti</translation>
<translation id="4554841826517980623">Questa norma controlla se per <ph name="PRODUCT_NAME" /> la funzione Condivisioni file di rete debba utilizzare o meno il protocollo <ph name="NETBIOS_PROTOCOL" /> per individuare le condivisioni sulla rete.
Quando questa norma è impostata su True, il rilevamento delle condivisioni utilizza il protocollo <ph name="NETBIOS_PROTOCOL" /> per individuare le condivisioni sulla rete.
Quando questa norma è impostata su False, il rilevamento delle condivisioni non utilizza il protocollo <ph name="NETBIOS_PROTOCOL" /> per individuare le condivisioni sulla rete.
Se la norma viene lasciata senza impostazione, per impostazione predefinita la norma sarà disattivata per gli utenti gestiti dall'azienda, mentre sarà attiva per gli utenti non gestiti.</translation>
<translation id="4555850956567117258">Attivazione dell'attestazione da remoto per l'utente</translation>
<translation id="4557134566541205630">URL pagina Nuova scheda provider di ricerca predefinito</translation>
<translation id="4567137030726189378">Consenti l'utilizzo degli Strumenti per sviluppatori</translation>
<translation id="4600786265870346112">Attivazione del puntatore grande</translation>
<translation id="4604931264910482931">Configura lista nera di messaggi nativi</translation>
<translation id="4613508646038788144">Se la norma viene impostata su false, i programmi software di terze parti potranno inserire codice eseguibile nei processi di Chrome. Se la norma non viene impostata o viene impostata su true, i programmi software di terze parti non potranno inserire codice eseguibile nei processi di Chrome.</translation>
<translation id="4617338332148204752">Salta il controllo dei metatag in <ph name="PRODUCT_FRAME_NAME" /></translation>
<translation id="4625915093043961294">Configura la whitelist per l'installazione delle estensioni</translation>
<translation id="4632343302005518762">Consenti a <ph name="PRODUCT_FRAME_NAME" /> di gestire i tipi di contenuti elencati</translation>
<translation id="4632566332417930481">Non consentire l'utilizzo degli Strumenti per sviluppatori per le estensioni installate in base a norme aziendali; consenti l'utilizzo degli Strumenti per sviluppatori in altri contesti</translation>
<translation id="4633786464238689684">Consente di modificare il comportamento predefinito dei tasti della fila superiore in tasti funzione.
Se questa norma è impostata su "true", i tasti della fila superiore della tastiera riprodurranno i comandi dei tasti funzione per impostazione predefinita. Per ripristinare il comportamento dei tasti multimediali, è necessario premere il tasto per la ricerca.
Se questa norma è impostata su "false" o non viene impostata, la tastiera riprodurrà i comandi dei tasti multimediali per impostazione predefinita e i comandi dei tasti funzione quando viene premuto il tasto per la ricerca.</translation>
<translation id="4639407427807680016">Nomi degli host di messaggi nativi da escludere dalla lista nera.</translation>
<translation id="4650759511838826572">Disabilita schemi di protocollo dell'URL</translation>
<translation id="465099050592230505">URL del web store dell'azienda (obsoleta)</translation>
<translation id="4665897631924472251">Impostazioni di gestione delle estensioni</translation>
<translation id="4668325077104657568">Impostazione immagini predefinite</translation>
<translation id="4670865688564083639">Minimo:</translation>
<translation id="4671708336564240458">Ti consente di determinare se evitare l'apertura di nuove finestre o schede da parte di siti con esperienze intrusive.
Se questa norma è impostata su True, verrà evitata l'apertura di nuove finestre o schede da parte di siti con esperienze intrusive.
Tuttavia, questo comportamento non viene attivato se la norma SafeBrowsingEnabled è impostata su False.
Se questa norma è impostata su False, verrà consentita l'apertura di nuove finestre o schede da parte di siti con esperienze intrusive.
Se questa norma non viene impostata, verrà usata l'impostazione True.</translation>
<translation id="467236746355332046">Funzionalità supportate:</translation>
<translation id="4674167212832291997">Consente di personalizzare l'elenco di pattern URL per i quali il rendering deve sempre essere eseguito da <ph name="PRODUCT_FRAME_NAME" />.
Se la norma non viene impostata, verrà utilizzato per tutti i siti il renderer predefinito specificato dalla norma "ChromeFrameRendererSettings".
Per avere pattern di esempio, visita il sito https://www.chromium.org/developers/how-tos/chrome-frame-getting-started.</translation>
<translation id="467449052039111439">Apri un elenco di URL</translation>
<translation id="4674871290487541952">Consente algoritmi non protetti nei controlli dell'integrità durante gli aggiornamenti e le installazioni delle estensioni</translation>
<translation id="4680936297850947973">Ritirata in M68. Usa DefaultPopupsSetting.
Per una spiegazione completa, consulta la pagina https://www.chromestatus.com/features/5675755719622656.
Se questa norma viene attivata, ai siti sarà concesso di navigare e aprire nuove finestre/schede contemporaneamente.
Se questa norma viene disattivata o non viene impostata, ai siti non sarà concesso di navigare e aprire nuove finestre/schede contemporaneamente.</translation>
<translation id="4680961954980851756">Abilita Compilazione automatica</translation>
<translation id="4703402283970867140">Attiva il modello di oscuramento smart per ritardare l'oscuramento dello schermo</translation>
<translation id="4722122254122249791">Attiva isolamento sito per origini specificate</translation>
<translation id="4722399051042571387">Se questa norma viene impostata su false, gli utenti non potranno impostare PIN non sicuri e facili da intuire.
Ecco alcuni esempi di PIN non sicuri: PIN formati da una sola cifra ripetuta (1111), PIN composti da cifre con incrementi di 1 (1234) o decrementi di 1 (4321) e PIN troppo comuni.
Per impostazione predefinita, gli utenti riceveranno un avviso, e non un errore, se il PIN è considerato non sicuro.</translation>
<translation id="4723829699367336876">Abilita attraversamento firewall da client di accesso remoto</translation>
<translation id="4725528134735324213">Attiva Android Backup Service</translation>
<translation id="4725801978265372736">Richiedi la corrispondenza tra il nome dell'utente locale e il proprietario dell'host di accesso remoto</translation>
<translation id="4733471537137819387">Norme relative all'autenticazione HTTP integrata.</translation>
<translation id="4744190513568488164">Server a cui <ph name="PRODUCT_NAME" /> potrebbe delegare le credenziali utente.
Separare più nomi di server con delle virgole. Sono ammessi i caratteri jolly (*).
Se questa norma non è impostata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> non delegherà le credenziali utente, anche se viene rilevato un server sulla Intranet.</translation>
<translation id="4752880493649142945">Certificato client per la connessione a RemoteAccessHostTokenValidationUrl</translation>
<translation id="4757671984625088193">Se questa norma viene impostata su true o non viene impostata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> ti suggerirà pagine correlate alla pagina corrente.
Questi suggerimenti vengono recuperati da remoto dai server di Google.
Se la norma è impostata su false, non verranno recuperati o mostrati suggerimenti.</translation>
<translation id="4788252609789586009">Consente di attivare la funzione Compilazione automatica di <ph name="PRODUCT_NAME" /> e permette agli utenti di eseguire il completamento automatico dei dati della carta di credito nei moduli web utilizzando informazioni memorizzate in precedenza.
Se questa impostazione è disattivata, la funzione Compilazione automatica non suggerirà o non inserirà mai i dati della carta di credito e non salverà i dati di altre carte di credito che l'utente potrebbe inviare durante la navigazione sul Web.
Se questa impostazione è attivata o non è impostata su alcun valore, l'utente potrà gestire la funzione Compilazione automatica per le carte di credito nell'interfaccia utente.</translation>
<translation id="4791031774429044540">Consente di attivare la funzione di accessibilità del puntatore grande.
Se la norma viene impostata su true, il puntatore grande sarà sempre attivo.
Se la norma viene impostata su false, il puntatore grande sarà sempre disattivato.
Se la norma viene impostata, gli utenti non potranno modificarla o ignorarla.
Se la norma non viene impostata, il puntatore grande sarà inizialmente disattivato ma gli utenti potranno attivarlo in qualsiasi momento.</translation>
<translation id="4802905909524200151">Configura il comportamento di aggiornamento del firmware <ph name="TPM_FIRMWARE_UPDATE_TPM" /></translation>
<translation id="4807950475297505572">Gli utenti utilizzati meno di recente vengono rimossi fino alla disponibilità di spazio libero sufficiente</translation>
<translation id="4815725774537609998">Questa norma è obsoleta, utilizza ProxyMode al suo posto.
Consente di specificare il server proxy utilizzato da <ph name="PRODUCT_NAME" /> e impedisce agli utenti di modificare le impostazioni proxy.
Se l'utente sceglie di non utilizzare mai un server proxy e di connettersi sempre direttamente, tutte le altre opzioni vengono ignorate.
Se l'utente sceglie di utilizzare le impostazioni proxy di sistema o di rilevare automaticamente il server proxy, tutte le altre opzioni vengono ignorate.
Se l'utente sceglie le impostazioni proxy manuali, può specificare ulteriori opzioni in "Indirizzo o URL del server proxy", "URL di un file proxy .pac" ed "Elenco separato da virgole delle regole di bypass proxy". Per le app ARC è disponibile solo il server proxy HTTP con la priorità più elevata.
Per esempi dettagliati visita il seguente indirizzo:
<ph name="PROXY_HELP_URL" />.
Se questa impostazione viene attivata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> ignora tutte le opzioni relative al proxy specificate dalla riga di comando.
Se queste norme non vengono impostate, gli utenti possono scegliere autonomamente le impostazioni del proxy.</translation>
<translation id="4816674326202173458">Consenti all'utente aziendale di essere l'utente principale e secondario (comportamento predefinito per gli utenti non gestiti)</translation>
<translation id="4826326557828204741">Azione da compiere quando il ritardo di inattività viene raggiunto durante l'utilizzo della batteria</translation>
<translation id="4834526953114077364">Gli utenti utilizzati meno di recente che non hanno eseguito l'accesso negli ultimi tre mesi vengono rimossi fino alla disponibilità di spazio libero sufficiente</translation>
<translation id="4858735034935305895">Consenti modalità a schermo intero</translation>
<translation id="4861767323695239729">Configura i metodi di immissione consentiti in una sessione utente</translation>
<translation id="487460824085252184">Esegui automaticamente la migrazione senza chiedere il consenso dell'utente</translation>
<translation id="4874982543810021567">Blocca WebUSB su questi siti</translation>
<translation id="4876805738539874299">Versione SSL massima abilitata</translation>
<translation id="4897928009230106190">Consente di specificare i parametri utilizzati durante la ricerca di suggerimenti con POST. Si tratta di coppie di nome/valore separate da virgole. Se un valore è il parametro di un modello, come {searchTerms} nell'esempio precedente, verrà sostituito con i dati dei termini di ricerca reali.
Questa norma è facoltativa. Se non viene impostata, la richiesta di ricerca di suggerimenti verrà inviata utilizzando il metodo GET.
Questa norma viene rispettata soltanto se la norma "DefaultSearchProviderEnabled" è attiva.</translation>
<translation id="489803897780524242">Parametro di controllo sostituzione termini di ricerca per fornitore ricerca predefinito</translation>
<translation id="4899708173828500852">Consenti Navigazione sicura</translation>
<translation id="4899802251198446659">Ti consente di stabilire se permettere o meno la riproduzione automatica dei video (senza il consenso dell'utente) con contenuti audio in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se il criterio viene impostato su True, in <ph name="PRODUCT_NAME" /> è consentita la riproduzione automatica dei contenuti multimediali.
Se il criterio viene impostato su False, in <ph name="PRODUCT_NAME" /> non è consentita la riproduzione automatica dei contenuti multimediali. È possibile usare il criterio AutoplayWhitelist in sostituzione di questo criterio per alcuni pattern URL.
Per impostazione predefinita, la riproduzione automatica di contenuti multimediali in <ph name="PRODUCT_NAME" /> non è consentita. È possibile usare il criterio AutoplayWhitelist in sostituzione di questo criterio per alcuni pattern URL.
Tieni presente che se questo criterio viene cambiato mentre <ph name="PRODUCT_NAME" /> è in esecuzione, il criterio viene applicato soltanto alle nuove schede aperte. Di conseguenza alcune schede potrebbero mantenere il comportamento precedente.
</translation>
<translation id="4906194810004762807">Frequenza di aggiornamento per norma dispositivo</translation>
<translation id="4917385247580444890">Forte</translation>
<translation id="4923806312383904642">Consenti a WebDriver di eseguire l'override delle norme non compatibili</translation>
<translation id="494613465159630803">Cast Receiver</translation>
<translation id="4962262530309732070">Se questo criterio è impostato su true o non viene configurato, su <ph name="PRODUCT_NAME" /> sarà possibile aggiungere persone con la funzione Aggiungi persona di Gestione utenti.
Se questo criterio è impostato su false, in <ph name="PRODUCT_NAME" /> non sarà possibile creare nuovi profili da Gestione utenti.</translation>
<translation id="4970855112942626932">Disattiva accesso al browser</translation>
<translation id="4978405676361550165">Se viene impostata la norma "OffHours", le norme relative ai dispositivi specificate vengono ignorate (vengono usate le impostazioni predefinite delle norme) durante gli intervalli di tempo definiti. Le norme relative ai dispositivi vengono riapplicate da Chrome ogni volta che inizia o finisce il periodo definito in "OffHours". L'utente verrà informato e obbligato a uscire dall'account quando vengono cambiate le impostazioni relative alla fine del periodo "OffHours" e alle norme relative ai dispositivi (ad esempio se l'utente ha eseguito l'accesso con un account non consentito).</translation>
<translation id="4980635395568992380">Tipo di dati:</translation>
<translation id="4983201894483989687">Consenti esecuzione dei plug-in obsoleti</translation>
<translation id="4988291787868618635">Azione da compiere a raggiungimento ritardo inattività</translation>
<translation id="4995548127349206948">Se l'autenticazione NTLMv2 è attiva.</translation>
<translation id="5047604665028708335">Consenti l'accesso ai siti non presenti nei pacchetti di contenuti</translation>
<translation id="5052081091120171147">Se è attiva, questa norma impone l'importazione della cronologia di navigazione dal browser predefinito corrente. Se la norma è attiva incide anche sulla finestra di dialogo di importazione. Se non è attiva, la cronologia di navigazione non viene importata. Se non viene impostata, all'utente potrebbe essere chiesto se desidera effettuare l'importazione, oppure l'importazione potrebbe avvenire automaticamente.</translation>
<translation id="5056708224511062314">Ingrandimento dello schermo disattivato</translation>
<translation id="5058573563327660283">Seleziona la strategia da utilizzare per liberare spazio su disco durante la pulizia automatica (obsoleta)</translation>
<translation id="5067143124345820993">Whitelist di utenti con accesso</translation>
<translation id="5068140065960598044">La norma cloud di <ph name="PRODUCT_NAME" /> prevale sulla norma della macchina.</translation>
<translation id="5076274878326940940">Attiva l'utilizzo di un provider di ricerca predefinito.
Se attivi questa impostazione, verrà eseguita una ricerca predefinita ogni volta che l'utente digita nella omnibox un testo che non è un URL.
Puoi specificare il provider di ricerca predefinito da utilizzare impostando tutti le altre norme relative alla ricerca predefinita. Se le norme non sono specificate, l'utente potrà scegliere il provider predefinito.
Se disattivi questa impostazione, quando l'utente inserisce un testo che non è un URL nella omnibox non verrà eseguita nessuna ricerca.
Se attivi o disattivi questa impostazione, gli utenti non potranno modificare né sostituire questa impostazione in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se questa norma non viene impostata, viene attivato il provider di ricerca predefinito e l'utente potrà impostare l'elenco di provider di ricerca.
Questa norma è disponibile esclusivamente per le istanze di Windows che fanno parte di un dominio <ph name="MS_AD_NAME" /> così come per le istanze di Windows 10 Pro o Enterprise registrate per la gestione dei dispositivi.</translation>
<translation id="5085647276663819155">Disattiva anteprima di stampa</translation>
<translation id="5090209345759901501">Applica l'impostazione dei contenuti Flash a tutti i contenuti</translation>
<translation id="5093540029655764852">Consente di specificare la frequenza (in giorni) alla quale un client modifica la password dell'account del computer. La password è generata in modo casuale dal client e non è visibile all'utente.
Come per le password dell'utente, anche le password del computer andrebbero modificate regolarmente. Se disattivi questa norma o imposti un numero di giorni elevato, la sicurezza ne risentirà negativamente poiché in questo modo concederai più tempo ai potenziali utenti malintenzionati per trovare la password dell'account del computer e utilizzarla.
Se la norma non viene impostata, la password dell'account del computer viene modificata ogni 30 giorni.
Se la norma è impostata su 0, la modifica della password dell'account del computer è disattivata.
Tieni presente che le password potrebbero durare più a lungo rispetto ai giorni specificati se il client è offline per un periodo più lungo di tempo.</translation>
<translation id="5105313908130842249">Ritardo blocco schermo in caso di utilizzo della batteria</translation>
<translation id="5108031557082757679">Stampanti aziendali associate ai dispositivi disattivate</translation>
<translation id="5113732180192599620">Questa norma consente di stabilire l'elenco di siti web che non causeranno mai un cambio di browser.
Tieni presente che puoi aggiungere elementi all'elenco anche tramite le norme <ph name="USE_IE_SITELIST_POLICY_NAME" /> e <ph name="EXTERNAL_SITELIST_URL_POLICY_NAME" />.
Se questa norma non viene impostata, nessun sito web viene aggiunto all'elenco.
Se viene impostata, ogni elemento è considerato come una regola, in modo simile alla norma <ph name="URL_LIST_POLICY_NAME" />. Tuttavia, la logica funziona al contrario: le regole con una corrispondenza non aprono un browser alternativo.
A differenza della norma <ph name="URL_LIST_POLICY_NAME" />, le regole vengono applicate in entrambe le direzioni. In altre parole, quando il componente aggiuntivo Internet Explorer è presente e attivato, la norma stabilisce se <ph name="IE_PRODUCT_NAME" /> deve aprire questi URL in <ph name="PRODUCT_NAME" />.</translation>
<translation id="5130288486815037971">Attiva o meno i pacchetti di crittografia RC4 in TLS</translation>
<translation id="5141670636904227950">Impostazione tipo di ingrandimento dello schermo predefinito attivato nella schermata di accesso</translation>
<translation id="5142301680741828703">Visualizza sempre i seguenti schemi di URL in <ph name="PRODUCT_FRAME_NAME" /></translation>
<translation id="5148753489738115745">Consente di specificare dei parametri aggiuntivi da utilizzare quando <ph name="PRODUCT_FRAME_NAME" /> avvia <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se questa norma non viene impostata viene utilizzata la riga di comando predefinita.</translation>
<translation id="5159469559091666409">Consente di stabilire la frequenza di invio, in millisecondi, dei pacchetti di rete di monitoraggio.
Se la norma non viene impostata, l'intervallo predefinito è pari a tre minuti. L'intervallo minimo è pari a 30 secondi, il massimo a 24 ore. I valori che non rientrano in questo intervallo verranno fatti rientrare.</translation>
<translation id="5163002264923337812">Attiva il flusso di accesso basato sul Web precedente</translation>
<translation id="5182055907976889880">Configura Google Drive in <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />.</translation>
<translation id="5183383917553127163">Consente di specificare le estensioni da non includere nella blacklist. Un valore di * riportato nella blacklist indica che tutte le estensioni sono state inserite nella blacklist e che gli utenti possono installare solo quelle elencate nella whitelist. Per impostazione predefinita, tutte le estensioni si trovano nella whitelist, ma se in base alla norma applicata tutte le estensioni sono state inserite nella blacklist, la whitelist può essere utilizzata per annullare tale norma.</translation>
<translation id="519247340330463721">Configura le norme relative alla Navigazione sicura.</translation>
<translation id="5192837635164433517">Consente di attivare l'utilizzo di pagine di errore alternative integrate in <ph name="PRODUCT_NAME" /> (come "pagina non trovata") e di impedire agli utenti di modificare questa impostazione. Se attivi questa impostazione, vengono utilizzate le pagine di errore alternative. Se la disattivi, le pagine di errore alternative non vengono mai utilizzate. Se l'impostazione viene attivata o disattivata, gli utenti non potranno modificarla o sostituirla in <ph name="PRODUCT_NAME" />. Se questa norma non viene impostata, l'impostazione verrà attivata ma gli utenti potranno modificarla.</translation>
<translation id="5196805177499964601">Blocca la modalità sviluppatore.
Se questa norma viene impostata su True, <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> impedirà l'avvio del dispositivo in modalità sviluppatore. Il sistema non verrà avviato e verrà visualizzata una schermata di errore quando viene attivata la modalità sviluppatore.
Se questa norma non è impostata o è impostata su False, la modalità sviluppatore continuerà a essere disponibile per il dispositivo.</translation>
<translation id="520403427390290017">La funzionalità cicli di vita delle schede recupera la CPU e la memoria associata alle schede in esecuzione che non sono state utilizzate per un lungo periodo di tempo, inizialmente limitandole, quindi bloccandole e infine eliminandole.
Se la norma viene impostata su false, i cicli di vita delle schede verranno disattivati e tutte le schede verranno eseguite normalmente.
Se la norma è impostata su true o non viene impostata in alcun modo, i cicli di vita delle schede verranno attivati.</translation>
<translation id="5207823059027350538">Consente di configurare l'URL predefinito della pagina Nuova scheda e impedisce agli utenti di modificarlo.
La pagina Nuova scheda è la pagina che si apre quando vengono create nuove schede, inclusa quella aperta in una nuova finestra.
Questa norma non stabilisce quali pagine si aprano all'avvio. Tali pagine dipendono infatti dalle norme <ph name="RESTORE_ON_STARTUP_POLICY_NAME" />. Questa norma influisce tuttavia sulla home page se impostata per l'apertura della pagina Nuova scheda, oltre che come pagina iniziale.
Se la norma non è impostata o risulta vuota, viene utilizzata la pagina predefinita Nuova scheda.
Questa norma è disponibile esclusivamente per le istanze di Windows che fanno parte di un dominio <ph name="MS_AD_NAME" /> così come per le istanze di Windows 10 Pro o Enterprise registrate per la gestione dei dispositivi.</translation>
<translation id="5208240613060747912">Consente di impostare un elenco di pattern URL che specificano i siti non autorizzati a visualizzare notifiche. Se questa norma non viene impostata, per tutti i siti verrà utilizzato il valore predefinito globale della norma "DefaultNotificationsSetting", se è impostata, oppure verrà utilizzata la configurazione personale dell'utente.</translation>
<translation id="5213038356678567351">Siti web che non devono mai attivare il cambio di browser.</translation>
<translation id="5219844027738217407">Nell'ambito delle app Android, la norma influisce solo sul microfono. Se la norma viene impostata su true, il microfono viene disattivato per tutte le app Android, senza alcuna eccezione.</translation>
<translation id="5228316810085661003">Il ritardo prima dell'accesso automatico all'account locale del dispositivo.
Se non è impostata, la norma |DeviceLocalAccountAutoLoginId| non ha effetto. In caso contrario:
Se è impostata, questa norma determina quanto tempo deve trascorrere senza attività dell'utente prima che venga eseguito l'accesso automatico all'account locale del dispositivo specificato dalla norma |DeviceLocalAccountAutoLoginId|.
Se questa norma non è impostata, verrà utilizzato un timeout di 0 millisecondi.
Questa norma è specificata in millisecondi.</translation>
<translation id="523505283826916779">Impostazioni di accessibilità</translation>
<translation id="5247006254130721952">Blocca download pericolosi</translation>
<translation id="5248863213023520115">Permette di impostare i tipi di crittografia consentiti quando vengono richiesti ticket Kerberos a un server <ph name="MS_AD_NAME" />.
Se la norma viene impostata su "Tutto", sono consentiti sia i tipi di crittografia AES "aes256-cts-hmac-sha1-96" e "aes128-cts-hmac-sha1-96" sia il tipo di crittografia RC4 "rc4-hmac". Se il server supporta entrambi i tipi, viene usata preferibilmente la crittografia AES. Tieni presente che la crittografia RC4 è considerata debole e, se possibile, il server dovrebbe essere riconfigurato per supportare la crittografia AES.
Se la norma viene impostata su "Avanzata" o se non viene impostata, sono consentiti soltanto i tipi di crittografia AES.
Se la norma viene impostata su "Precedente", è consentito soltanto il tipo di crittografia RC4. Questa opzione non è sicura e dovrebbe essere necessaria soltanto in casi molto specifici.
Visita anche la pagina https://wiki.samba.org/index.php/Samba_4.6_Features_added/changed#Kerberos_client_encryption_types.</translation>
<translation id="5255162913209987122">Può essere consigliata</translation>
<translation id="527237119693897329">Consente di specificare gli host di messaggi nativi che non devono essere caricati.
Il valore della lista nera "*" indica che tutti gli host di messaggi nativi non sono autorizzati, a meno che vengano elencati espressamente nella whitelist.
Se la norma non viene impostata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> caricherà tutti gli host di messaggi nativi installati.</translation>
<translation id="5272684451155669299">Se questa opzione viene impostata su true, l'utente può usare l'hardware su dispositivi Chrome per attestare da remoto la propria identità all'autorità di certificazione della privacy utilizzando la funzione <ph name="CHALLENGE_USER_KEY_FUNCTION" /> dell'<ph name="ENTERPRISE_PLATFORM_KEYS_API" />.
Se viene impostata su false o non viene impostata, le chiamate all'API non vanno a buon fine e viene generato un codice di errore.</translation>
<translation id="5277806246014825877">Questa norma consente all'utente di eseguire Crostini.
Se la norma viene impostata su False, Crostini non è abilitato per l'utente.
Se la norma viene impostata su True o non viene impostata, Crostini è abilitato per l'utente, a patto che anche le altre impostazioni lo permettano.
Le tre norme, VirtualMachinesAllowed, CrostiniAllowed e DeviceUnaffiliatedCrostiniAllowed devono essere impostate su True affinché Crostini possa essere eseguito.
Quando l'impostazione di questa norma viene modificata in False, la norma viene applicata all'avvio di nuovi contenitori Crostini, ma non determina l'arresto dei contenitori già in esecuzione.</translation>
<translation id="5283457834853986457">Disattiva la ricerca dei plug-in (ritirata)</translation>
<translation id="5288772341821359899">Se la norma viene impostata, l'intervallo di porte UDP utilizzato da WebRTC viene limitato all'intervallo di porte specificato (endpoint inclusi).
Se la norma non viene impostata oppure è impostata sulla stringa vuota o su un intervallo di porte non valido, WebRTC è autorizzato a utilizzare qualsiasi porta UDP locale disponibile.</translation>
<translation id="5290940294294002042">Specifica un elenco di plug-in che l'utente può attivare o disattivare</translation>
<translation id="5304269353650269372">Consente di specificare il periodo di tempo senza immissioni da parte dell'utente dopo il quale viene mostrata una finestra di dialogo di avviso quando il computer è alimentato a batteria.
Quando è impostata, questa norma specifica per quanto tempo l'utente deve rimanere inattivo prima che <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> mostri una finestra di dialogo di avviso in cui comunica all'utente che sta per essere intrapresa l'azione richiesta in caso di inattività.
Quando questa norma non è impostata, non viene visualizzata alcuna finestra di dialogo di avviso.
Il valore della norma deve essere specificato in millisecondi. I valori sono fissati in modo da essere minori o uguali al ritardo di inattività.</translation>
<translation id="5307432759655324440">Disponibilità della modalità di navigazione in incognito</translation>
<translation id="5318185076587284965">Attiva l'utilizzo dei server relay per l'host di accesso remoto</translation>
<translation id="5323128137188992869">Consente di trasmettere contenuti al dispositivo usando <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se questa norma viene impostata su False, gli utenti non potranno trasmettere contenuti al proprio dispositivo. Se questa norma viene impostata su True, gli utenti potranno trasmettere contenuti. Se questa norma non viene impostata, gli utenti non potranno trasmettere contenuti a dispositivi Chrome OS registrati, ma potranno trasmetterli a dispositivi non registrati.</translation>
<translation id="5329007337159326804">Attenzione: la norma Versione TLS massima verrà interamente rimossa da <ph name="PRODUCT_NAME" /> con la versione 75 (orientativamente giugno 2019).
Se questa norma non viene configurata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> utilizza la versione massima predefinita.
. In caso contrario, potrebbe essere impostato uno dei seguenti valori: "tls1.2" o "tls1.3". Se questa norma viene impostata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> non utilizzerà versioni SSL/TLS successive a quella specificata. I valori non riconosciuti verranno ignorati.</translation>
<translation id="5330684698007383292">Consenti a <ph name="PRODUCT_FRAME_NAME" /> di gestire i seguenti tipi di contenuti</translation>
<translation id="5365476955714838841">Parametri della riga di comando per il browser alternativo.</translation>
<translation id="5365946944967967336">Mostra il pulsante Pagina iniziale nella barra degli strumenti</translation>
<translation id="5366745336748853475">Ti consente di specificare un elenco di pattern URL relativi ai siti che richiedono certificati per cui viene selezionato automaticamente un certificato client nella schermata di accesso all'interno del frame che ospita il flusso SAML. Un esempio di utilizzo è la configurazione di un certificato a livello di dispositivo da presentare all'IdP SAML.
Il valore deve essere un array di dizionari JSON in stringa. Ogni dizionario deve avere questa forma: { "pattern": "$URL_PATTERN", "filter" : $FILTER }, dove $URL_PATTERN è un pattern di impostazione dei contenuti. $FILTER restringe i certificati client selezionabili automaticamente dal browser. Indipendentemente dal filtro, saranno selezionati solo certificati che soddisfano la richiesta di certificato del server. Se $FILTER è nel formato { "ISSUER": { "CN": "$ISSUER_CN" } }, vengono inoltre selezionati solo i certificati client emessi da certificati con valore CommonName pari a $ISSUER_CN. Se $FILTER è il dizionario vuoto {}, la selezione dei certificati client non viene limitata ulteriormente.
Se questa norma non viene impostata, la selezione automatica non avviene per nessun sito.</translation>
<translation id="5366977351895725771">Se questa norma è impostata su false, la creazione di utenti supervisionati da parte di questo utente sarà disabilitata. Gli eventuali utenti supervisionati esistenti saranno comunque disponibili.
Se questa norma è impostata su true o non è configurata, questo utente può creare e gestire utenti supervisionati.</translation>
<translation id="5369937289900051171">Solo stampa a colori</translation>
<translation id="5370279767682621504">Attiva il supporto HTTP/0.9 sulle porte non predefinite</translation>
<translation id="5378985487213287085">Permette di stabilire se consentire o meno la visualizzazione di notifiche desktop nei siti web. La visualizzazione di notifiche desktop può essere consentita o negata per impostazione predefinita oppure l'utente può ricevere una richiesta ogni volta che un sito web desidera visualizzare le notifiche desktop. Se questa norma non viene impostata, verrà utilizzato il valore "AskNotifications", che potrà essere modificato dagli utenti.</translation>
<translation id="538108065117008131">Consenti a <ph name="PRODUCT_FRAME_NAME" /> di gestire i seguenti tipi di contenuto.</translation>
<translation id="5391388690191341203">Account locale del dispositivo per l'accesso automatico</translation>
<translation id="5392172595902933844">Le informazioni sullo stato di Android vengono rimandate al server.
Se la norma viene impostata su false o non viene del tutto impostata, le informazioni sullo stato non vengono segnalate.
Se viene impostata su true, le informazioni sullo stato vengono segnalate.
Questa norma viene applicata soltanto se le app Android sono attive.</translation>
<translation id="5395271912574071439">Consente di attivare la separazione degli host di accesso remoto durante una connessione.
Se questa impostazione viene attivata, i dispositivi di input e output fisici degli host verranno disattivati durante una connessione remota.
Se questa impostazione viene disattivata o non viene impostata, sia gli utenti locali che remoti potranno interagire con l'host quando viene condiviso.</translation>
<translation id="5396049152026347991">Consente all'utente di gestire le connessioni VPN.
Se questa norma viene impostata su false, le interfacce di <ph name="PRODUCT_NAME" /> che consentono all'utente di disconnettere o modificare le connessioni VPN vengono tutte disattivate.
Se questa norma viene impostata su true o non viene impostata, l'utente può disconnettere o modificare le connessioni VPN come di consueto.
Se la connessione VPN viene creata tramite un'app VPN, l'interfaccia all'interno dell'app non è interessata da questa norma. L'utente potrebbe quindi essere ancora in grado di utilizzare l'app per modificare la connessione VPN.
Questa norma deve essere utilizzata assieme alla funzionalità "VPN sempre attiva", che permette all'amministratore di decidere se creare una connessione VPN all'avvio.</translation>
<translation id="5405289061476885481">Consente di configurare i layout da tastiera consentiti nella schermata di accesso di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />.
Se per questa norma viene impostato un elenco di identificatori di metodi di immissione, i metodi specificati saranno disponibili nella schermata di accesso. Verrà preselezionato il primo metodo di immissione specificato. Anche se il pod dell'utente è basato sulla schermata di accesso, oltre ai metodi di immissione specificati in questa norma sarà disponibile anche l'ultimo metodo usato dall'utente. Se questa norma non viene impostata, i metodi di immissione per la schermata di accesso saranno recuperati in base alla lingua in cui è visualizzata la schermata di accesso. I valori che non corrispondono a identificatori di metodi di immissione validi verranno ignorati.</translation>
<translation id="5422643441807528365">Codice licenza <ph name="PLUGIN_VM_NAME" /></translation>
<translation id="5423001109873148185">Se è attiva, questa norma impone l'importazione dei motori di ricerca dal browser predefinito corrente. Se la norma è attiva incide anche sulla finestra di dialogo di importazione. Se non è attiva, il motore di ricerca predefinito non viene importato. Se non viene impostata, all'utente potrebbe essere chiesto se desidera effettuare l'importazione, oppure l'importazione potrebbe avvenire automaticamente.</translation>
<translation id="5423197884968724595">Nome della limitazione di Android WebView:</translation>
<translation id="5424147596523390018">Consenti tutte le modalità a colori</translation>
<translation id="5442026853063570579">Questa norma consente di controllare anche l'accesso alle Opzioni sviluppatore di Android. Se la norma viene impostata su "DeveloperToolsDisallowed" (valore 2), gli utenti non potranno accedere alle Opzioni sviluppatore. Se la norma viene impostata su un altro valore o non viene impostata, gli utenti potranno accedere alle Opzioni sviluppatore toccando sette volte il numero di build nell'app Impostazioni di Android.</translation>
<translation id="5447306928176905178">Attiva le informazioni relative ai rapporti sulla memoria (dimensioni heap JS) per la pagina (obsoleto)</translation>
<translation id="5457065417344056871">Attiva modalità ospite nel browser</translation>
<translation id="5457924070961220141">Consente di configurare il renderer HTML predefinito se <ph name="PRODUCT_FRAME_NAME" /> è installato. Se questa norma non viene impostata, per impostazione predefinita il rendering viene eseguito dal browser host; tuttavia, in alternativa, puoi sostituire tale impostazione e consentire che l'esecuzione del rendering delle pagine HTML venga eseguita, per impostazione predefinita, da <ph name="PRODUCT_FRAME_NAME" />.</translation>
<translation id="5464816904705580310">Configurazione delle impostazioni per gli utenti gestiti.</translation>
<translation id="546726650689747237">Ritardo oscuramento schermo in caso di utilizzo di CA</translation>
<translation id="5469143988693423708">L'utente è abilitato a eseguire Crostini</translation>
<translation id="5469825884154817306">Blocca immagini su questi siti</translation>
<translation id="5472668698895343595">Questa norma consente di stabilire l'elenco di siti web da aprire in un browser alternativo.
Tieni presente che puoi aggiungere elementi all'elenco anche tramite le norme <ph name="USE_IE_SITELIST_POLICY_NAME" /> e <ph name="EXTERNAL_SITELIST_URL_POLICY_NAME" />.
Se questa norma non viene impostata, nessun sito web viene aggiunto all'elenco.
Se viene impostata, ogni elemento è considerato come una regola per aprire qualcosa in un browser alternativo. <ph name="PRODUCT_NAME" /> utilizza queste regole quando deve scegliere se aprire un URL in un browser alternativo.
Quando il componente aggiuntivo Internet Explorer è presente e attivato, Internet Explorer torna a <ph name="PRODUCT_NAME" /> se non c'è corrispondenza tra le regole.
Se le regole si contraddicono a vicenda, <ph name="PRODUCT_NAME" /> usa quella più specifica.</translation>
<translation id="5475361623548884387">Attiva la stampa</translation>
<translation id="547601067149622666">Non consentire gli annunci su siti con annunci invasivi</translation>
<translation id="5499375345075963939">Questa norma è attiva soltanto in modalità retail.
Quando il valore di questa norma è impostato e non è 0, l'utente Demo correntemente connesso verrà disconnesso automaticamente dopo che sarà trascorso il tempo di inattività della durata specificata.
Il valore della norma deve essere specificato in millisecondi.</translation>
<translation id="5511702823008968136">Attiva barra dei Preferiti</translation>
<translation id="5512418063782665071">URL pagina iniziale</translation>
<translation id="551639594034811656">Questa norma definisce un elenco di percentuali che definiranno la frazione dei dispositivi di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> nell'UO da aggiornare ogni giorno a partire dal giorno in cui l'aggiornamento viene rilevato la prima volta. L'ora del rilevamento è successiva all'ora in cui l'aggiornamento viene pubblicato, perché potrebbe passare del tempo tra la pubblicazione dell'aggiornamento e il momento in cui il dispositivo controlla la disponibilità di aggiornamenti.
Ogni coppia (giorno, percentuale) contiene la percentuale dei gruppi da aggiornare entro il numero di giorni stabilito a partire dal giorno in cui l'aggiornamento viene rilevato. Ad esempio, se abbiamo le coppie [(4, 40), (10, 70), (15, 100)], allora il 40% dei gruppi deve essere aggiornato entro 4 giorni dal rilevamento dell'aggiornamento; il 70% deve essere aggiornato dopo 10 giorni e così via.
Se viene definito un valore per questa norma, gli aggiornamenti ignoreranno la norma <ph name="DEVICE_UPDATE_SCATTER_FACTOR_POLICY_NAME" /> e seguiranno invece questa norma.
Se quest'elenco è vuoto, non verrà eseguita alcuna gestione temporanea e gli aggiornamenti verranno applicati in base alle altre norme del dispositivo.
Questa norma non viene applicata agli switch del canale.</translation>
<translation id="5526701598901867718">Tutto (non sicuro)</translation>
<translation id="5529037166721644841">Consente di specificare in millisecondi il periodo di tempo per cui vengono richieste informazioni sulle norme relative al dispositivo al servizio di gestione del dispositivo.
Se questa norma viene impostata, il valore predefinito di tre ore viene ignorato. L'intervallo dei valori validi per questa norma è compreso tra 1800000 (30 minuti) e 86400000 (un giorno). I valori non compresi in questo intervallo verranno bloccati al relativo limite.
Se questa norma non viene impostata, <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> utilizzerà il valore predefinito di tre ore.
Se la piattaforma supporta le notifiche relative alle norme, il ritardo dell'aggiornamento verrà impostato su 24 ore (vengono ignorati tutti i valori predefiniti e il valore di questa norma) perché è previsto che le notifiche relative alle norme forzino l'aggiornamento automatico quando cambiano le norme, rendendo superflui aggiornamenti più frequenti.</translation>
<translation id="5530347722229944744">Blocca download potenzialmente pericolosi</translation>
<translation id="5535973522252703021">Whitelist server di delega Kerberos</translation>
<translation id="555077880566103058">Consenti l'esecuzione automatica del plug-in <ph name="FLASH_PLUGIN_NAME" /> in tutti i siti</translation>
<translation id="5559079916187891399">Questa norma non influisce sulle app Android.</translation>
<translation id="5560039246134246593">Aggiungi un parametro al recupero del numero di inizializzazione delle varianti in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se specificata, questa norma aggiunge un parametro di query chiamato "restrict" all'URL utilizzato per recuperare il numero di inizializzazione delle varianti. Il valore del parametro sarà il valore specificato in questa norma.
Se non è specificata, questa norma non modifica l'URL del numero di inizializzazione delle varianti.</translation>
<translation id="5561811616825571914">Seleziona automaticamente i certificati client per questi siti nella schermata di accesso</translation>
<translation id="556941986578702361">Controlla la visualizzazione automatica dello shelf in <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />.
Se il criterio è impostato su "AlwaysAutoHideShelf", lo scaffale non sarà mai visualizzato.
Se il criterio è impostato su "NeverAutoHideShelf", lo scaffale sarà sempre visualizzato.
Se imposti questo criterio, gli utenti non potranno modificarlo o ignorarlo.
Se il criterio non viene impostato, gli utenti possono scegliere la visualizzazione dello shelf.</translation>
<translation id="557360560705413259">Quando questa impostazione è attiva, <ph name="PRODUCT_NAME" /> usa il nome comune di un certificato server per associare un nome host se il certificato è privo di un'estensione subjectAlternativeName, purché venga convalidato correttamente e collegato a un certificato CA installato in una posizione locale.
Tieni presente che è sconsigliato farlo, perché potrebbe essere consentita l'elusione dell'estensione nameConstraints, che limita i nomi host per cui può essere autorizzato un determinato certificato.
Se questa norma non viene impostata, o viene impostata su false, i certificati server privi di estensione subjectAlternativeName e contenenti un nome DNS o un indirizzo IP non verranno considerati attendibili.</translation>
<translation id="5581292529942108810">Consente di configurare le norme relative all'estensione Chrome Reporting Extension.
Questa norma viene applicata soltanto se viene attivata l'estensione <ph name="CHROME_REPORTING_EXTENSION_NAME" /> e il computer viene registrato con la norma <ph name="MACHINE_LEVEL_USER_CLOUD_POLICY_ENROLLMENT_TOKEN_POLICY_NAME" />.</translation>
<translation id="5584132346604748282">Controlla i servizi di geolocalizzazione di Google per Android</translation>
<translation id="5586942249556966598">Non fare niente</translation>
<translation id="5592242031005200087">
Se la norma è attivata, ciascuna delle origini denominate all'interno di un elenco separato da virgole verrà eseguita nel proprio processo. Ciò isolerà anche le origini indicate dai sottodomini, ad esempio specificando https://example.com/ si isolerà anche https://foo.example.com/, perché fa parte del sito https://example.com/.
Se la norma è disattivata, non avverrà alcun isolamento esplicito dei siti e le prove sul campo di IsolateOriginsAndroid e SitePerProcessAndroid saranno disattivate. Gli utenti potranno ancora attivare IsolateOrigins manualmente, tramite flag da riga di comando.
Se la norma non è configurata, l'utente potrà modificare questa impostazione.
NOTA: su Android, l'isolamento dei siti è sperimentale. L'assistenza verrà migliorata, ma attualmente potrebbe causare problemi di prestazioni.
NOTA: questa norma viene applicata solo a Chrome su dispositivi Android con più di 1 GB di RAM. Per applicare la norma su piattaforme non Android, utilizza IsolateOrigins.
</translation>
<translation id="5630352020869108293">Ripristina l'ultima sessione</translation>
<translation id="5645779841392247734">Consenti i cookie in questi siti</translation>
<translation id="5689430183304951538">Dimensioni predefinite delle pagine di stampa</translation>
<translation id="5693469654327063861">Consenti migrazione dei dati</translation>
<translation id="5694594914843889579">Quando questa norma è impostata su true, la memoria esterna non sarà disponibile nei file che è possibile sfogliare.
Questa norma riguarda tutti i tipi di supporti di memorizzazione. Ad esempio: unità flash USB, dischi rigidi esterni, schede di memoria SD e di altro tipo, memorie ottiche e così via. La memoria interna non è interessata, quindi i file salvati nella cartella Download rimangono accessibili. Anche Google Drive non è interessato da questa norma.
Se questa impostazione è disattivata o non è configurata, gli utenti possono utilizzare tutti i tipi supportati di memorie esterne sul proprio dispositivo.</translation>
<translation id="5697306356229823047">Segnala utenti dispositivo</translation>
<translation id="5699487516670033016">Consente di specificare la durata in ore della cache. La cache viene utilizzata per velocizzare l'accesso. Contiene dati generali (nome del gruppo di lavoro e così via) riguardo alle aree di autenticazione delle affiliate, come le aree di autenticazione ritenute attendibili dall'area di autenticazione della macchina. Nessun dato specifico dell'utente o delle aree di autenticazione delle affiliate viene memorizzato nella cache. Se il dispositivo viene riavviato, la cache viene svuotata.
Se la norma non viene impostata, i dati di autenticazione della cache possono essere riutilizzati per un periodo massimo di 73 ore.
Se la norma viene impostata su 0, la memorizzazione nella cache dei dati di autenticazione viene disattivata. Ciò può rallentare significativamente l'accesso degli utenti affiliati, poiché i dati specifici dell'area di autenticazione devono essere recuperati a ogni accesso.
Tieni presente che i dati relativi all'area di autenticazione vengono memorizzati nella cache anche per gli utenti temporanei. Per impedire che i dati di autenticazione degli utenti temporanei vengano tracciati è necessario disattivare la cache.</translation>
<translation id="570062449808736508">Se per questa norma viene impostata una stringa, WebView legge le limitazioni relative agli URL del fornitore di contenuti con il nome dell'autorità indicato.</translation>
<translation id="5701714006401683963">Se questa norma viene impostata su false, la sessione ospite gestita avrà il comportamento descritto all'indirizzo https://support.google.com/chrome/a/answer/3017014 ("Sessione pubblica" standard).
Se questa norma viene impostata su true o non viene impostata, la sessione ospite gestita avrà il comportamento "Sessione gestita", a cui non vengono applicate molte delle limitazioni valide invece per le normali "Sessioni pubbliche".
Se questa norma viene impostata, l'utente non potrà modificarla o eseguirne l'override.</translation>
<translation id="572155275267014074">Impostazioni di Android</translation>
<translation id="5722934961007828462">Se questa impostazione viene attivata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> eseguirà sempre il controllo delle revoche per i certificati server che vengono convalidati e vengono firmati tramite certificati CA installati localmente.
Se <ph name="PRODUCT_NAME" /> non riesce ad acquisire informazioni sullo stato delle revoche, tali certificati vengono considerati revocati ("hard-fail").
Se questa norma non viene impostata o se viene impostata su false, <ph name="PRODUCT_NAME" /> utilizzerà le impostazioni di controllo delle revoche online esistenti.</translation>
<translation id="5728154254076636808">Consente la creazione di copie di roaming per i dati dei profili <ph name="PRODUCT_NAME" /></translation>
<translation id="5732972008943405952">Importa i dati della Compilazione automatica dei moduli dal browser predefinito alla prima esecuzione</translation>
<translation id="5765780083710877561">Descrizione:</translation>
<translation id="5770738360657678870">Canale Dev (potrebbe essere instabile)</translation>
<translation id="5774856474228476867">URL di ricerca del provider di ricerca predefinito</translation>
<translation id="5776485039795852974">Chiedi ogni volta che un sito desidera mostrare le notifiche desktop</translation>
<translation id="5781412041848781654">Consente di specificare la libreria GSSAPI da utilizzare per l'autenticazione HTTP. È possibile impostare semplicemente un nome di libreria oppure un percorso completo.
Se non viene fornita alcuna impostazione, <ph name="PRODUCT_NAME" /> dovrà ricorrere a un nome di libreria predefinito.</translation>
<translation id="5781806558783210276">Consente di specificare il periodo di tempo senza input dell'utente trascorso il quale viene compiuta l'azione stabilita per l'inattività quando viene utilizzata la batteria.
Se questa norma viene impostata, consente di specificare il periodo di tempo per cui l'utente deve rimanere inattivo prima che <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> compia l'azione di inattività, che può essere configurata separatamente.
Se questa norma non viene impostata, viene utilizzato un periodo di tempo predefinito.
Il valore della norma deve essere specificato in millisecondi.</translation>
<translation id="5783009211970309878">Stampa intestazioni e piè di pagina</translation>
<translation id="5809728392451418079">Imposta il nome visualizzato per gli account del dispositivo</translation>
<translation id="5814301096961727113">Impostazione stato predefinito della lettura vocale nella schermata di accesso</translation>
<translation id="5815129011704381141">Riavvia automaticamente dopo l'aggiornamento</translation>
<translation id="5815353477778354428">Consente di configurare la directory che <ph name="PRODUCT_FRAME_NAME" /> utilizza per memorizzare i dati dell'utente.
Se la norma viene impostata, <ph name="PRODUCT_FRAME_NAME" /> utilizza la directory fornita.
Visita il sito https://www.chromium.org/administrators/policy-list-3/user-data-directory-variables per consultare un elenco di variabili utilizzabili.
Se la norma non viene impostata, viene utilizzata la directory del profilo predefinita.</translation>
<translation id="5826047473100157858">Consente di specificare se l'utente può aprire o meno le pagine in modalità di navigazione in incognito in <ph name="PRODUCT_NAME" />. Se viene selezionata l'opzione "Attiva" o la norma non viene impostata, le pagine possono essere aperte in modalità di navigazione in incognito. Se viene selezionata l'opzione "Non attiva", le pagine non possono essere aperte in modalità di navigazione in incognito. Se viene selezionata l'opzione "Forzata", le pagine possono essere aperte SOLTANTO in modalità di navigazione in incognito.</translation>
<translation id="582857022372205358">Attiva la stampa fronte/retro su lato corto</translation>
<translation id="583091600226586337">
Se la norma viene attivata, all'utente verrà chiesto dove salvare ogni file prima del download.
Se la norma viene disattivata, i download inizieranno subito e all'utente non verrà chiesto dove salvare i file.
Se la norma non viene configurata, l'utente potrà modificare questa impostazione.
</translation>
<translation id="5832274826894536455">Norme obsolete</translation>
<translation id="5835124959204887277">Consente di specificare URL e domini per i quali non verranno mostrati messaggi quando verranno richiesti certificati di attestazione dei token di sicurezza. Verrà inoltre inviato un segnale al token di sicurezza per indicare che potrebbe essere usata la singola attestazione. Senza questo segnale, gli utenti di Chrome 65 e versioni successive riceveranno un messaggio quando i siti richiederanno l'attestazione dei token di sicurezza.
Gli URL (ad esempio https://example.com/some/path) corrisponderanno soltanto ad appID U2F. I domini (come example.com) corrisponderanno soltanto a ID RP webauthn. Di conseguenza, per includere entrambe le API U2F e webauthn per un determinato sito, devono essere elencati sia il dominio sia l'URL appID.</translation>
<translation id="5836064773277134605">Limita l'intervallo di porte UDP utilizzate dall'host di accesso remoto</translation>
<translation id="5861856285460256766">Configurazione codice di accesso genitori</translation>
<translation id="5862253018042179045">Consente di impostare lo stato predefinito della funzione di accessibilità di lettura vocale nella schermata di accesso.
Se questa norma viene impostata su true, la lettura vocale viene attivata quando viene visualizzata la schermata di accesso.
Se la norma viene impostata su false, la lettura vocale viene disattivata quando viene visualizzata la schermata di accesso.
Se la norma viene impostata, gli utenti possono ignorarla temporaneamente attivando o disattivando la lettura vocale. La scelta dell'utente non è però permanente e viene ripristinato il valore predefinito quando viene visualizzata di nuovo la schermata di accesso o quando l'utente rimane inattivo nella schermata di accesso per un minuto.
Se la norma non viene impostata, la lettura vocale viene disattivata alla prima visualizzazione della schermata di accesso. Gli utenti possono attivare o disattivare la lettura vocale in qualsiasi momento e il relativo stato nella schermata di accesso persiste per tutti gli utenti.</translation>
<translation id="5868414965372171132">Configurazione di rete a livello di utente</translation>
<translation id="5879014913445067283">Consente di controllare la funzione Condivisioni file di rete tramite il protocollo <ph name="NETBIOS_NAME" /></translation>
<translation id="5883015257301027298">Impostazione cookie predefiniti</translation>
<translation id="5887414688706570295">Consente di configurare il prefisso TalkGadget che verrà utilizzato dagli host di accesso remoto e impedisce agli utenti di modificarlo.
Se specificato, questo prefisso viene anteposto al nome TalkGadget di base per creare un nome di dominio completo per TalkGadget. Il nome TalkGadget di base del dominio è "Talkgadget.google.com".
Se questa impostazione è abilitata, gli host utilizzeranno il nome di dominio personalizzato per l'accesso a TalkGadget invece del nome del dominio predefinito.
Se questa impostazione è disabilitata o non è impostata, verrà utilizzato il nome di dominio predefinito di TalkGadget ("chromoting-host.talkgadget.google.com") per tutti gli host.
I client di accesso remoto non sono interessati da questa impostazione e utilizzeranno sempre "chromoting-client.talkgadget.google.com" per accedere a TalkGadget.</translation>
<translation id="5893553533827140852">Se questa impostazione è attivata, le richieste di autenticazione Gnubby verranno trasferite al proxy attraverso una connessione host remota.
Se questa impostazione è disattivata o non configurata, le richieste di autenticazione Gnubby non verranno trasferite al proxy.</translation>
<translation id="5898486742390981550">Quando più utenti eseguono l'accesso, solo l'utente principale può utilizzare le app Android.</translation>
<translation id="5900196529149231477">
Questa norma si applica alla schermata di accesso. Vedi anche la norma <ph name="ISOLATE_ORIGINS_POLICY_NAME" /> che viene applicata alla sessione utente. È consigliabile impostare lo stesso valore per entrambe le norme. Se i valori non corrispondono, può verificarsi un ritardo quando si accede a una sessione utente mentre viene applicato il valore specificato dalla norma relativa agli utenti.
Se la norma è attivata, ciascuna delle origini denominate all'interno di un elenco separato da virgole verrà eseguita nel proprio processo. Ciò isolerà anche le origini indicate dai sottodomini, ad esempio specificando https://example.com/ si isolerà anche https://foo.example.com/, perché fa parte del sito https://example.com/.
Se la norma è disattivata, le funzionalità IsolateOrigins e SitePerProcess saranno entrambe disattivate. Gli utenti potranno ancora attivare IsolateOrigins manualmente, tramite flag da riga di comando.
Se la norma non è configurata, per la schermata di accesso verranno usate le impostazioni di isolamento dei siti predefinite della piattaforma.
</translation>
<translation id="5901427587865226597">Solo stampa fronte/retro</translation>
<translation id="5906199912611534122">Consente di attivare o disattivare la limitazione della larghezza di banda.
La scelta è valida per tutti gli utenti e per tutte le interfacce sul dispositivo. Una volta impostata, la limitazione rimane valida fino alla modifica della norma per disattivarla.
Se la norma viene impostata su false, non viene applicata alcuna limitazione.
Se viene impostata su true, il sistema viene limitato per raggiungere le velocità di caricamento e download indicate (in kbit/s).</translation>
<translation id="5921713479449475707">Permetti download di aggiornamento automatico tramite HTTP</translation>
<translation id="5921888683953999946">Consente di impostare lo stato predefinito della funzione di accessibilità del puntatore grande nella schermata di accesso.
Se questa norma viene impostata su true, il puntatore grande viene attivato quando viene visualizzata la schermata di accesso.
Se la norma viene impostata su false, il puntatore grande viene disattivato quando viene visualizzata la schermata di accesso.
Se la norma viene impostata, gli utenti possono ignorarla temporaneamente attivando o disattivando il puntatore grande. La scelta dell'utente non è però permanente e viene ripristinato il valore predefinito quando viene visualizzata di nuovo la schermata di accesso o quando l'utente rimane inattivo nella schermata di accesso per un minuto.
Se la norma non viene impostata, il puntatore grande viene disattivato alla prima visualizzazione della schermata di accesso. Gli utenti possono attivare o disattivare il puntatore grande in qualsiasi momento e il relativo stato nella schermata di accesso persiste per tutti gli utenti.</translation>
<translation id="5929855945144989709">Consente ai dispositivi di eseguire macchine virtuali su Chrome OS</translation>
<translation id="5932767795525445337">Questa policy può essere utilizzata anche per bloccare app per Android.</translation>
<translation id="5936622343001856595">Forza l'esecuzione delle query in Ricerca Google con l'opzione SafeSearch attiva e impedisce agli utenti di modificare questa impostazione.
Se attivi l'impostazione, SafeSearch in Ricerca Google è sempre attiva.
Se disattivi l'impostazione o non imposti un valore, l'utilizzo di SafeSearch non viene forzato in Ricerca Google.</translation>
<translation id="5946082169633555022">Canale Beta</translation>
<translation id="5950205771952201658">Alla luce del fatto che i controlli della revoca online soft-fail non offrono un effettivo vantaggio per la sicurezza, sono disattivati per impostazione predefinita nella versione 19 e nelle versioni successive di <ph name="PRODUCT_NAME" />. Se questa norma viene impostata su true, viene ripristinato il comportamento precedente e vengono effettuati controlli OCSP/CRL online.
Se la norma non viene impostata o viene impostata su false, <ph name="PRODUCT_NAME" /> non effettuerà controlli della revoca online in <ph name="PRODUCT_NAME" /> 19 e nelle versioni successive.</translation>
<translation id="5966615072639944554">Estensioni autorizzate a utilizzare l'API di attestazione da remoto</translation>
<translation id="5983708779415553259">Comportamento predefinito per i siti non presenti in pacchetti di contenuti</translation>
<translation id="5997543603646547632">Utilizza orologio di 24 ore per impostazione predefinita</translation>
<translation id="5997846976342452720">Specifica se disattivare o meno la ricerca dei plug-in (ritirata)</translation>
<translation id="6017568866726630990">Mostra la finestra di dialogo di stampa del sistema invece dell'anteprima di stampa.
Se l'impostazione è attivata, <ph name="PRODUCT_NAME" /> aprirà la finestra di dialogo di stampa del sistema invece dell'anteprima di stampa integrata quando un utente richiede la stampa di una pagina.
Se il criterio non è impostato o è impostato su False, i comandi di stampa attivano la schermata dell'anteprima di stampa.</translation>
<translation id="6022948604095165524">Azione all'avvio</translation>
<translation id="6023030044732320798">Consente di specificare un insieme di norme che saranno trasferite al runtime ARC. Il valore deve essere un JSON valido.
È possibile usare questa norma per configurare le app Android da installare automaticamente sul dispositivo:
{
"type": "object",
"properties": {
"applications": {
"type": "array",
"items": {
"type": "object",
"properties": {
"packageName": {
"description": "Identificatore dell'app Android, ad esempio "com.google.android.gm" per Gmail",
"type": "string"
},
"installType": {
"description": "Consente di specificare la modalità di installazione di un'app. OPTIONAL: l'app non viene installata automaticamente, ma l'utente può installarla. Si tratta del valore predefinito se questa norma non viene specificata. PRELOAD: l'app viene installata automaticamente, ma l'utente può disinstallarla. FORCE_INSTALLED: l'app viene installata automaticamente e l'utente non può disinstallarla. BLOCKED: l'app è bloccata e non può essere installata. Se l'app è stata installata in base a una norma precedente, verrà disinstallata.",
"type": "string",
"enum": [
"OPTIONAL",
"PRELOAD",
"FORCE_INSTALLED",
"BLOCKED"
]
},
"defaultPermissionPolicy": {
"description": "Norma per le richieste di concessione delle autorizzazioni delle app. PERMISSION_POLICY_UNSPECIFIED: norma non specificata. Se per un'autorizzazione non viene specificata alcuna norma a nessuno livello, viene usato per impostazione predefinita il comportamento "PROMPT". PROMPT: viene chiesto all'utente di concedere un'autorizzazione. GRANT: viene concessa automaticamente un'autorizzazione. DENY: viene negata automaticamente un'autorizzazione.",
"type": "string",
"enum": [
"PERMISSION_POLICY_UNSPECIFIED",
"PROMPT",
"GRANT",
"DENY"
]
},
"managedConfiguration": {
"description": "Oggetto di configurazione JSON specifico dell'app con una serie di coppie chiave-valore, ad esempio '"managedConfiguration": { "key1": value1, "key2": value2 }'. Le chiavi sono definite nel file manifest dell'app.",
"type": "object"
}
}
}
}
}
}
Per bloccare le app in Avvio applicazioni, vedi la norma PinnedLauncherApps.</translation>
<translation id="602728333950205286">URL di ricerca istantanea del provider di ricerca predefinito</translation>
<translation id="603410445099326293">Parametri per l'URL del suggerimento che utilizza POST</translation>
<translation id="6036523166753287175">Abilita attraversamento firewall da host di accesso remoto</translation>
<translation id="6070667616071269965">Layout da tastiera della schermata di accesso del dispositivo</translation>
<translation id="6074963268421707432">Non consentire la visualizzazione di notifiche desktop da parte dei siti</translation>
<translation id="6074964551275531965">Imposta il periodo di tempo per le notifiche relative agli aggiornamenti</translation>
<translation id="6076099373507468537">Definisce l'elenco di dispositivi USB che possono essere scollegati dal driver del kernel per essere utilizzati tramite l'API chrome.usb direttamente all'interno di un'applicazione web. Le voci sono coppie costituite dall'ID fornitore USB e dall'ID prodotto per identificare un hardware specifico.
Se la norma non è configurata, l'elenco di dispositivi USB scollegabili è vuoto.</translation>
<translation id="6083631234867522991">Windows (client Windows):</translation>
<translation id="6091233616732024397">Obbliga gli utenti ad eseguire l'accesso per poter usare il browser</translation>
<translation id="6093156968240188330">Consente agli utenti remoti di interagire con finestre con privilegi più elevati nelle sessioni di assistenza remota</translation>
<translation id="6095999036251797924">Consente di specificare il periodo di tempo senza input dell'utente trascorso il quale lo schermo viene bloccato durante l'utilizzo di alimentazione CA o batteria.
Se il periodo di tempo viene impostato su un valore maggiore di zero, questo valore rappresenta il periodo di tempo per cui l'utente deve rimanere inattivo prima che <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> blocchi lo schermo.
Se il periodo di tempo viene impostato su zero, <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> non blocca lo schermo quando l'utente diventa inattivo.
Se il periodo di tempo non viene impostato, viene utilizzato un periodo di tempo predefinito.
La modalità di blocco dello schermo per inattività consigliata è l'attivazione del blocco schermo in caso di sospensione e la sospensione di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> una volta trascorso il ritardo di inattività. Questa norma dovrebbe essere utilizzata soltanto quando il blocco dello schermo deve avvenire molto prima della sospensione o quando non si desidera attivare la sospensione in caso di inattività.
Il valore della norma deve essere specificato in millisecondi. I valori devono essere minori del ritardo di inattività.</translation>
<translation id="6097601282776163274">Attiva la raccolta di dati anonimizzati con chiave URL</translation>
<translation id="6099853574908182288">Modalità di stampa a colori predefinita</translation>
<translation id="6111936128861357925">Attiva il gioco del dinosauro</translation>
<translation id="6114416803310251055">obsoleto</translation>
<translation id="6133088669883929098">Consenti a tutti i siti di utilizzare la generazione di chiavi</translation>
<translation id="6145799962557135888">Consente di impostare un elenco di pattern URL che specificano i siti in cui è consentita l'esecuzione di JavaScript. Se questa norma non viene impostata, per tutti i siti verrà utilizzato il valore predefinito globale della norma "DefaultJavaScriptSetting", se è impostata, oppure verrà utilizzata la configurazione personale dell'utente.</translation>
<translation id="614662973812186053">Questa norma controlla anche la raccolta dei dati diagnostici e sull'utilizzo di Android.</translation>
<translation id="6153048425064249648">Questa norma consente di controllare il reporting su cloud di <ph name="PRODUCT_NAME" />, che carica informazioni sul funzionamento del browser sulla Console di amministrazione Google.
Se questa norma non viene impostata o viene impostata su False, i dati non vengono raccolti o caricati.
Se questa norma viene impostata su True, i dati vengono raccolti e caricati sulla Console di amministrazione Google.
Per controllare quali dati vengono caricati, ricorri alle norme nel gruppo Estensione per la segnalazione di Chrome.
Questa norma viene applicata soltanto se il computer viene registrato con la norma <ph name="MACHINE_LEVEL_USER_CLOUD_POLICY_ENROLLMENT_TOKEN_POLICY_NAME" />.
Questa norma effettua l'installazione forzata di <ph name="CHROME_REPORTING_EXTENSION_NAME" /> per il reporting ed esegue l'override di tutte le norme di estensione relative a quell'estensione.</translation>
<translation id="6155247658847899816">Quando questa norma è impostata, la risoluzione e il fattore di scala per ogni
display sono impostati sui valori specificati. Le impostazioni del display esterno vengono
applicate a tutti i display esterni collegati.
I valori "external_width" ed "external_height" devono essere specificati in
pixel. I valori "external_scale_percentage" e
"internal_scale_percentage" devono essere specificati in percentuale.
Se il valore "external_use_native" è impostato su true, la norma ignora i valori
"external_height" ed "external_width" e imposta la risoluzione nativa
dei display esterni.
Se il valore "external_use_native" è impostato su false o non è fornito e non viene fornito nemmeno
il valore "external_height" o "external_width", la norma non
influisce sulle impostazioni del display esterno. Se la risoluzione o il
fattore di scala specificati non sono supportati da un display, la norma non viene applicata
al display.
Se il contrassegno "recommended" è impostato su true, gli utenti possono modificare la risoluzione e
il fattore di scala di qualsiasi display tramite la pagina delle impostazioni dopo aver eseguito l'accesso, tuttavia
al riavvio successivo le loro impostazioni verranno sostituite dal valore della norma.
Se il contrassegno "recommended" è impostato su false o non è impostato, gli utenti non possono modificare le
impostazioni del display.</translation>
<translation id="6155936611791017817">Impostazione stato predefinito del puntatore grande nella schermata di accesso</translation>
<translation id="6157537876488211233">Elenco separato da virgole delle regole di bypass proxy</translation>
<translation id="6158324314836466367">Nome del web store dell'azienda (obsoleta)</translation>
<translation id="6181608880636987460">Consente di impostare un elenco di pattern URL che specificano i siti che non possono eseguire il plug-in <ph name="FLASH_PLUGIN_NAME" />.
Se questa norma non viene impostata, per tutti i siti verrà utilizzato il valore predefinito globale della norma "DefaultPluginsSetting", se impostata, oppure la configurazione personale dell'utente.</translation>
<translation id="6190022522129724693">Impostazione popup predefiniti</translation>
<translation id="6190367314942602985">Segnala informazioni di identificazione degli utenti</translation>
<translation id="6197453924249895891">Consente di concedere alle estensioni l'accesso alle chiavi aziendali.
Le chiavi sono destinate all'utilizzo aziendale se generate tramite l'API chrome.enterprise.platformKeys su un account gestito. Le chiavi importate o generate in altro modo non sono destinate all'utilizzo aziendale.
L'accesso a chiavi destinate all'utilizzo aziendale è controllato esclusivamente da questa norma. L'utente non può concedere o revocare l'accesso delle estensioni alle chiavi aziendali.
Per impostazione predefinita, un'estensione non può utilizzare una chiave destinata all'utilizzo aziendale. Questo equivale a impostare la norma allowCorporateKeyUsage su false per l'estensione in questione.
Soltanto se la norma allowCorporateKeyUsage relativa a un'estensione viene impostata su true l'estensione può utilizzare qualsiasi chiave della piattaforma contrassegnata per l'utilizzo aziendale per firmare dati arbitrari. Questa autorizzazione dovrebbe essere concessa soltanto se l'estensione è ritenuta attendibile ai fini della protezione della chiave da potenziali attacchi.</translation>
<translation id="6208896993204286313">Segnala informazioni sulle norme di <ph name="PRODUCT_NAME" /></translation>
<translation id="6210259502936598222">Segnala informazioni sulla versione del sistema operativo e di <ph name="PRODUCT_NAME" /></translation>
<translation id="6211428344788340116">Consente di indicare i tempi di attività del dispositivo. Se questa impostazione viene impostata su True, i dispositivi registrati indicheranno i periodi di tempo di attività di un utente sul dispositivo. Se l'impostazione viene impostata su False, i tempi di attività del dispositivo non verranno registrati o indicati.</translation>
<translation id="6212868225782276239">Vengono mostrate tutte le stampanti, tranne quelle indicate nella lista nera.</translation>
<translation id="6219965209794245435">Se viene attivata, questa norma consente di imporre l'importazione dei dati della Compilazione automatica dei moduli dal browser predefinito precedente. Se la norma è attiva incide anche sulla finestra di dialogo di importazione.
Se viene disattivata, i dati della Compilazione automatica dei moduli non vengono importati.
Se non viene impostata, all'utente potrebbe essere chiesto se desidera importare i dati oppure l'importazione potrebbe avvenire automaticamente.</translation>
<translation id="6224304369267200483">URL/domini per cui è consentita automaticamente l'attestazione diretta dei token di sicurezza</translation>
<translation id="6233173491898450179">Imposta directory di download</translation>
<translation id="6244210204546589761">Pagine da aprire all'avvio</translation>
<translation id="6258193603492867656">Consente di specificare se il Kerberos SPN generato deve includere una porta non standard. Se attivi questa impostazione e specifichi una porta non standard (cioè una porta diversa da 80 o 443), la porta verrà inclusa nel Kerberos SPN generato. Se disattivi l'impostazione o non la imposti, il Kerberos SPN generato non includerà in nessun caso una porta.</translation>
<translation id="6261643884958898336">Segnala informazioni di identificazione dei computer</translation>
<translation id="6281043242780654992">Consente di configurare le norme per i messaggi nativi. Gli host di messaggi nativi non autorizzati non saranno consentiti se non vengono aggiunti alla whitelist.</translation>
<translation id="6282799760374509080">Consenti o nega acquisizione audio</translation>
<translation id="6284362063448764300">TLS 1.1</translation>
<translation id="6310223829319187614">Consente il completamento automatico del nome di dominio durante l'accesso dell'utente</translation>
<translation id="6315673513957120120">Chrome mostra una pagina di avviso quando gli utenti visitano siti che presentano errori SSL. Per impostazione predefinita, o se la norma viene impostata su true, gli utenti possono fare clic nelle pagine di avviso.
Se questa norma viene impostata su false, gli utenti non possono fare clic nelle pagine di avviso.</translation>
<translation id="6352543686437322588">Un account locale del dispositivo a cui accedere automaticamente dopo un ritardo.
Se questa norma è impostata, verrà eseguito l'accesso automatico alla sessione specificata dopo che è trascorso un periodo di tempo senza interazioni dell'utente nella schermata di accesso. L'account locale del dispositivo deve essere già configurato (vedi |DeviceLocalAccounts|).
Se questa norma non è impostata, non avverrà l'accesso automatico.</translation>
<translation id="6353901068939575220">Consente di specificare i parametri utilizzati durante la ricerca di un URL con POST. Si tratta di coppie di nome/valore separate da virgole. Se un valore è il parametro di un modello, come {searchTerms} nell'esempio precedente, verrà sostituito con i dati dei termini di ricerca reali.
Questa norma è facoltativa. Se non viene impostata, la richiesta di ricerca verrà inviata utilizzando il metodo GET.
Questa norma viene rispettata soltanto se la norma "DefaultSearchProviderEnabled" è attiva.</translation>
<translation id="6367755442345892511">Eventuale configurazione del canale della versione da parte dell'utente</translation>
<translation id="6368011194414932347">Configura l'URL della pagina iniziale</translation>
<translation id="6368403635025849609">Consenti JavaScript su questi siti</translation>
<translation id="6376659517206731212">Può essere obbligatoria</translation>
<translation id="6377355597423503887">Questa norma è stata ritirata; usa la norma BrowserSignin.
Consente all'utente di accedere a <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se questa norma viene impostata, puoi stabilire se un utente può accedere o meno a <ph name="PRODUCT_NAME" />. Se la norma viene impostata su "False", le app e le estensioni che utilizzano l'API chrome.identity non funzioneranno, pertanto è consigliabile utilizzare la norma SyncDisabled.</translation>
<translation id="6378076389057087301">Specifica se l'attività audio incide sulla gestione dell'alimentazione</translation>
<translation id="637934607141010488">Consente di indicare un elenco di utenti del dispositivo che hanno eseguito l'accesso di recente. Se la norma è impostata su False, gli utenti non vengono indicati.</translation>
<translation id="6394350458541421998">La norma non è più supportata a partire dalla versione 29 di <ph name="PRODUCT_OS_NAME" />. Utilizza la norma PresentationScreenDimDelayScale.</translation>
<translation id="6401669939808766804">Disconnetti l'utente</translation>
<translation id="6406448383934634215">Se come azione all'avvio è stato impostato "Apri un elenco di URL", puoi specificare l'elenco degli URL che vengono aperti. Se questa norma non viene impostata, all'avvio non verrà aperto alcun URL.
Questa norma funziona soltanto se la norma "RestoreOnStartup" viene impostata su "RestoreOnStartupIsURLs".
Questa norma è disponibile esclusivamente per le istanze di Windows che fanno parte di un dominio <ph name="MS_AD_NAME" /> così come per le istanze di Windows 10 Pro o Enterprise registrate per la gestione dei dispositivi.</translation>
<translation id="6426205278746959912">Non è possibile imporre l'utilizzo di un proxy alle app Android. Viene messo a disposizione un sottoinsieme di impostazioni proxy che le app Android possono decidere se rispettare o meno.
Se si decide di non usare mai un server proxy, alle app Android viene comunicato che non è configurato alcun proxy.
Se si decide di usare le impostazioni proxy di sistema o un proxy server fisso, alle app Android vengono forniti l'indirizzo HTTP e la porta di tale server.
Se si decide di rilevare automaticamente il server proxy, alle app Android viene fornito l'URL script "http://wpad/wpad.dat". Non viene utilizzata nessun'altra parte del protocollo di rilevamento automatico del server proxy.
Se si decide di utilizzare uno script proxy .pac, alle app Android viene fornito l'URL script.</translation>
<translation id="6430366557948788869">Estensione Chrome Reporting Extension</translation>
<translation id="6440051664870270040">Consenti ai siti di navigare e aprire popup contemporaneamente</translation>
<translation id="6447948611083700881">Backup e ripristino disabilitati</translation>
<translation id="645425387487868471">Attiva l'accesso forzato per <ph name="PRODUCT_NAME" /></translation>
<translation id="6464074037294098618">Attiva la Compilazione automatica per gli indirizzi</translation>
<translation id="6473623140202114570">Configura l'elenco di domini sui quali Navigazione sicura non attiverà avvisi.</translation>
<translation id="6488627892044759800">Consente di configurare il tipo di home page predefinita di <ph name="PRODUCT_NAME" /> e di impedire agli utenti di modificare le preferenze della home page. L'home page può essere impostata sull'URL specificato oppure sulla pagina Nuova scheda.
Se attivi questa impostazione, la pagina Nuova scheda verrà sempre utilizzata come home page e l'URL della home page verrà ignorato.
Se disattivi questa impostazione, la home page dell'utente non sarà mai la pagina Nuova scheda, a meno che l'URL sia impostato su "chrome://newtab".
Se questa impostazione viene attivata o disattivata, gli utenti non possono modificare il tipo di home page in <ph name="PRODUCT_NAME" />.
Se questa norma non viene impostata, l'utente può scegliere autonomamente se utilizzare la pagina Nuova scheda come home page.
Questa norma è disponibile esclusivamente per le istanze di Windows che fanno parte di un dominio <ph name="MS_AD_NAME" /> così come per le istanze di Windows 10 Pro o Enterprise registrate per la gestione dei dispositivi.</translation>
<translation id="6491139795995924304">Consenti Bluetooth sul dispositivo</translation>
<translation id="6495328383950074966">Consente di configurare l'elenco dei domini che Navigazione sicura ritiene attendibili. Ciò significa che:
Navigazione sicura non controllerà la presenza di risorse pericolose (ad es. phishing, malware o software indesiderato) se i rispettivi URL corrispondono a questi domini.
Il servizio di protezione dei download di Navigazione sicura non controllerà i download ospitati su questi domini.
Il servizio di protezione tramite password di Navigazione sicura non controllerà il riutilizzo della password se l'URL della pagina corrisponde a questi domini.
Se questa impostazione è attivata, Navigazione sicura considererà questi domini attendibili.
Se questa impostazione è disattivata o non impostata, a tutte le risorse verrà applicata la protezione predefinita di Navigazione sicura.
Questa norma è disponibile esclusivamente per le istanze di Windows che fanno parte di un dominio <ph name="MS_AD_NAME" /> così come per le istanze di Windows 10 Pro o Enterprise registrate per la gestione dei dispositivi.</translation>
<translation id="6515357889978918016">Immagine <ph name="PLUGIN_VM_NAME" /></translation>
<translation id="6520802717075138474">Importa motori di ricerca dal browser predefinito alla prima esecuzione</translation>
<translation id="6525955212636890608">Se attivi questa impostazione, verranno eseguiti tutti i contenuti Flash incorporati nei siti web per cui è stato consentito Flash nelle impostazioni dei contenuti (dall'utente o in base a una norma aziendale), inclusi i contenuti di altre origini o contenuti ridotti.
Per stabilire quali siti web possono eseguire i contenuti Flash, fai riferimento alle norme "DefaultPluginsSetting", "PluginsAllowedForUrls" e "PluginsBlockedForUrls".
Se questa impostazione viene disattivata o non viene impostata, i contenuti Flash di altre origini o i contenuti ridotti potrebbero essere bloccati.</translation>
<translation id="6532769014584932288">Consenti i wakelock</translation>
<translation id="653608967792832033">Consente di specificare il periodo di tempo senza input dell'utente trascorso il quale lo schermo viene bloccato quando viene utilizzata la batteria.
Se questa norma viene impostata su un valore maggiore di zero, consente di specificare il periodo di tempo per cui l'utente deve rimanere inattivo prima che <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> blocchi lo schermo.
Se questa norma viene impostata su zero, <ph name="PRODUCT_OS_NAME" /> non blocca lo schermo quando l'utente diventa inattivo.
Se questa norma non viene impostata, viene utilizzato un periodo di tempo predefinito.